Un Asiago sontuoso surclassa il Rouen nell’esordio di Super Final di Continental Cup

di  D. S. W.

(Rouen) – In terra di Normandia, nell’accogliente location della “Patinoire Ile Lacroix” di Rouen,  l’Asiago Migross affronta  nella partita d’esordio i padroni di casa del Rouen Dragons, già vincitori dell’edizione 2011-12 della Continental Cup e attuali dominatori del campionato d’Oltralpe, roster sin qui sempre vincitore nelle sfide continentali con i Leoni Asiaghesi. Alla formazione transalpina vanno ovviamente anche stasera i favori del pronostico, per palmares, valori sul ghiaccio e calore del numerosissimo pubblico di casa.

Innanzi alla cornice degli oltre 4.000 spettatori intervenuti, brilla la colorita, compatta e rumorosa rappresentanza del tifo giallorosso giunto fin qui con oltre 250 unità (altre ne sono attese nella giornata di domani), per  sostenere la formazione asiaghese e condividerne le emozioni di questa avvincente sfida.

Dragoni che scendono sul ghiaccio con campioni di comprovata fama quali il finlandese Mielonen e gli snipers Desrosiers e Thinel a Rouen dal 2005 e gli avanti franco-canadesi Riendeau e Guenette;  lo slovacco Stefanka e l’ungherese Vas attribuiscono ulteriore peso al centro ghiaccio transalpino, mentre sono a referto  nelle fila francesi anche alcune vecchie conoscenze del campionato italiano: il portiere Lhenry (ex Milano 2000-01, l’anno del primo scudetto giallorosso), il difensore Guren (ex Pontebba) ed il nazionale sloveno Tavzelj (ex Cortina ed ex Pontebba). L’Asiago Migross indossa le nuove casacche ideate per l’occasione e “marchiate” sia da tutti gli sponsor storici che dal brand di Continental Cup “Gran Moravia”.

Gli asiaghesi scendono sul ghiaccio con Bentivoglio-Mark Zanette-DiDomenico e Paul Zanette-Borrelli-DeVergilio nei primi due blocchi offensivi, Presti-Luca Rigoni-Matteo Tessari e Benetti-Nicola Tessari-Stevan in terza e quarta linea. Una delle bandiere asiaghesi, il forte centro canadese Layne Ulmer non ce l’ha fatta a recuperare l’infortunio occorso col Vipiteno prima di Natale e non è quindi sul ghiaccio.

Michele ed Andrea Strazzabosco, Marchetti-Signoretti e Casetti-Sullivan costituiscono i tre blocchi difensivi a guardia della gabbia di un attesissimo Vincenzo Marozzi, che ha così ben figurato nelle Final Four di fine novembre: sarà la sua serata, a conferma del valore del goalie canadese nelle grandi occasioni.

2014-01-10 Rouen-Asiago(3)Pronti via e dopo un’iniziale pressione transalpina è subito Asiago: asfissiante il forechecking degli “Slegar” che disorientano il Rouen, altissimo il ritmo imposto dai giallorossi alla gara. E’ subito di Borrelli su assist di DiDomenico il primo pericolo per Girard, subito imitato da DiDomenico che si invola solitario ma il suo tiro è deviato. Al 5:36 Mark Zanette ruba disco in deking sulla rossa, si invola e tira sui gambali di Girard che respinge: sul rebound si avventa come un falco Bentivoglio che infila la gabbia raso ghiaccio alla sinistra del goalie francese: 1-0. Asiago in power play al 6:53 con Borrelli , Mark Zanette e Luca Rigoni che sfiorano ripetutamente la rete, che arriva al 10:36 su missile di Sullivan dalla blu ben assistito da Chris DiDomenico in serata di grazia: 2-0. Ci si aspetta la reazione del Rouen ed invece è ancora e solo Asiago: al 12:10 Paul Zanette cicca il disco a porta vuota sottomisura su assist di Borrelli. Subito dopo è un incontenibile DiDomenico in serpentina che semina tre avversari ma si fa ipnotizzare dal goalie avversario; continua la pressione giallorossa sul terzo difensivo giallonero:  al 19:10 Casetti dalla blu servito ancora da Borrelli fulmina in rete: 3-0. Sul tentativo di Bentivoglio direttamente su face-off al 19:58 si chiude il primo drittel, tra l’entusiasmo del pubblico giallorosso giunto sin qui numeroso ed agguerrito a sostenere i propri colori.

2014-01-10 Rouen-Asiago(4)Seconda frazione di gioco e finalmente si vede il Rouen che parte deciso a recuperare ghiaccio e risultato. Marozzi sventa con sicurezza su Rech al 2:24 e su Guren al 5:15 entrambi dallo slot; devia ancora su Guren e su Lamperier tra il 5’ e 8’ e quando l’Asiago sembra chiuso dentro la propria blu, ma al 9:24 Bentivoglio ruba disco sulla rossa, si invola solitario, salta Girard e porta il risultato sul 4-0. Eccetto un tiro di Desrosiers al 12:30 che deviato da Marozzi danza sulla linea prima di essere spazzato via da Sullivan (tra le contestazioni del pubblico che reclama la rete) è sempre solo Asiago: trap e forechecking asfissianti impediscono gioco e respiro ai francesi. E gli “Slegar” dilagano. Paul  Zanette, Bentivoglio e Sullivan (due volte) fanno ancora tremare i polsi al goalie francese prima che al 17:54 Signoretti spolveri un sontuoso coast-to-coast e si presenti solitario davanti a Girard, che viene irriso da un velenoso raso ghiaccio sul secondo palo: 5-0 e sulle tribune del “Patinoire Ile Lacroix” si odono ormai solo gli esultanti e crescenti cori della tifoseria giallorossa in visibilio. Due minuti dopo, al minuto 19:16, Capitan Borrelli dalla blu raccoglie il taglio laterale di DeVergilio da sinistra e fulmina Girard sulla sua destra: 6-0.

Il terzo tempo non modifica sostanzialmente il risultato: l’incontro si fa più equilibrato, anche grazie alla 3° e 4° linea asiaghese schierate più generosamente sul ghiaccio da coach John Parco. Esordio brillante e convincente per gioco ed intensità del roster asiaghese, che restituisce alla formazione del Rouen quel 6-0 che due anni fa, sul medesimo ghiaccio, aveva subito dagli stessi transalpini, allora prodomo di quel trionfo in Continental Cup che ne fa tutt’oggi l’unica formazione francese ad essersi aggiudicata la manifestazione.
Vincenzo Marozzi, autore di una prestazione impeccabile, è premiato quale miglior giocatore giallorosso.
Domani il Donbass Donetsk fornirà un duro banco di prova alla formazione vicentina e ne saggerà la reale consistenza.

Nel pomeriggio la formazione ucraina aveva superato ai rigori 3-2 i norvegesi dell’Oilers Stavanger, dopo un incontro combattuto che aveva visto i “norge” in vantaggio nel primo drittel; Donbass Donetsk che ribalta il risultato nella seconda frazione di gioco e pareggio finale degli “Oilers”. Dopo un over time privo di marcature, una serie straordinariamente bella di rigori ha alla fine consegnato alla formazione ucraina i due punti.

Super Final di Continental Cup che si annuncia quanto mai avvincente ed equilibrata.
Gli incontri continuano domani pomeriggio con Asiago Migross-Donbass Donetsk e a seguire Oilers Stavanger-Dragons Rouen.

2014-01-10 Rouen-Asiago(2)

Rouen Dragons – Supermercati Migross Asiago 0-6 (0-3; 0-3; 0-0)
Rouen:
Girard (Lhenry); Janil, Lahesalu, Guenette, Thinel, Lamperier; Manavian, Guren, Rindeau, Vas, Desrosiers; Tavzelj, Guillemain, Rech, Gutierrez, Stefanka; Faure, Saint Andre, Goncalves, Benoit, Thillet. All.: Rodolphe Grnier.
Asiago: Marozzi (Pavone); Casetti, Signoretti, Bentivoglio, Zanette M., DiDomenico; Sullivan, Marchetti, Borrelli, DeVergilio, Zanette P.; Strazzabosco M., Strazzabosco A., Rigoni, Tessari M., Benetti; Mattivi, Tessari N., Presti, Stevan. All.: John Parco.
Arbitri: Frano (CZE) e Sidorenko (BLR) con Hribar (SLO) e Leermakers (NED).
Marcatori: 5’36” Bentivoglio (A-PK), 10’36” Sullivan (A), 19’10” Casetti (A), 29’24” Bentivoglio (A), 37’54” Signoretti (A), 39’16” Borrelli (A).

Classifica: Asiago Migross 3 punti, Donbass Donetsk 2, Stavanger Oilers 1, Rouen Dragons 0.