Il resoconto della ventiquattresima giornata

La ventiquattresima giornata, prima del nuovo anno solare 2014, conferma Val Pusteria ed Asiago sui primi gradini della Tabella Generale. Le due battistrada, anzi, aumentano il vantaggio sulle inseguitrici entrambe sconfitte: i Rittner Buam a Milano ed Cortina, a domicilio, dal Vipiteno.

Hockey Milano Rossoblu – Ritten Sport Renault Trucks 7-5 (1-3/3-1/3-1)
Il Milano Rossoblu torna alla vittoria e, sia pure con qualche sofferenza infligge al Renon una storica sconfitta. Tra i gli ospiti si è sentita più del dovuto la mancanza di Chris Mason anche perché il giovane Roland Fink ha mostrato di non essere ancora pronto per recitare un ruolo decisivo in simili palcoscenici. Il Renon aveva chiuso il primo tempo con un largo vantaggio ma, poi, piano piano, il Milano è uscito fuori riuscendo a far suo il risultato. Buona tra i meneghini la prestazione di Andreas Lutz e di Didiomete, autore, quest’ultimo di una doppietta. Venerdì i ragazzi di Insam sono chiamati a ripetere l’impresa nel match casalingo contro la capolista Val Pusteria mentre il Renon giocherà in casa col Vipiteno.

Marcatori: 01:30 (0-1) D.Urquhart (L.Ansoldi/D.Tudin) in sup.num.; 05:39 (0-2) L.Daccordo (T.Spinell/D.Urquhart); 11:35 (1-2) T.Migliore (B.J.Schell/D.Diomete); 15:43 (1-3) R.Rampazzo (L.Ansoldi/D.Tudin); 22:09 (2-3) E.Caletti (T.Goi/M.Ranallo); 22:48 (3-3) A.Gellert (A.Fontanive/M.Lo Presti); 25:46 (4-3) D.DiDiomete (N.Fontanive/B.J.Schell); 30:07 (4-4) M.Siddall (P.Rissmiller/E.Johansson); 43:27 (5-4) A.Lutz (E.Caletti) in sup.num.; 47:45 (6-4) M.Lo Presti (N.Fontanive/A.A.Estoclet); 52:48 (6-5) M.Siddall (E.Johansson/P.Rissimiller) in sup.num.; 59:20  (7-5) D.Didiomete (B.J.Schell);
Tiri in porta: Milano 36 (14/13/9) – Ritten 45 (16/15/14).
Penalità: Milano 5×2’ – Ritten 3×2’
Arbitri: Luca Cassol e Andrea Moschen; Giudici di linea: Cristiano Biacoli e Luca Zatta;

Hafro S.G. Cortina – S.S.I. Vipiteno Broncos Weihenstephan 2-3 (0-1/1-2/1-0)
Terza partita post Natalizia e terza sconfitta consecutiva per il Cortina. I Broncos infatti, sono riusciti a violare il ghiaccio degli ampezzani disputando una gara esemplare. C’è da dire che in questo particolare momento della stagione, la pattuglia di Travniceck è in ottima condizione di forma e che, nelle precedenti tre uscite, aveva giocato, sempre, alla pari con formazioni di primissimo rango. I Bianco blu, infatti, sia nelle due partite disputate dopo Natale contro il Val Pusteria che nell’ultima uscita casalinga contro l’Asiago, avevano messo in mostra un hockey di semplice fattura ma che, giocato ad altissima velocità, era riuscito a mettere in seria difficoltà le prime due della classe. Al Cortina, di contro, “il panettone” ha fatto sicuramente male. Non si spiega infatti l’involuzione di gioco e di risultati della pattuglia di Clayton Beddoes che da squadra rivelazione del periodo pre natalizio è adesso diventato una formazione che mostra di soffrire contro chiunque. Nel prossimo turno, in programma domani sera, De Bettin e compagni saranno chiamati ad una prova di carattere nel match esterno previsto ad Alba di Canazei mentre il Vipiteno salirà a Collalbo per un derby che si preannuncia quanto mai interessante ed equilibrato.
Marcatori: 02:27 (0-1) H.Stofner (T.J.Caig/D.Eastman); 23:47 (0-2) T.J.Caig (D.Ludvik/R.Erat) in sup.num.; 27:31 (1-2) S.Gron (P.Albers) in sup.num.; 31:06 (1-3) D.Ludvik (R.Erat/D.Eastman) in sup.num.; 40:21 (2-3) P.Albers (R.Dingle/S.Gron).
Tiri in porta: Cortina 30 (13/11/6) – Vipiteno 24 (9/10/5).
Penalità: Cortina 8×2’ – Vipiteno 9×2’.
Arbitri: Nadir Ceschini e Karl Pichler; Giudici di linea: Christian Cristeli e Lorenzo Calligaro;

Lupi Fiat Professional H.C. Val Pusteria – H.C. Valpellice Bodino Engineering 2-1 (0-0/0-1/2-0)
La gara del Lungo Rienza era, sin dalla vigilia, quella che risvegliava le maggiori curiosità tra gli appassionati di Hockey ed il suo lo svolgimento non ha di certo deluso le aspettative della vigilia. Diciamolo subito: ha vinto il Val Pusteria, soffrendo molto, di stretta misura ma, di certo, meritatamente. I piemontesi, presentatisi sul ghiaccio della Leitner Solar Arena con una insolita divisa giallo nera, hanno mostrato un hockey veloce e di buona fattura e sospinti da uno special team di assoluto livello (Tomko, Johnson, Ihnacack, Maxwell Barney) hanno tenuto in apprensione la squadra di casa, fino alla sirena finale. Dopo una primo tempo “di studio”, il Val Pusteria è stato colpito a freddo ad inizio del secondo drittel dalla segnatura di Brian Ihnacack sul quale, sia la fase difensiva dei locali (Söderström ha perso malamente un disco in zona neutra) che la reattività del goalie di casa, sono sicuramente venute a mancare. Fatta la frittata i Lupi hanno però mostrato una gran dose che carattere ed hanno stretto d’assedio per tutto il secondo tempo la gabbia difesa da Rivoira. I goals sono arrivati nel drittel finale e l’eroe della serata (come peraltro era già avvenuto nella partita disputata la sera di Santo Stefano a Vipiteno) è stato Patrick Bona che una personalissima doppietta ha chiuso i conti con i Bulldogs.
Marcatori: 22:03 (0-1) B.Ihnacak; 42:09 (1-1) P.Bona (L.Crepaz/D.Campbell); 56:24 (2-1) P.Bona (A.Helfer/K.McLeod);
Tiri in porta: Val Pusteria 52 (15/26/11) – Valpellice 28 (13/7/8).
Penalità: Val Pusteria 2×2’ – Valpellice 6×2’.
Arbitri: Andrea Benvegnù e Claudio Pianezze; Giudici di linea: Fabrizio De Toni e Omar Piniè;

Migross Supermercati H.C. Asiago – Sportiva H.C. Val di Fassa Volvo 4-1 (2-0/1-1/1-0)
Vittoria ampia nel risultato e nel gioco, quella degli stellati sui Fassa. L’Asiago, infatti, è apparso già in “forma Continental Cup” e per i poveri Ladini, costretti a subire per tutti i sessanta minuti, c’è stato ben poco da fare. Le cronache parlano anzi, di una superba prestazione del goalie fassano Gianluca Vallini che con le sue parate ha limitato i danni per la sua squadra ed anche questo dettaglio la dice lunga sulle differenze tecniche viste ieri sera sul ghiaccio dell’Odegar.  L’Asiago, con i tre punti conquistati resta incollato al Val Pusteria potendo anzi vantare nei confronti dei Lupi, l’aver disputato una partita in meno mentre il Fassa, complice anche il risveglio dei rossoblù meneghini, vede allontanarsi pericolosamente la penultima poltrona della classifica generale. Venerdì prossimo il Fassa è atteso alla prova d’orgoglio nel match casalingo contro il traballante Cortina mentre i giallo rossi andranno in trasferta a Torre Pellice.
Marcatori: 05:01 (1-0) K.Devergilio (A.Signoretti/C.DiDomenico) in doppia sup.num.; 16:44 (2-0) C.DiDomenico (S.Bentivoglio); 21:13 (2-1) D.Iori (E.Chelodi/M.Jeslienk); 31:02 (3-1) P.Zanette (M.Zanette/L.Casetti); 59:56 (4-1) S.Bentivoglio (P.Zanette/D.Borrelli) in sup.num.;
Tiri in porta. Asiago 41 (13/11/17) – Fassa 27 (8/9/10).
Penalità: Asiago 2×2’ – Fassa 7×2’.
Arbitri: Fabio Lottaroli e Glauco Colcuc; Giudici di linea: Pier Lorenzo Chiodo e Marco Mori;

Classifica Elite A Itas Cup
1) Val Pusteria 52 punti; *
2) Asiago 51 punti;
3)  Ritten 47 punti;
4)  Valpellice 42 punti;
5)  Cortina 35  punti;**
6)  Vipiteno 25 punti;
7)  Milano 22 punti;**
8)  Fassa 11 punti;**
* una partita in più;
** una partita in meno;

Tags: