Il fine settimana del “Feltre-Bosco U30”

(dal sito del Feltreghiaccio, GDG) – Vittoria scontata quella della U14 in casa a Bosco contro i pari età del Trento. I Picchietti vengono accolti da una splendida, tersa serata d’inverno. La bella località turistica è addobbata a festa e le luci natalizie mettono di buon umore. Splendida poi l’ospitalità dei Falchetti e dei loro genitori, che ringraziamo con gratitudine. Prima della partita, oltre al solito, piacevole passaggio alla gastronomia del centro “Terre Cimbre”, grazie agli amici veronesi mi faccio anche una vera e propria cultura sui formaggi locali, conoscenze che cercherò di sfruttare al meglio la prossima volta.
Sulla partita vi è ben poco da dire, vista le minori esperienza, fisicità ed età degli avversari. I parziali sono di 8 a 0, 5 a 0 e 6 a 1, per un finale di 19 a 1. 5 reti per ciascuno sono di Tobia Fantinel e Omar De Paoli, 2 per ciascuno di Andrea Damin, Alessandro Pagnussat e Lorenzo Dall’Agnol, 1 per ciascuno dei Falchetti Andrea Kofler, Simone Battistella e del Picchietto Giorgio De Giacinto. Mi è sinceramente piaciuto lo spirito con cui i ragazzi trentini hanno affrontato l’impari sfida, lottando sempre senza demoralizzarsi. Il gol cercato sino all’ultimo con caparbietà e sportività, segnato quasi a fine incontro, vale come le nostre 19 reti. Fondamentali nell’hockey su ghiaccio sono i portieri. Il Trento ne ha ben due su cui poter contare, un’ottima base per il futuro: nonostante il risultato finale hanno parato di tutto. Sinceri complimenti! Alla fine dell’incontro caramelle per tutti in onore di S. Lucia. Grazie Bosco!

U14: Falchi Boscochiusanuova – Trento 19-1 (8-0, 5-0, 6-1)

Di tutt’altro livello l’avversaria domenicale del nostri U16. Al Drio le Rive scende l’Ora terzo in classifica con un roster ampio composto da giocatori di livello omogeneo. Il primo tempo è giocato decisamente bene dai nostri ragazzi che riescono a tenere testa ai più quotati avversari ed a reagire con veemenza allo svantaggio iniziale, causato da una rete subita a freddo alla prima azione delle Frogs. Giocando quasi sempre nel terzo difensivo avversario impattano con Matteo Dall’Agnol, assistito nell’occasione da Riccardo Nachtigal e Marco Raccanelli. Quattro minuti dopo il pareggio e, soprattutto, dopo che il portiere altoatesino si era superato in più di una occasione, segna nuovamente l’Ora in una delle sue rare azioni d’attacco. E’ il Falchetto Pietro Ederle a realizzare il pareggio con l’assistenza di Claudio Righes ed ancora di Riccardo Nachtigal. Le squadre al suono della prima sirena vanno negli spogliatoi in perfetta parità.
L’Ora rientra, però, sul ghiaccio più grintoso e determinato e nel periodo centrale del tempo prende il largo, anche grazie ad un quarto gol a mio parere da annullare per deviazione con bastone alto (proprio come succederà martedì 17 dicembre nella partita di Ebel tra Bolzano e Dornbirn!). E pensare che sugli spalti c’erano dei tifosi avversari che si lagnavano dell’arbitraggio. I Picchietti-Falchetti appaiono demoralizzati e questa volta la reazione è più fiacca. Si continua ad attaccare, ma il disco non supera mai il secondo portiere avversario che ha ben poco da invidiare al primo. La sensazione alla fine della frazione è che l’incontro sia ormai segnato.
La conferma la si ha quando al 49’14” l’Ora si porta sul 6 a 2. I Picchietti-Falchetti hanno una debole reazione con il capitano Alessio Bianchi, che tre minuti dopo con un bel tiro dalla blu e con l’assistenza dei soliti Matteo Dall’Agnol e Riccardo Nachtigal, accorcia le distanze. Ma le Frogs chiudono definitivamente la partita con la settima rete segnata al 54’14”. Il punteggio finale è lo stesso della domenica precedente col Caldaro: 7 a 3 per gli ospiti. Ora la strada per qualificarsi alla fase successiva si fa in salita e dopo tanto tempo siamo sotto la linea di demarcazione tra ammessi e non ammessi. Le ultime tre partite, però, sono contro formazioni apparentemente alla nostra portata. Forza ragazzi, bisogna lottare fino alla fine.
U16: Feltreghiaccio-Juniorteams 3-7 (2-2, 0-3, 1-2)