U16 – Feltre corsaro all’Agorà. Per Milano si mette male

MILANO – Per la prima giornata del girone di ritorno il Milano era atteso dalla rivincita della sfida contro il Feltreghiaccio/Boscochiesanuova, vinta dal bellunesi all’andata. Era un match importante perché Feltre e Milano sono in lotta per l’accesso ai quarti di finale e, col pareggio meneghino a Torre Pellice, i lombardi inseguono dietro ai veneti di un punto.

Ospiti in vantaggio al 10° con Raccanelli, il Milano fatica a creare spazi. All’11:11 il rossoblù Suevo è bravo a rubare il disco all’ultimo uomo feltrino ma cicca il disco al momento del tiro sottoporta. Al 14:07 bella parata di Tealdi sul biancorosso Pollini che sfiora il raddoppio. Il Feltre al 16° si trova a giocare un paio di minuti in 5 contro 3 ma il raddoppio non arriva. Qualche tiro insidioso non trova la porta, uno viene abilmente pinzato dal goalie, l’altro viene deviato ma respinto dai gambali. Altri pericoli dalle parti di Tealdi ma il disco non vuole entrare e il Milano se la cava con uno 0-1 tutto da recuperare.

Nel secondo tempo però la determinazione non basta, il Milano è pericoloso in powerplay con deviazioni velenose ma il Feltre è più concreto e non lascia scampo. Al 23° il tiro il Marco Raccanelli dai 10 metri va a infilarsi proprio nell’angolino (bis personale). Terza rete un minuto dopo con un tiro che viene parato ma sul rimbalzo Polini pur chiuso nello slot a sandwich e in caduta spinge in qualche modo il disco in rete. Il Milano è scosso ma può ritornare in partita con un powerplay dove però combina poco. Al 32:35 un tiro ravvicinato di Pirelli viene parato e sul capovolgimento di fronte nasce la quarta rete ospite. Troppi giocatori vanno a popolare lo slot del portiere Fadani che nel frattempo si era avvicendato al collega Tealdi. Parte il tiro di Da Forno che sorpassa l’angolo difeso dallo scudo. Nel finale di periodo al 37:49 buona occasione del Milano in penalità differita. A portiere inginocchiato l’attaccante meneghino non alza abbastanza il disco.
Il Milano scende in pista nel terzo tempo desideroso di tornare in partita ma la frustrazione rovina le trame del gioco. Al 43:44 in powerplay back pericoloso di Pinelli, dall’altra parte al 45:41 Raccanelli cerca il tris con un tiro al volo violento che il portiere intercetta. Al 50° ci prova di potenza anche il veneto Matteo Dall’Agnol, tanti minuti sul ghiaccio con un fisico più sviluppato di avversari e compagni. Il suo slap viene comunque neutralizzato. Al 42:27 Milano all’arrembaggio con il tiro di Marini che è alla giusta altezza ma centrale. Ci prova anche Finessi al 54° raccogliendo un passaggio coast to coast sotto porta, ma non alzando abbastanza il disco per battere il portiere in butterfly. La partita si chiude col Milano in powerplay dopo una mezza rissa in un momento di gioco diventato troppo fisico. Dall’Agnol finisce in panca per due minuti nonostante le proteste di Da Rin per il suo cross checking troppo vicino al collo. A un minuto dalla fine però il portiere feltrino Curto porta a termine lo shutout iniziato da Manfroi resistendo anche al tiro di Finessi che perde il tempo del tiro.

Hockey Milano Rossoblu – HC Feltreghiaccio Junior 0-4 (0-1, 0-3, 0-0)
Marcatori: 9:27 (0-1) Raccanelli, 22:05 (0-2) Raccanelli, 23:16 (0-3) Polini, 32:50 (0-4) Da Forno (De Giacinto)
Milano: Tealdi Sean 28 (dal 23:16 Fadani Davide 35);  Marini Matteo “C” 91, Fadani Andrea 5, Bernini Davide 4, Toppan Alessandro 77, Decisi Riccardo 69, Loretti Davide 25, Da Rin Matteo 9, Asinelli Gabriele 90; Gallarotti Yan 17, Somaini Stefano “A” 73, Carati Emanuele 98, Suevo Bryan 19, Rossi Tommaso 27, Finessi Samuele 7, Pirelli Andrea 8. Allenatore: Massimo Da Rin
Feltreghiaccio: Manfroi Jodie 25 (dal 20:00 Curto Fabio 31); Bianchi Alessio “C” 71, Righes Claudio 76, Scopel Francesco 43, De Paoli Giovanni 74, Raccanelli Marco 10, Frada Matteo 12, Damin Andrea 14, De Giacinto Giorgio 93; Nachtigal Riccardo 8, De Giacinto Alvise 6, Dall’Agnol Matteo 90, De Bortoli Riccardo 66, Da Forno Marco 81, Polini Nicolò 75, Ederle Pietro 44, Brunelli Gregorio 9. Allenatore: Milos Kupec
Arbitri: Lambrughi F. e Brambilla J.
Penalità: 12-18 (8-6, 0-6, 4-6)
Spettatori: 70
Tiri: 32-38