Il resoconto della venticinquesima giornata

Approfittando della sconfitta, all’overtime, dell’Asiago, il Val Pusteria, vittorioso a Milano, allunga in classifica generale sui vicentini, portando il suo vantaggio a tre punti. Nel derby sudtirolese il Renon vendica l’ampia sconfitta di Milano, sommergendo con un tennistico 6-2 il malcapitato Vipiteno. Il Cortina non torna ad essere la brillante formazione conosciuta prima di Natale ed anche stasera deve ammainare bandiera di fronte al fanalino di coda Fassa.

Hockey Milano Rossoblu – Lupi Fiat Professional H.C. Val Pusteria 2 – 4 (1-1, 1-1, 0-2)
Il Val Pusteria vince in rimonta all’Agorà, davanti ad oltre 1980 spettatori. I giallo neri, privi del lungo degente Lukas Tauber, degli infortunati Elliscassis, Mair, Scandella, Erlacher e MacCauley, sono riusciti a sconfiggere i rossoblù al termine di un incontro molto combattuto e dall’esito finale, incerto fino ad un pugno di secondi dalla sirena. La formazione di Adolf Insam era passata in vantaggio per ben due volte ma era stata raggiunta in entrambe le occasioni, il sorpasso degli ospiti si è avuto nel terzo tempo, allorquando la realizzazione di Armin Hofer, in power play, spostava gli equilibri dell’incontro e consentiva ai Lupi di disporre al meglio delle maggiori potenzialità offensive. Il definitivo 2:4 era opera di Ryan O’Marra, che a porta vuota, apponeva la sua firma sul risultato. Tra i padroni di casa, da segnalare l’ennesima buona prestazione di Andreas Lutz, tra gli ospiti Aubin sicuramente sugli scudi.

Marcatori: 01:20 (1-0) T.Migliore (B.J.Schell/A.Re); 09:15 (1-1) L.Crepaz (A.Hofer/D.Campbell) in sup.num.; 32:12 (2-1) A.Lutz (B.J.Schell/J.Fritsch) in sup.num.; 39:30 (2-2) M.Oberrauch (C.Soderstrom/P.Bona); 46:28 (2-3) A.Hofer (R.O’Marra/K.McLeod) in sup.num.; 59:22 (2-4) R.O’Marra (K.McLeod/C.Soderstrom) a porta vuota;
Tiri in porta: Milano 33 (10/12/11) – Val Pusteria 39 (14/14/11); Penalità: Milano 2×2’ – Val Pusteria 3×2’; Arbitri: Luca Cassol e Nadir Ceschini; Giudici di linea: Manuel Manfroi e Nicola Basso

H.C. Valpellice Bodino Engineering – Migross Supermercati H.C. Asiago 5 – 4 o.t. (0-1, 0-1, 4-2, 1-0)
La partita disputata al Valmora Cotta Morandini Arena è stata sicuramente la più bella, incerta ed avvincente della serata. Il Match ha visto la vittoria, in rimonta, della Valpe e la formazione piemontese si è confermata cliente difficilissimo per tutti. I campioni d’Italia, dopo la segnatura di Borrelli che portava il risultato sul 4:2 a loro favore visto anche che mancavano alla sirena poco più di sei minuti di gioco, hanno, mentalmente, “mollato la presa” anche in vista dei prossimi impegni internazionali. I Bulldogs, di contro, hanno avuto il merito di non abbattersi ed hanno recuperato il risultato a 15 secondi dalla fine per poi stroncare l’avversario all’overtime, con il golden goal di Garry Nunn. I vallesi, in definitiva, hanno confermato anche ieri sera, qualora ce ne fosse stato di bisogno, che con un paio di innesti in difesa, potranno essere una formazione in grado di competere, senza timore alcuno, contro qualsiasi avversario. Per l’Asiago la battuta d’arresto non porterà sicuramente in futuri strascichi negativi. La squadra di John Parco è, al momento, protesa verso più importanti obbiettivi europei ed è normale che, in questa particolare situazione debba pagar dazio, talvolta, in campionato.
Marcatori: 11:26 (0-1) A.Signoretti (C.DiDomenico/M.Strazzabosco); 20:46 (0-2) K.Devergilio (C.DiDomenico/D.Borrelli); 41:02 (1-2) S.Barney (G.Nunn/T.Maxwell) in doppia sup.num.; 45:18 (2-2) S.Tomko (S.Baney/B.Ihnack); 48:18 (2-3) F.Benetti (L.Rigoni/M.Zanette); 53:52 (2-4) D.Borrelli (M.Tessari/P.Zanette); 59:00 (3-4) T. Maxwell (B.Ihnacak/F.De Biasio); 59:44 (4-4) T.Johnson (B.Ihnacak/D.Strong); 60:35 (5-4) G.Nunn (A.Ambrosi/D.Strong);
Tiri in porta: Valpellice 43 (13/17/11/2) – Asiago 29 (12/8/9/0); Penalità: Valpellice 5×2’ – Asiago 8×2’; Arbitri: Alex Lazzeri e Gregory Loreggia; Giudici di linea: Christian Cristeli e Matthias Cristeli;

Sportiva H.C. Val di Fassa Volvo – Hafro S.G. Cortina 4:1 (0-0, 1-1, 3-0)
Continua a migliorare nel gioco e nei risultati la formazione del Fassa mentre il Cortina, non mostra cenni di ripresa giungendo, con quella di ieri sera, al quarto risultato negativo consecutivo. Questo è quanto emerso dal derby ladino di Alba di Canazei che Iori e compagni si sono aggiudicati con largo scarto e con assoluto merito. La partita è rimasta in bilico per oltre 40 minuti. Nel primo tempo le due squadre si sono studiate privilegiando le rispettive fasi difensive. Nel secondo, alla segnatura di Sindel con gran tiro dallo slot, ha risposto il gigante di Bratislava, Stanislav Gron, riequilibrando il risultato. Nel drittel finale i fassani, sorretti anche stasera da un eccellente Gianluca Vallini, hanno preso il largo e giocando a tutta pista, hanno trovato le segnature Mattia Bernard e Martin Castlunger, oltre all’empty net goal di Diego Iori. Il punteggio è forse un po’ severo nei confronti del Cortina che, soprattutto nel tempo centrale ha messo in mostra buona qualità in attacco, ma il Fassa, a conti fatti, ha meritato la vittoria festeggiata a lungo dai quasi ottocento spettatori, un vero e proprio record per il Gianmario Scola.
Marcatori: 20:48 (1-0) Jabub Sindel (M.Jeslinek, E. Chelodi); 27:22 (1-1) (Stanislav Gron (R.Dingle, G.DeBettin); 43:59 (2-1) Mattia Bernard (Martin Castlunger, Johan Burlin); 58:38 (3-1) Martin Castlunger (Simon Kostner, Jakub Sindel); 59:10 (4:1) Diego Iori (porta vuota) (Thomas Dantone, Michal Jeslinek)
Tiri in porta: Fassa 31 (11/12/8) – Cortina 44 (13/19/12); Penalità: Fassa 5×2’ – Cortina 2×2’; Arbitri: Karel Metelka e Fabio Lottaroli; Giudici di linea: Stefano Giovanni Terragni e Federico Stefenelli;

Ritten Sport Renault Trucks – S.S.I. Vipiteno Broncos Weihenstephan 6-2 (2-2/1-0/3-0)
Il rientro di Mason ha coinciso con una prestazione super e con il ritorno alla vittoria della sua squadra. Nelle quattro gare in cui il portierone era stato assente, i Rittner Buam avevano sempre balbettato in fase difensiva, ed avevano trovato due sconfitte esterne, a Torre Pellice e Milano che hanno sicuramente peggiorato la brillante classifica pre natalizia dei lupetti. D’altronde un golie che vanta 326 presenze in National Hockey League (Nhl), non è cosa da tutti i giorni, soprattutto nel nostro hockey nostrano e resta difficilissimo per tutti poterne fare a meno. Il ritorno del trentasettenne portiere americano ha rinsaldato la fase difensiva del Renon che ha potuto giocare senza l’apprensione di subire goal. Il Vipiteno si è presentato al derby, con due assenze pesantissime, tra i Broncos infatti mancavano Derek Eastman e Florian Wieser, due tra le pedine più importanti nello scacchiere disegnato da coach Zdenek Travnicek, che, peraltro, non può, ancora, schierare i tre nuovi acquisti per problemi burocratici. Il Renon in vista del big match di domenica sera alla Leitner Solar Arena riprende a correre in classifica mentre per il Vipiteno la battuta di arresto resta indolore per le contemporanee sconfitte di Cortina e Milano.
Reti: 09:54 (1-0) T.Spinell (G.Guentzel/L.Daccordo); 11:16 (1-1) T.J. Caig (H.Stofner/D.Maffia); 17:34 (1-2) D.Ludvik (T.J.Caig/R.Erat) in sup.num.; 17:54 (2-2) T.Spinell (L.Daccordo/E.Johansson); 32:51 (3-2) D.Tudin (L.Ansoldi/E.Scelfo) in sup.num.; 52:21 (4-2) G.Guentzel (L.Ansoldi/E.Scelfo) in sup.num.; 54:22 (5-2) L.Daccordo (G.Guentzel/E.Scelfo); 56:23 (6-2) I.Gruber (L.Daccordo/T.Spinell);
Tiri in porta: Ritten 51 (19/15/17) – Vipiteno 25 (10/9/6); Penalità: Ritten 5×2’ – Vipiteno 4×2’; Arbitri: Thomas Gasser e Claudio Ferrini; Giudici di linea: Christian Gamper e Claus Unterweger;

Classifica Elite A Itas Cup
1) Val Pusteria 55 punti; *
2) Asiago 52 punti;
3) Ritten 50 punti;
4) Valpellice 44 punti;
5) Cortina 35 punti;**
6) Vipiteno 25 punti;
7) Milano 22 punti;**
8) Fassa 14 punti;**
* una partita in più;
** una partita in meno;

Tags: