Mondiali Under 20 – Impresa Italia

di Marco Depaoli

Viste le premesse sembrava una lotta impari, ma in questo mondiale Div. 1 gruppo B è impossibile fare pronostici. L’Italia, dopo aver vinto a stento contro le ultime due in classifica, ha superato con successo l’impegno più difficile, quello che la vedeva di fronte alla favorita Kazakistan. Sotto per metà partita, la squadra di Chizzali non è crollata nei momenti più difficili e ha messo nel sacco l’avversaria.

Il Kazakistan parte forte, osa di più e supera il goalie italiano Rabanser con il suo capitano al 17°. Prima del riposo il capoarbitro ungherese manda sotto la doccia definitivamente il difensore Daniar Kairov, colpevole di aver caricato in maniera scomposta. L’Italia può così iniziare il secondo tempo con 5 minuti di powerplay (che diventa doppio per un minuto dopo la sanzione ad un altro kazako per equipaggiamento scorretto) ma i ragazzi di Chizzali non trovano la rete del pareggio e nemmeno troppo spesso il tiro in porta. L’1-1 arriva però tornati in 5 contro 5. Lo segna Oliver Schenk quasi a metà partita esatta. Nonostante tre inferiorità numeriche consecutive gli Azzurri riescono a chiudere la seconda frazione in parità. Nemmeno un minuto dal via dell’ultima frazione e l’Italia passa a sorpresa in vantaggio. Un’azione tutta di scuola Lugano: gol di Giovanni Morini su assist del fratello Paolo e di Terzago. L’euforia italiana si smorza con un pasticcio tecnico. Gli Azzurri si fanno beccare dal capoarbitro in 6 e scattano i due minuti di penalità. Il penalty killing regge solo un minuto e il Kazakistan trova il pareggio ancora con Sergienko. Le sorprese non sono finite. Nuovo powerplay per l’Italia e questa volta lo special team fa entrare il disco. Il gardenese Oliver Schenk trova la sua seconda rete della partita e gli Azzurri tornano in vantaggio, ma trovano subito il modo di complicarsi ancora la vita. Al 47° anche a Daniel Frank viene fischiata una penalità di partita per una carica, lasciando i compagni a giocare 5 minuti in 4 contro 5. Chizzali rimette in porta Rabanser (che dopo il gol del 3-2 aveva sostituito con Morandell) e Fort Italia regge all’assalto kazako per tutto il tempo della sanzione. Al 53° l’Italia con Andreas Alber mette in ginocchio gli asiatici segnando il clamoroso 4-2. Mancano ancora oltre 7 minuti lunghissimi, che diventano ancora più sofferti quando al 56° il Kazakistan accorcia le distanze e usufruisce poco dopo di un altro powerplay. Al 58:07 il tecnico kazako chiama time out e si gioca il tutto per tutto togliendo Sergienko dai pali al 58:51 per giocare in 6 contro 4. L’assedio è infruttuoso e gli azzurri corrono in pista a festeggiare attorno al portiere del Gherdeina (impegnato oltreoceano) premiato miglior giocatore.

Stasera la Francia dovrebbe ottenere i tre punti contro la Gran Bretagna, benché questa sfida tra due nazioni storicamente antagoniste, per di più in terra scozzese, potrebbe riservare delle sorprese. Calendario alla mano l’Italia dovrà comunque vincere anche le prossime partite, già subito contro i francesi sabato.

Kazakistan – Italia 3-4 (1-0, 0-1, 2-3)
Marcatori: 16:23 (1-0) Sergienko (Savitski, Koshelev), 29:40 (1-1) Schenk (Mattivi), 40:59 (1-2) G. Morini (Terzago, P. Morini), 43:33 (2-2, PP) Sergienko (Alexandrov, Savitski), 46:51 (2-3, PP) Schenk (Lacedelli), 52:21 (2-4) Alber (Ramoser), 55:21 (3-4) Fisenko (Likhotnikov)
Kazakistan: Sevidov (Volosenko); Sergienko “C”, Alexandrov; Stepanenko, Ibraibekov; Kairov, Yevseyev “A”; Mezhebitski, Tsvetkov; Shestakov, Koshelev, Savitski “A”; Mikhailis, Kabiev, Kinstler; Stukalov, Fisenko, Likhotnikov; Baubekov, Polyushkin, Grents. Allenatore: Sergei Stargin
Italia: Rabanser (dal 46:51 al 46:59 Morandell); Althuber, Glira “A”; Messner, Mattivi; Vinatzer, Radin; Tauferer; Schenk, Lacedelli, Marchetti “A”; Hochkofler “C”, Pavlu, Terzago; Morini P, Morini G, Ramoser; Pace, Frank, Mondon Marin, Alber. Allenatore: Robert Chizzali
Tiri: 40-21 (16-6, 8-7, 16-8)
Penalità: 31-43 (27-6, 2-6, 2-31) con 5+20 a Kairov (Kazakistan) al 19:59 e 5+20 a Frank (Italia) al 46:59
Migliori giocatori: Yuri Sergienko (K) – Martin Rabanser (I)

freccia I convocati
freccia Così l’anno scorso

Classifica P.ti i V -ot P  gol +/-
Italia        8 3 2 1-0 0 12-9   3
Francia       6 2 2 0-0 0  6-3   3
Kazakistan    6 3 2 0-0 1 16-7   9
Ucraina       3 3 1 0-0 2  5-11 -6
Gran Bretagna 1 2 0 0-1 1  4-10 -6
Giappone      0 3 0 0-0 3  8-11 -3

Programma:

freccia 9 dicembre 2013
Ucraina – Kazakistan 2-7 (1-4, 1-0, 0-3)
Giappone – Francia 3-4 (1-1, 2-1, 0-2)
Gran Bretagna – Italia 3-4 ot (2-0, 1-2, 0-1, 0-1)
10 dicembre 2013
freccia Italia – Giappone 4-3 (1-2, 2-1, 1-0)
freccia Francia – Ucraina 2-0 (1-0, 0-0, 1-0)
freccia Kazakistan – Gran Bretagna 6-1 (1-0, 3-1, 2-0)
12 dicembre 2013
Giappone – Ucraina 2-3 (0-2, 0-1, 2-0)
Kazakistan – Italia 3-4 (1-0, 0-1, 2-3)
ore 21:00 Francia – Gran Bretagna
14 dicembre 2013
ore 14:00 Italia – Francia
ore 15:30 Kazakistan – Giappone
ore 21:00 Ucraina – Gran Bretagna
15 dicembre 2013
ore 14:00 Francia – Kazakistan
ore 17:30 Italia – Ucraina
ore 21:00 Gran Bretagna – Giappone