Elite A pronta a partire: nuovo format per i playoff

di Luca Tommasini e Thomas Valeruz

Mancano solo quattro giorni al termine del countdown per l’80esimo Campionato italiano di hockey su ghiaccio Itas Cup, l’ormai tanto discussa “Elite A”, sponsorizzata quest’anno da Itas Assicurazioni. Oggi, a Trento, la conferenza stampa di presentazione alla presenza del presidente della Fisg Giancarlo Bolognini, del presidente della Lihg Tommaso Teofoli, del responsabile del settore hockey della Fisg Karl Linter e del direttore generale di Itas Ermanno Grassi.
Al termine di un’estate più che travagliata, che ha visto squadre del blasone del Bolzano emigrare in Ebel, compagini come Alleghe e Pontebba gettare la spugna e cinque squadre di A2 emigrare in Inl, la nuova massima serie italiana si presenta quindi al via con otto squadre, che si affronteranno in un triplo girone di andata e ritorno: Asiago, Cortina, Fassa, Milano, Renon, Val Pusteria, Valpellice e Vipiteno. Apertura delle danze il 21 settembre, con la prima giornata che vedrà i campioni d’Italia dell’Asiago impegnati in casa del Milano, il Renon alle prese con la lunga trasferta di Torre Pellice, il Fassa che riceverà il Cortina e il derby altoatesino tra Vipiteno e Val Pusteria.

RIVOLUZIONE PLAYOFF
Una delle novità più importanti della nuova Elite A riguarda il formato dei playoff, creato ad hoc per attribuire più importanza alla regular season. Ecco quindi schematizzata la formula:

Quarti fase 1 – best of 5
Parte alta
1 – 4
2 – 3

Parte bassa
5 – 8
6 – 7

Quarti fase 2 – best of 3
Parte alta
I due vincitori si giocano la “coppa di lega” che vale:
– diritto di draft in semifinale (scelta del avversario tra le vincenti fase 2)
– diritto di casa in semifinale e finale (indipendentemente dal piazzamento regular
season)
– “coppa di lega”
i due perdenti affrontano i due vincenti della „parte bassa“ per accedere in semifinale

Parte bassa
I due vincitori affrontano i due perdenti della “parte alta” per accedere in semifinale
i due perdenti hanno finito il campionato e saranno classificati 7° e 8°
diritto di giocare in casa:
sempre la squadra meglio classificata dopo la regular season, a parte del vincitore della
“coppa di lega” che acquisisce questo diritto indipendentemente dal piazzamento.
(Per esempio la 4a può acquisire in extremis questo diritto vincendo in fase 1 e 2)

Semifinale– best of 7
il vincitore “coppa di lega” potrà scegliere il suo avversario tra le 2 vincenti “quarti fase 2”.
il perdente della sfida “coppa di lega” affronterà la squadra rimanente.

Finale– best of 7

 

Conferenza Elite ACOPPA ITALIA
News anche per quanto riguarda la Coppa Italia, che vedrà probabilmente partecipare tutte le otto squadre coinvolte nel campionato. Saranno effettuati dei quarti di finale, che permetteranno l’accesso alla Final Four che verrà disputata sabato 30 novembre e domenica 1° dicembre 2013. Il tutto è ancora però da definire: c’è la possibilità che la squadra ospitante venga automaticamente qualificata, il che cambierebbe i parametri.

SUPERCOPPA E COPERTURA DEI MEDIA
La Supercoppa italiana, che sarà disputata tra i campioni d’Italia dell’Asiago e i detentori della Coppa Italia del Valpellice, sarà disputata il 17 ottobre.
Confermata la copertura Rai con le dirette del giovedì, così come la trasmissione radiofonica Tutto l’hockey minuto per minuto. A ciò si aggiungeranno le dirette streaming di alcune partite, “a testimonianza dell’enorme sforzo che la Lihg sta compiendo per diffondere sempre più questa disciplina”, come ha affermato Teofoli.

IL PRESIDENTE TEOFOLI: “Sempre più professionisti”

Il nome Elite A è stato scelto non soltanto per cambiare la denominazione – ha detto il presidente della Lihg, Tommaso Teofoli – ma anche perché la nostra realtà sta diventando sempre più un qualcosa di professionistico, pur ancora nell’ambito del dilettantismo: nonostante un periodo non certo favorevole, specialmente in ambito economico, nella consapevolezza di rappresentare al meglio tutte le società affiliate la Lihg è più che mai decisa a pubblicizzare, nel migliore dei modi, l’intera attività agonistica e di comunicazione del principale movimento hockeystico nazionale.

Teofoli mette poi l’accento su altre due iniziative promosse per la prossima stagione:

Per portare più spettacolo nell’hockey giocato e per esaltare la passione del pubblico – ha affermato – è stata introdotta la fighting rule, mentre i giovani talenti, grazie alle nuove regole, saranno maggiormente impiegati rispetto al passato. Un sincero augurio va anche al Bolzano, che è partito di slancio nella Ebel, così come il mio augurio è esteso alle cinque squadre della 2a divisione che inizieranno nei prossimi giorni la InterNational League, insieme a formazioni austriache e slovene.

 

BOLOGNINI: “Che questo campionato sia propedeutico al Blue Team”BR170913_029

Dopo aver introdotto la partnership tra la Federazione Italiana Sport del Ghiaccio e ITAS Assicurazioni, il presidente Bolognini ha voluto dire la sua sul campionato che sta per iniziare.

In questo campionato da protagonista la farà sicuramente l’incertezza. Tutte le squadre infatti, nonostante le difficoltà economiche che attanagliano il nostro Paese e che, di conseguenza si ripercuotono sullo sport, sono riuscite a comporre dei roster decisamente competitivi e, nonostante alcune formazioni partano con i favori del pronostico, alla fine penso che tutte le squadre potranno contendersi la coppa finale. Sono altresì convinto che nonostante le numerose ombre che quest’estate hanno coperto il nostro movimento a fine anno potremo vedere le luci in risposta di ciò. Di sicuro, da quest’estate drammatica, si è compreso come alle società sia richiesta la serietà nella gestione e programmazione, maggiore rispetto a quanto fatto finora. Tutta la programmazione della stagione è incentrata sull’importante appuntamento di maggio: i mondiali Top Division in Bielorussia. L’italia non vuole farsi trovare impreparata e lotterà per restare in Top Division.

Il presidente si è poi soffermato sulle società che sono emigrate dal campionato italiano

Quest’anno ci sono alcune squadre che hanno deciso di abbandonare il campionato italiano in virtù di altri campionati internazionali. Il Bolzano sta partecipando alla EBEL, mentre il Merano, l’Egna, l’Appiano, il Caldaro e il Gherdeina sono ai nastri di partenza della INL. Questi team devono essere visti dalle squadre della Elite A e dalla LIHG come riferimento.

LINTER: “Fondamentale la crescita dei giovani”

BR170913_041Il responsabile del settore Hockey Karl Linter è poi intervenuto per illustrare i frutti dell’hockey italiano:

Oltre ad avere un campionato di serie A (ora Elite A) di assoluto valore, ed i risultati del Bolzano in EBEL ne sono la conferma, l’Italia può contare oltre che le categorie minori dell’Hockey Maschile, anche un campionato femminile di buon livello con cinque squadre partecipanti e due campionati nazionali come la Under 18 e la Under 20 che formano i ragazzi a dovere e che sempre più fanno il grande salto in Elite A. Anche le nazionali giovanili partecipano ai tornei internazionali con risultati più che discreti: la nazionale Under 18 parteciperà ai mondiali di categoria di prima divisione in programma in Francia, mentre la Under 20 parteciperà al gruppo B di prima divisione della propria categoria, in programma in Gran Bretagna. La nazionale femminile parteciperà da padrona di casa ai mondiali di seconda divisione gruppo A, in quanto tale girone si disputerà ad Asiago dal 6 al 12 Aprile. Tornando al discorso dei giovani, i regolamenti redatti dalla federazione e dalla lega sono volti ad una crescita dei nostri giovani, e speriamo che sempre più partecipanti alla EliteA diano il loro apporto alle varie nazionali giovanili per raggiungere la tanto agognata Top Division.

ITAS ASSICURAZIONI SCENDE SUL GHIACCIO

E’ intervenuto alla conferenza anche Ermanno Grassi, direttore generale di Itas Assicurazioni SpA.

ITAS non vuole configurarsi esclusivamente come sponsor commerciale nei confronti della Federazione e della Lega, bensì la volontà è quella di portare le nostre assicurazioni ai tesserati della FISG e configurarci come sponsor tecnico della stessa (ITAS Assicurazioni è partner anche di Carolina Kostner) . Abbiamo scelto l’hockey su ghiaccio perchè siamo legati al nostro territorio, e l’hockey è uno sport che appartiene alle terre trentine. Con la partnership firmata tra ITAS e Federazione, l’intento del nostro gruppo è quello di espanderci anche in quei territori che non sono propriamente di propria competenza, e tramite l’hockey speriamo di ottenere la giusta visibilità.