Universiadi: il Canada è medaglia d’oro, Kazakistan argento, Russia bronzo

Con una prestazione magnifica, il Canada vince la medaglia d’oro del torneo di hockey su ghiaccio maschile della “2013 Trentino Winter Universiade” superando uno tanto spento quanto combattivo Kazakistan per 6-2, facendo gioire tutta la nazione della foglia d’acero. Nella “finalina” la Russia sugli scudi supera gli Stati Uniti per 6-2.

Kazakistan – Canada 2-6 (1-3; 0-2; 1-1)

Bastano 14 secondi al Kazakistan per portarsi in vantaggio: Rymarev se ne va sulla destra, mette in mezzo per l’accorrente Shin che segna. La risposta canadese è pronta, ma sui tentativi di Faille e Maione, Yankov è attento. Poco dopo però una grande invenzione di D’Orazio consente a Cazzola di trovarsi a tu per tu con il goalie e insaccare dopo una bella finta. Poco dopo è ancora il Canada a passare con Day, bravo a recuperare l’assist di Bloodoff e insaccare a gabbia sguarnita. Il Kazakistan è in tilt e arriva anche il terzo gol nordamericano con Maione, il cui slap dalla blu è deviato alle spalle di Yankov dal proprio difensore Metalnikov.

Nel secondo periodo è ancora il Canada a comandare il gioco, e la difesa kazaka fatica a contenere le sortite offensive e, dopo pochi minuti, arriva anche il 4-1 ad opera di Culligan. Sul risultato di 4-1 la formazione Kazaka mette la partita sul fisico e fioccano le penalità. Proprio in un 5 contro 3 in favore dei canadesi la nazionale della foglia d’acero trova il anche il 5-1 con MacNeal. Il Kazakistan prova a spingere per cercare un improbabile rimonta, ma Culligan in tuffo salva su Shin a porta sguarnita. Sul finale, Yankov sugli scudi a difendere la propria porta durante quasi 5 minuti di inferiorità numerica.

Nel terzo periodo, in avvio, grande occasione per il Kazakistan con Rymarev, ma terminata questa azione ritorna a subire numerose penalità che comportano un nuovo 5 contro 3 che permette a Culligan di segnare il 6-1. In situazione di 6 contro 4 per penalità differita Shin riesce a trovare la rete della speranza, ma dal 52esimo minuto non si vede più hockey giocato, ma solo una zuffa dietro l’altra che comportano una serie di penalità senza fine, tra cui una penalità partita anche al coach Kazako, e concludono il match sul 6-2 che fa scoppiare di gioia i giocatori con la maglia della foglia d’acero.

Russia – USA 6-2 (3-1; 2-0; 1-1)
In avvio di match prende subito il possesso del gioco la Russia, che prima assedia il terzo offensivo statunitense, poi nel giro di 10 minuti mette una seria ipoteca sulla partita con Fayzullin, Sumin e Demidov che portano la situazione sul 3-0 in favore degli est-europei. Sul finale, gli Stati Uniti tirano fuori l’orgoglio e si portano nel terzo offensivo russo, senza riuscire a impensierire troppo Lavretsky fino all’ultimo minuto quando Feavel trova il pertugio per siglare il 3-1. Nel secondo periodo però bastano 20 secondi ai russi per riportarsi avanti con Demidov, e nel proseguio del match Cooper deve sfoderare dal cappello alcuni numeri d’alta scuola per impedire ai russi di allungare fino al giro di boa, quando Putilov in superiorità numerica segna il 5-1. Sul finale gran pressione americana, la quale però non sortisce gli effetti desiderati. Nel terzo periodo sfruttando alcune penalità commissionate alla Russia gli Stati Uniti prendono il possesso del gioco lasciando le briciole ai russi, ma in una di queste “briciole” in situazione di superiorità numerica Sumin segna la sesta rete russa. Sul finale, la gran pressione americana sortisce i suoi frutti con la rete di Sargis, ma non basta, perché la Russia conquista la vittoria e la medaglia di bronzo.

I Risultati di giornata:
Bronze Medal Game: Russia – USA 6-2 (3-1; 2-0; 1-1)
Gold Medal Game: Kazakistan – Canada 2-6 (1-3; 0-2; 1-1)

La Classifica Definitiva della 2013 Trentino Winter Universiade:
1. Canada, 2. Kazakistan, 3. Russia, 4. USA, 5. Slovacchia, 6. Italia, 7. Rep. Ceca, 8. Lettonia, 9. Ucraina, 10. Svezia, 11. Giappone, 12. Gran Bretagna