Il resoconto della trentaduesima giornata

E’ stato un sabato di risultati decisamente pro Asiago. Gli stellati hanno sconfitto largamente la Valpe, mentre il Renon, proseguendo nell’altalena di risultati ha perso, ai rigori, all’Olimpico di Cortina. Il Val Pusteria, in piena crisi di gioco e di risultati, ha perso in casa contro il Milano mentre il Fassa ha rimandato sconfitto il Vipiteno nel derby delle ultime della classe.

Migross Supermercati H.C. Asiago – H.C. Valpellice Bodino Engineering 8-3 (1-1/3-2/4-0)

L’Asiago ha fatto suo, meritatamente, il match più importante della trentaduesima giornata, superando, largamente, ma solo nel terzo drittel, la strenue resistenza dei Torresi. La partita, contrariamente a quanto potrebbe apparire da una frettolosa lettura del risultato è stata apertissima per i primi due drittel, e solo dal quarantesimo minuto in poi i Campioni d’Italia hanno saputo e potuto disporre al meglio degli avversari. Tra gli stellati rientrava in difesa Lorenzo Casetti, ma nel reparto arretrato si segnalavano ancora le assenze di Andrè Signoretti e Stefano Marchetti. In attacco, oltre a quella lunghissima e pesantissima di Layne Ulmer, Coach John Parco doveva fare a meno anche di Michele Stevan. Nel Valpellice, escluso per turnover Ryan McDonough, mancava solo Paolo Nicolao. Come detto, dopo due tempi giocati alla pari, l’Asiago, accelerava l’andatura e stroncava letteralmente i piemontesi con un pesante parziale di quattro segnature a zero. Martedì l‘Asiago salirà a Collalbo mentre il Valpellice ospiterà all’Arena Cotta Morandini il Fassa, fanalino di coda ma reduce dalla brillante vittoria di ieri sera contro il Vipiteno.

Marcatori: 03:23 (0-1) S.Tomko (T.Johnson/B.Ihnacak); 06:55 (1-1) K.DeVergilio (C.DiDomenico/S.Bentivoglio) in sup.num.; 20:14 (2-1) K.DeVergilio (S.Bentivoglio/C.DiDomenico); 21:06 (2-2) M.Pozzi (D.Strong/G.Nunn); 26:57 (2-3) B.Ihnacak (D.Strong) in inf.num.; 27:27 (3-3) C.DiDomenico (S.Bentivoglio/K.Devergilio) in sup.num.; 32.53 (4-3) M.Strazzabosco (C.DiDomenico/M.Tessari); 41:26 (5-3) M.Tessari (D.Borrelli/F.Benetti); 48:19 (6-3) C.DiDomenico (S.Bentivoglio/K.DeVergilio); 51:22 (7-3) S.Bentivoglio (C.DiDomenico/D.Sullivan) in sup.num.; 58:38 (8-3) L.Casetti (F.Benetti/M.Tessari); Tiri in porta: Asiago 40 (12/19/9) – Valpellice 47 (23/12/12); Penalità: Asiago 3×2’ – Valpellice 7×2’ + 10’ a Slavomir Tomko;  Arbitri: Fabio Lottaroli e Claudio Pianezze; Giudici di linea: Nicola Basso e Stefano Giovanni Terragni;

Hafro S.G. Cortina – Ritten Sport Renault Trucks 3-2 d.t.r. (1-0/1-1/0-1/0-0/1-0)

Dopo la pesantissima sconfitta subita a Torre Pellice, il Cortina recupera motivazioni e condizione riuscendo a vincere ai tiri di rigori, davanti al pubblico amico, contro la capolista Renon, reduce dalla larga vittoria nel derby col Val Pusteria.  Tra i padroni di casa, rientrava Luca Felicetti ma Coach Beddoes doveva fare a meno di Andrea Baldo, Francesco Adami e Renè Vallazza. Nel Renon si registrava la pesante assenza del portiere Chris Mason: al suo posto a difesa della gabbia c’era Niederstätter ma (e ci perdoni il pur bravo Josef) sostituire l’ex goalie NHL è compito praticamente proibitivo per chiunque. La formazione capolista, che in settimana aveva messo in riga Asiago e Val Pusteria, doveva fare a meno anche di Ingemar Gruber. La gara è stata molto equilibrata e si è decisa agli Shootout. Ai tiri di rigore gli scoiattoli hanno infilato per due volte la gabbia del Renon con Stanislav Gron e Ryan Dingle (è suo il goal decisivo) per i Rittner Buam ha risposto solo l’ex NHL Patrick Rissmiller. I due punti sono quindi restati nelle mani del Cortina ed agli ospiti è andata solo la briciolina del punticino che, peraltro, è servita a mantenere il provvisorio primo posto tre punti sopra ai giallo-rossi che, hanno da recuperare due gare. Prosegue la sfida per la testa della Tabella Generale tra le due formazioni e già martedì prossimo ne potremo sapere di più in quanto il calendario prevede che a Collalbo siano di scena i Campioni d’Italia per quello che già si prevede essere il Match-Clou della trentatreesima giornata.

Marcatori: 00:48 (1-0) J.Grof (P.Albers/S.Gron); 22:18 (1-1) T.Ramsey (M.Siddall/E.Johansson); 31:10 (2-1) S.Gron (R.Dingle/L.Zandonella); 56:22 (2-2) M.Siddall (L.Nelson/E.Johansson); 65:00 (3-2) Rigore decisivo R.Dingle; Tiri in porta: Cortina 34 (12/7/13/1) – Ritten 47 (10/17/17/3); Penalità: Cortina 2×2’ – Renon 3×2’; Arbitri: Karl Pichler e Karel Metelka; Giudici di linea: Alexander Andreas Waldthaler e Claus Unterweger;

Lupi Fiat Professional H.C. Val Pusteria – Hockey Milano Rossoblu 2-4 (1-0/0-2/1-2)

Il Val Pusteria si presenta al face-off di questa importante gara con un roster decisamente ridimenzionato dalle numerose assenze. Tra i padroni di casa mancano infatti J.S.Aubin, (influenzato) Danny Elliscasis (infortunato), Lukas Crepaz (ammalato), Kiel McLeod (problemi muscolari), Dennis McCauley (squalificato per una giornata) ed il lungo degente Lukas Tauber. Coach Richer si consola recuperando Benno Obermair ed Aaron Tomasini. Nel Milano si segnalano invece le assenze di Paul Dainton (infortunato) e Devin DiDiomete (ammalato). Alla difesa della gabbia milanese si assiste al debutto stagionale di Paolo Della Bella che peraltro non farà rimpiangere il goalie titolare. Dopo un primo tempo abbastanza equilibrato nel quale i Lupi Pusteresi trovano il goal del provvisorio vantaggio con Benno Obermaier, nelle seguenti frazioni di gioco, il Milano con un gioco ficcante, mette a nudo gli attuali limiti tecnici e fisici della formazione di casa, e fa meritatamente suo l’incontro, facendoci pensare che coach Adolf Insam abbia trovato la combinazione giusta per far saltare la serratura della Leitner Solar Arena. Ai rossoblu, infatti, il colpaccio riuscì anche nella diciottesima giornata, all’inizio dello scorso dicembre, ed anche in quell’occasione i meneghini riuscirono a superare (dopo i tiri di rigore) i giallo-neri nella loro tana. Ricorsi storici a parte, per il Val Pusteria il momento è decisamente difficile: una sola vittoria contro il Vipiteno è il bilancio della formazione Pusterese da quando il nuovo Coach siede sul pancone, e, soprattutto, mi verrebbe da dire, da quando Christian Söderström se ne è ritornato nella sua Svezia. I Lupi vennero subito sconfitti pesantemente a Cortina al debutto di “Coach Mario” che peraltro coincise con la partenza dell’attaccante svedese. Dopo la pesantissima sconfitta dell’Olimpico, i Lupi superarono i cugini della Alta val d’Isarco quindi, per loro, sono arrivate ben tre sconfitte consecutive: Valpellice (casa) Renon (fuori) e Milano (casa) e la parziale giustificazione delle numerose assenze, non sembra convincere nessuno.  Martedì i Lupi saranno ancora di scena sul ghiaccio amico contro il Cortina mentre il Milano giocherà all’Agorà contro il Vipiteno.

Marcatori: 18:00 (1-0) B.Obermair (A.Obermair/D.Campbell); 26:13 (1-1) M.Ranallo (E.Caletti/T.Goi); 33:41 (1-2) N.Fontanive (M.LoPresti/A.A.Estoclet); 42:42 (1-3) A.Gellert (N.Fontanive/M.Lo Presti); 44:54 (1-4) M.Lo Presti (N.Fontanive/A.A. Estoclet); 46:11 (2-4) G.Scandella (A.Helfer/D.Campbell); Tiri in porta: Val Pusteria 41 (14/10/17) – Milano 33 (11/11/11); Penalità: Val Pusteria 3×2’ – Milano 5×2’; Arbitri: Andrea Moschen e Nadir Ceschini; Giudici di linea: Christian Cristeli e Matthias Cristeli;

Sportiva H.C. Val di Fassa Volvo – S.S.I. Vipiteno Broncos Weihenstephan 3-2 (0-0/3-1/0-1)

Il Fassa torna alla vittoria dopo sette lunghissime giornate di delusioni. L’ultima vittoria della pattuglia di Erwin Kostner era arrivata il 3 di gennaio, alla venticinquesima giornata, nel match casalingo contro il Cortina, regolato da Jakob Sindel e compagni con un pesante 4-1. Stasera sono stati i Broncos a subire il gran desiderio dei Ladini di tornare alla vittoria. I Fassani hanno deciso al loro favore il match nella seconda frazione di gioco chiuso sull’accattivante parziale di 3-1 a loro favore. Il Vipiteno ha cercato di recuperare il risultato nel terzo drittel ma il punto di Caig giunto a sei minuti dalla fine non è riuscito a riaprire il risultato. Martedì prossimo il Fassa affronterà la lunga trasferta a Torre Pellice mentre il Vipiteno incrocerà le stecche col Milano all’Agorà.

Marcatori: 21:10 (1-0) V.Laine (S.Kostner/M.Dantone); 22:53 (1-1) D.Ludvik (D.Eastman/T.J.Caig) in sup.num.; 23:50 (2-1) M.Castlunger (F.Gilmozzi/E.Chelodi); 29:20 (3-1) J.Sindel (D.Iori/M.Jeslinek); 54:08 (3-2) T.J. Caig (R.Erat); Tiri in porta: Fassa 32 (9/12/11) – Vipiteno 39 (11/14/14); Penalità: Fassa 4×2’ – Vipiteno 5×2’; Arbitri: Claudio Ferrini e Gregory Loreggia; Giudici di linea: Marco Bettarini e Federico Stefenelli;

Classifica Elite A Itas Cup

1) Ritten 66 punti;

2) Asiago 63 punti;**

3) Val Pusteria 59 punti;

4) Valpellice 56 punti;

5) Cortina 48 punti;*

6) Milano 38 punti;*

7) Vipiteno 31 punti;

8) Fassa 17 punti;

* una partita in meno

** due partite in meno

Tags: