Il resoconto della trentasettesima giornata

Tre grandi conferme ed una sorpresa. Questo in estrema sintesi è quanto accaduto nella trentasettesima giornata del campionato di Hockey. Le tre conferme sono le vittorie di: Renon, Milano e Val Pusteria mentre la sorpresa, è la larga vittoria che il Vipiteno è andato a cogliere sul difficile ghiaccio di Torre Pellice. Ma vediamo, nel dettaglio, cosa è accaduto nei quattro incontri in programma ieri sera.

Hockey Milano Rossoblu – Hafro S.G. Cortina 5-3 (2-0/0-2/3-1)
Il Milano Rossoblu recuperava lo squalificato Didiomete e, dopo la brillante vittoria di giovedì al Cotta Morandini si presentava praticamente al completo, gli ampezzani, di contro, sono scesi sul ghiaccio dell’Agorà senza il loro miglior alfiere (Stanislav Gron) e tale assenza non è di certo stata bilanciata dal debutto di Kevin Doell, centro canadese di 35 anni, proveniente dal Vasteras della Allsvenkan, la seconda serie svedese. Primo drittel ben giocato dai padroni di casa che hanno chiuso i primi venti minuti sul doppio vantaggio (2-0). Gli ospiti, pur incerottati dalle assenze (oltre a Gron mancavano anche Baldo e Talamini) trovavano il bandolo del gioco ed impattavano il risultato nei secondi venti minuti di gioco. Tutto si è quindi deciso nel drittel finale nel quale il Milano confermando la buona condizione atletica, ha rifilato agli scoiattoli ampezzani un parziale di 3-1 che ha chiuso i conti. Con questa vittoria la formazione di Insam ha potuto accorciare le distanze dallo stesso Cortina che adesso sopravanza i Meneghini di soli sette punti.
Marcatori: 08:26 (1-0) B.J.Schell (A.Lutz/D.DiDiomete); 10:49 (2-0) M.Lo Presti (J.Fritsch/N.Fontanive); 21:35 (2-1) F.Adami (L.Zanatta/L.Felicetti); 28:50 (2-2) L.Felicetti (R.Birzins/F.Adami) in sup.num.; 49:24 (3-2) M.Ranallo (A.Lutz/D.DiDiomete); 55:20 (4-2) B.J.Schell (J. Fritsch/A.Lutz) in sup.num.; 55:41 (4-3) R.Dingle (K.Doell); 59:20 (5-3) U.Guerra a porta vuota; Tiri in porta: Milano 28 (15/5/8) – Cortina 44 (14/17/13); Penalità: Milano 3×2’ – Cortina 4×2’; Powerplay:  Milano 1/2 – Cortina 1/3;  Arbitri: Luca Cassol e Claudio Pianezze; Giudici di linea: Fabrizio De Toni e Omar Piniè; Durata incontro: 2:09; Spettatori: 2.479.

Ritten Sport Renault Trucks – Sportiva H.C. Val di Fassa 9-0 (3-0/5-0/1-0)
Il Renon è bravo e questo non lo si scopre certo stasera, la formazione di Rob Wilson gioca infatti un buon hockey, ha tre linee che fanno faville e sta dominando ampiamente e meritatamente questa fase della stagione e quindi, come accade in questi frangenti è anche “baciato dalla Dea bendata”. D’altronde anche il Poeta Virgilio diceva “audentes fortuna iuvat, timidosque repellit” e quindi, non c’è proprio nulla di nuovo sotto il sole. E’ comunque certo che incontrare il Fassa, ultimo in classifica, sul ghiaccio amico, non sarebbe stato, di per se una “Mission Impossible” per i Rittner Buam, ma incontrarla con la contemporanea assenza dei due portieri titolari Kai Tillanen e Gianluca Vallini ha reso alla capolista questo match ancor meno difficile. Tra i Buam rientrava Thomas Spinell, assente nel vittorioso derby della Weihenstephan Arena, e debuttava il nazionale francese Maxime Moisand. Per turnover non giocava Gabe Guentzel, e restavano in infermeria: Ploner, Rampazzo e Alber. Nel Fassa, dopo la partenza del Finlandese Ville Laine che ha lasciato la squadra per motivi personali, è tornato Milos Ganz dall’Alleghe. Stasera, viste le pesanti assenze di cui sopra, a difesa della gabbia andava Gianni Scola, mentre il suo backup era “l’Under 18” Michele Lazzer. Oltre a Kai Tillanen e Vallini, Erwin Kostner doveva fare a meno anche di  Casagranda, De Luca e Constatin. La partita non ha mai avuto storia, poiché il Renon ha sempre dominato il gioco in lungo ed in largo; la pattuglia di Kostner di contro ha cercato di tenere il risultato entro limiti accettabili ma la pressione dei padroni di casa è stata sempre asfissiante e non ha permesso ai Ladini neppure di raggiungere questo minimo traguardo.
Marcatori: 01:16 (1-0) D.Tudin (M.Moisand/P.Rissmiller); 08:19 (2-0) L.Daccordo (E.Johansson/E.Scelfo); 16:51 (3-0) D.Urquhart (L.Nelson/M.Siddall) in sup.num.; 20:24 (4-0) M.Siddall (E.Johansson/L.Nelson); 27:38 (5-0) P.Rissmiller (I.Gruber/L.Ansoldi); 29:25 (6-0) E.Scelfo (L.Daccordo/T.Ramsey); 31:05 (7-0) E.Johansson (T.Ramsey/I.Gruber); 39:19 (8-0) T.Spinell su rigore; 45:20 (9-0) L.Nelson (D.Urquhart/P.Rissmiller); Tiri in porta: Renon 36 (13/14/9) – Fassa 18 (4/6/8); Penalità: Renon 4×2’ – Fassa 5×2’; Powerplay: Renon  2/3 – Fassa 0/2; Arbitri: Karel Metelka e Michele Gastaldelli; Giudici di linea: Maurizio Lorengo e Patrick Gruber; Durata incontro: 1:55; Spettatori: 701.

Lupi Fiat Professional Val Pusteria – Migross Supermercati Asiago 5-0 (0-0/3-0/2-0)
Il calendario metteva di fronte, per la seconda volta in questa settimana, i Lupi della Pusteria ed i  Lions di Asiago e, come già accaduto nel match dell’Odegar, sono stati ancora una volta i giallo-neri a prevalere. Certamente le assenze hanno giocato a favore del Val Pusteria che pur lamentando quelle di Scandella, Erlacher e Tauber, non ha potuto “competere” con l’Asiago che, oltre a DiDomenico, Paul Zanette ed Ulmer, doveva rinunciare anche ad Andrea Strazzabosco e Michele Stevan. I Lupi, tra l’altro, ritrovavano pure il san candidese, Danny Elliscasis. Dopo un primo tempo equilibrato, nel quale il Val Pusteria non è riuscito a superare l’attenta guardia di Marozzi, la gara ha completamente cambiato volto nell’arco di meno di 50 secondi,  proprio in apertura del secondo drittel. Con Michele Strazzabosco in panca puniti, Max Oberrauch è stato lesto a realizzare il goal del vantaggio e sullo slancio, McCauley ha deviato dentro la gabbia un tiro di Borgatello dalla blu. La gara è così diventata in discesa per i giallo neri che l’hanno controllata agevolmente rimpinguando, anzi, il vantaggio con le segnature di David Ling, Christian Mair e Ryan O’Marra. Per i Pusteresi è questa la terza vittoria in cinque giorni, e ben due sono state conseguite ai danni dei Campioni d’Italia. L’Asiago, due punti in tre partite, ha confermato di risentire delle pesanti assenze che lo obbligano a limitare al massimo i danni, nell’attesa di poter recuperare qualcuna delle sue stelle.
Marcatori: 21:54 (1-0) M.Oberrauch (D.McCauley/R.Sirianii) in sup.num.; 22:37 (2-0) D.McCauley (C.Borgatello/K.McLeod); 36:47 (3-0) D.Ling (R.Sirianni); 53:53 (4-0) C.Mair (D.Glira/P.Bona); 58:12 (5-0) R.O’Marra (P.Bona/C.Borgatello); Tiri in porta: Val Pusteria 45 (18/18/9) – Asiago 33 (11/13/9); Penalità: Val Pusteria 4×2’ – Asiago 2×2’; Powerplay: Val Pusteria 1/2 – Asiago 0/4; Arbitri: Glauco Colcuc e Leandro Soraperra; Giudici di linea: Marco Mori e Federico Stefenelli; Durata incontro: 2:00; Spettatori: 1,700.

H.C. Valpellice Bodino Engineering – S.S.I. Vipiteno Broncos Weihenstephan 3-7 (2-4, 1-1, 0-2)
Dopo quella subita giovedì scorso nel derby del Nord Ovest è arrivata stasera la seconda sconfitta consecutiva, sul ghiaccio amico per i ragazzi di Flanagan. I Bulldogs, dopo una buona partenza che li aveva portati al nono minuto a condurre 2-0, si sono mano a mano spenti sotto le giocate del Vipiteno che è dilagato già nel primo tempo, rimontando lo svantaggio iniziale,  e mettendo a segno un parziale di quattro segnature a zero. Il secondo drittel è stato abbastanza equilibrato ma i problemi difensivi dei padroni di casa sono emersi ancora nella frazione finale ed il Vipiteno ha festeggiato, meritatamente, il ritorno alla vittoria dopo ben 9 battute di arresto consecutive. I Bulldogs, con questa battuta di arresto, scivolano in classifica a sedici lunghezze dalla capolista Renon ma mantengono saldamente la quarta poltrona della Tabella Generale.
Marcatori: 1:31 (1-0) Paolo Nicolao (Scott Barney, Ryan MC Donough); 8:05 (2-0) Marco Pozzi (superiorità numerica) (Ryan MC Donough, Andrea Ambrosi); 9:51 (2-1) Derek Eastman (superiorità numerica) (Christopher Knowlton, Louis Liotti); 11:48 (2-2) Trevor Jon Caig (inferiorità numerica) (Louis Liotti); 12:17 (2-3) Hannes Stofner (inferiorità numerica) (David Ludvik, Christopher Knowlton); 19:55 (2-4) Hannes Stofner (Derek Eastman, Patrick Mair); 27:32 (3-4) Dean Strong (Tyler Maxwell, Garry Nunn); 38:15 (3-5) Trevor Jon Caig (Hannes Stofner, Fabian Hackhofer);  51:47 (3-6) Derek Lee (David Ludvik); 56:36 (3-7) Patrick Mair (Gunnar Braito, Christian Sottsas); tiri in porta: HC Valpellice Bodino Engineering 20 (11/6/3) SSI Vipiteno Weihenstephan 30 (6/11/13); Penalità: HC Valpellice Bodino Engineering 7×2’, SSI Vipiteno Weihenstephan 7×2’; Arbitri: Claudio Ferrini e Fabio Lottaroli; Giudici di linea: Manuel Manfroi e Willy Vinicio Volcan; Durata incontro: 2:02; Spettatori: 1,680.

Classifica Elite A Itas Cup
1) Renon 81 punti;
2) Val Pusteria 71 punti;
3) Asiago 66 punti;**
4) Valpellice punti 65;
5)  Cortina 54 punti;*
6)  Milano 47 punti;*
7)  Vipiteno 34 punti;
8)  Fassa 20 punti;

* una partita in meno;
** due partite in meno

Tags: