Mondiali U20: Trionfo finale per la Finlandia

SI sono conclusi i 38mi Campionati Mondiali Under 20 di hockey in quel di Malmo (Svezia) con la vittoria un po’ a sopresa in finale agli Extratime della Finlandia (3-2ot) grazie alla rete di Rasmus Ristolainen che vale il terzo titolo U-20 alla nazionale finnica mentre nel primo pomeriggio la Russia (2-1) strappa la medagllia di bronzo alla nazionale canadese nuovamente giù dal podio; resta in elite la Germania che nello spareggio supera i vichinghi norvegesi (3-1) relegati in prima divisione con Filip Forsberg (Nashvile Preds,NHL) eletto MVP della rassegna.

Finale 3°/4° Posto Canada – Russia 1-2 (0-2 ; 0-0 ; 1-0)
Ad un anno esatto di distanza canadesi e russi incrociano le stecche per il bronzo mondiale ; pronti e via con la Russia a muovere il tabellino già al 4′ con la propria stella Grigorenko che in PP trova la rete del vantaggio complice una deviazione di pattino di Dumba che sorprende Fucale. Canadesi che premono sull’acceleratore per impattare la sfida ma Vasilevsky è in giornata fermando nell’ordine Mantha e lo stesso Dumba ; Laughton viene ipnotizzato in una doppia sortita ma a rete va di nuovo la Sbornaja al 15mo col polsino velenoso di Gimatov (Mironov) che beffa Fucale non proprio esente da colpe. Nella frazione centrale i ritmi calano (ricordiamo che questa era la settima uscita in undici giorni) con i canadesi che risentono di un po’ troppa frustrazione on-ice (4 penalità) e si affidano ai propri solisti per bucare lo slot russo (Pouliot ed il solito Mantha) ma ad andare vicini alla rete è Osnovin in una bella sortita finendo la sua corsa in gabbia (bravo Fucale). Ultima frazione di fuoco col Canada alla disperata in avanti ma fa buona guardia la difesa russa nuovamente impeccabile ma non può nulla nemmeno il mostruoso Vasilevsky al 47mo su Morrissey (Hudon;Pelech) che spizzica il puck per dimezzare lo sconto. Le folate offensive nordamericane sbattono contro l’autentico muro russo eretto nel proprio terzo ed alla sirena finale come i mondiali scorsi in quel di Ufa (6-5ot,ndr) il copione è stato ugualmente rispettato con la Sbornaja spinta dall’intrattabile goalie Andrei Vasilevsky al bronzo iridato col Canada a “portare” a casa un’amarissima medaglia di legno.

Parate : Fucale (Can) 30/32 ; Vasilevsky (Rus) 30/31
Best Player : A. Ekblad (Can) ; A.Vasilevsky (Rus)
Penalità : Canada 5×2′ ; Russia 5×2′
Spettatori 10713

Finalissima : Svezia – Finlandia 2-3ot (0-1 ; 1-1 ; 1-0 ; 0-1)
Derby scandinavo in finale con la strafavorita Svezia,autentica mattatrice della competizione ed abituee ai piani alti dell’elite mondiale di categoria contro la favola della Finlandia arrivata un po’ per caso ma meritatamente all’atto conclusivo (si erano affrontati nella prima fase,4-2 svedese). I 12000 e più della Malmo Arena non fanno in tempo a prender posto a sedere che 28” dopo il primo ingaggio i leoni trovano la rete con un bel polsino di Lindell (Maenalanen;Teravainen) a superare Dansk coperto all’inverosimile. Doccia gelata iniziale e la Finlandia prende il possesso del ghiaccio con lo scatenato Maenalanen a procurare i grattacapi maggiori per la compatta difesa di casa che pian piano inizia a prendere le misure nel terzo offensivo. Lo spettacolo sul ghiaccio è garantito tanto è l’impegno profuso da entrambi i team che creano azioni su azioni ma i rispettivi goalie la fanno da padrone. Si arriva così nella seconda frazione con la Svezia a prendere in mano la contesa (Forsberg-de la Rose su tutti) ed il pareggio si materializza al 28′ con un violentissimo slap che rituona in tutto il sud della Svezia con Wallmark (Bengtsson;Djoos) in PP a superare l’incolpevole estremo finnico. Nemmeno il tempo di esultare che nel giro di 1′(!) la Finlandia rimette la freccia con Maenalanen (Teravainen;Lehkonen) che conclude pregevolmente sotto porta una combinazione del solito folletto Teravainen. L’assedio svedese continua nella seconda parte del terzo e sul finale Saros è monumentale nell’ultima situazione in PP. Nel terzo drittel le azioni sono sempre di marca svedese ed i leoni finnici ci mettono del proprio (3 penalità in 6′) e l’ottimo gioco dello special team gialloblù trova il pareggio al 51mo con Djoos (Wallmark;Collberg) che supera con uno bello slap Saros. Team ora un po’ più accorti vista l’altissima posta in palio con la fase difensiva preferita più che quella propositiva con lo stellare Dansk a far sudare freddo la platea di casa complice una sciagurata uscita ma ben coperta dai propri terzini mentre l’occasione della serata capita a meno di 2′ dall’ultima sirena con Lindholm e Forsberg fermati dal’arcigna difesa ospite. Overtime al cardiopalma con la Svezia a mietere terrore nel terzo offensivo con Forsberg e Burakowsky mentre per i leoni finnici ci sono Ristolainen e Teravainen a prender le misure a Dansk che nulla può al 70mo contro Ristolainen (Teravainen;Vainonen) che raccoglie un puck vagante in balaustra per consegnare la medaglia d’oro (terza nella storia!) alla Finlandia,vera rivelazione di questi Mondiali con la Svezia nuovamente argento e probabilmente la miglior rappresentativa vista in quest’edizione.
Parate : Dansk (Sve) 28/31 ; Saros 35/37
Best Player : Wennberg (Sve) ; Saros (Finn)
Penalità : Svezia 2×2′ ; Finlandia 6×2′
Spettatori 12023

Relegation Round : la Germania si impone per 3-1 suilla Norvegia nella decisiva gara 3 rimanendo in Top Division mentre per i volenterosi vichinghi c’è subito la retrocessione dopo solo un annetto di permanenza con la Danimarca subentrante nella prossima rassegna mondiale.

38mi Campionati Mondiali
Prima di dare un po’ di numeri sulla rassegna appena conclusa,elenchiamo i premi attribuiti nei vari ruoli:
Miglior Portiere : Oscar Dansk (Sve)
Miglior DIfensore : Rasmus Ristolainen (Fin)
Miglior Attaccante : Filip Forsberg (Sve) al quale va anche il premio di MVP della Rassegna Iridata

Classifica Top Scorer:
# Nazionale Reti Assist Punti +/-
Teuvo Teravainen (Fin) 2 13 15 +12
Filip Forsberg (Sve) 4 8 12 +3
Saku Maenalanen (Fin) 7 4 11 +9
Anthony Mantha (Can) 5 6 11 +6
Martin Reway (Svk) 4 6 10 0

Top Goalies
# Nazionale Sv% GAA
Juuse Saros (Fin) 94,3% 1.57
Andrei Vasilevsky (Rus) 93,3% 1.83
Oscar Dansk (Sve) 92,9% 1.79

Edizione record quella appena consegnata agli archivi con la bellezza di 144’268 spettatori nelle 31 partite andate in scena a Malmo che vale un nuovo record per le platee europee ; appuntamento per la fine di Dicembre per i prossimi 39mi Campionati Mondiali Under-20 in scena nelle meravigliosi cornici di Montrèal e Toronto,Canada.