WMW Div. II A – L’Italia vince e convince contro l’Australia, bene Polonia e Ungheria

Parte con il piede giusto l’avventura della nazionale femminile italiana ai mondiali di II Divisione gruppo A iniziati oggi ad Auckland in Nuova Zelanda, l’avvio dell’Italia è un po timoroso e una penalità ai propri danni non aiuta, ma il pericolo non crea conseguenze e riconquistata la parità numerica sul ghiaccio l’Italia passa in vantaggio con Eleonora Bonafini che risolve in mischia un’azione corale al 4:54. Passano 30 secondi e l’Italia deve fronteggiare un’altra inferiorità numerica ma questa volta le australiane vanno in rete con la loro miglior giocatrice Alivia Del Basso al 07:01. Le italiane ripartono all’attacco conquistano un power play che sembra passare infruttuoso ma all’ultimo secondo un’azione insistita di Eleonora Dalprà che ribadisce in rete un rimbalzo su un proprio tiri riporta avanti l’Italia all 11:38. Tre minuti più tardi in un’altra superiorità numerica è Federica Zandegiacomo che porta a tre le reti italiane su un’azione susseguente ad un ingaggio vinto nel terzo offensivo, c’è tempo per un’altra infrazione comminata contro l’Australia ma il punteggio non cambia e l’Italia chiude il primo periodo avanti 3 a 1.

Il secondo periodo inizia bene per l’Italia che porta a quattro le sue reti grazie a un bel gol di Hanna Elliscasis che al 22:08 riesce a sorprendere Kristy Burke il goalie australiano non impeccabile nell’occasione. L’Italia ha il pieno controllo della partita e si rende spesso pericolosa davanti alla porta avversaria, la difesa italiana è attenta a limitare le incursioni della Del Basso e anche in una situazione di superiorità numerica per le australiane l’Italia non corre grandi pericoli; potrebbe aumentare il bottino azzurro nelle due superiorità numeriche a disposizione delle ragazze azzurre ma il goalie australiano è attenta finisce il periodo con l’Italia avanti 4 a 1 con Giulia Mazzocchi la goalie italiana che ha dovuto fronteggiare un solo tiro nel periodo a testimoniare l’ottimo gioco espresso dall’Italia.

Nel terzo periodo l’Italia ha a disposizione un’altro power play ma sebbene le azzurre facciano circolare in maniera egregia il puck, non arriva la quinta rete, anche l’Australia ha un power play ma la difesa azzurra fa ottima guardia davanti a Giulia Mazzocchi, arranca l’Australia che subisce un’altra penalità per ritardo del gioco e il power play delle Italiane capitalizza al meglio l’opportunità con Beatrix Larger, l’Italia gestisce il gioco a piacere, ma in una mischia creatasi davanti alla gabbia italiana arriva la seconda rete delle “cangurine”  ancora con Alivia Del Basso al 53:45, ma la rete non scoraggia l’Italia che mantiene il controllo della partita fino al fischio della sirena finale che sancisce la vittoria dell’Italia per 5 a 2. Premiate Migliori giocatrici in pista Lucy Parrington per l’Australia e Valentina Bettarini per l’Italia.

A fine partita cosi si è espresso coach Marco Liberatore “sono molto felice per la vittoria ottenuta in una partita combattuta in tutti e tre i tempi, è funzionato molto bene il power play che ci ha portato due gol, questa vittoria vale molto perchè ottenuta contro un avversario che  aveva 20 giorni di ritiro nelle gambe e negli schemi, oltre a non avere problemi di ambientamento.  Tutte le ragazze hanno avuto occasione di giocare. Sono spiccate le giovani con il loro primo gol ad un mondiale (Hanna Elliscasis, Eleonora Bonafini).
Per le prossime partite ci aspettiamo io e il mio staff un’Italia ancora in crescita.

AUSTRALIA – ITALIA 2-5 (1-3, 0-1, 1-1)
Reti: 04.54 (0-1) Bonafini (T. Larger, Dalprà); 07.01 (1-1 PP1) Dal Basso (Newmark, Parrington); 11.38 (1-2 PP1) Dalprà; 15.08 (1-3 PP1) Zandegiacomo; 22.08 (1-4) Elliscasis (Campo Bagatin); 47.13 (1-5 PP1) B. Larger (Zaccherini, zandegiacomo); 53.45 (2-5) Del Basso (Teed)
Australia: Kristy Bruske (Jodie Walker) Christine Cockerell, Stephanie Newmark; Sari Lehman, Candice Mitchell; Sarah Teed, Georgia Carson; Sarah Turbach; Andrea Sterank, Alivia del Basso, Lucy Parrington; Rylie Padjen, Shona Green, Georgia Moore, Emily Teed, Olivia Dawson, Tiffany Venning.
Italia: Giulia Mazzocchi (Daniela Klotz) Elena Ballardini, Linda de Rocco; Valentina Bettarini, Anneke Orlandini; Michela Angeloni, Valentina Ricca; Nadine Zaccherini; Federica Zandegiacomo, Valentina Galliana, Anna de la Forest; Eleonora Dalprà, Betrix Larger, Carola Saletta; Samantha Gius, Mia Campo Bagatin, Hanna Elliscasis; Tanja Larger, Eleonora Bonafini, Diana Da Rugna Coach: Marco Liberatore
Tiri: Australia 13 (7,1,5) Italia  37 (11,13,13)
Penalità: Australia 14 (6,4,4) Italia 10 (4,2,2)

 

UNGHERIA – SLOVENIA  9-1 (5-0; 3-0; 1-1)

Reti: 01.04 (1-0) Medgyes (Gasparics); 09.10 (2-0) Medgyes;  14.43 (3-0) Dettrich (Kiss, Ungar); 15.24 (4-0) Huszak (Brgles, Gasparics); 18.52 (5-0 PP1) Huszak (Kiss-Simon); 21.45 (6-0) Medgyes (Szlaby); 24.48 (7-0) Trencsenyi; 32.06 (8-0) Gasparics; 42.27 (8-1) Pren (Deisinger, Biscak); 44.48 (9-1) Huszak (Szlaby).
Tiri: Ungheria 51 (19,21,11) Slovenia 22 (4,6,12)
Penalità: Ungheria 10 (0,4,6) Slovenia 6 (2,0,4)

Nella partita inaugurale della giornata l’Ungheria travolge le slovene con un pesante passivi di 9a1, le magiare mettono subito un enorme divario nel primo periodo chiuso avanti per 5a0, nel secondo periodo rmpinguano il bottino con altre tre reti portandosi sul punteggio di 8a0. Nella terza frazione dopo la rete della bandiera slovena realizzata dalla giocatrice con il maggior tasso tecnico, l’ex Sabres Vienna Pia Pren, le ungheresi rispondono con la loro nona rete che chiude la partita sul 9a1, in evidenza tra le ungheresi Dorottya Medgyes e Alexandra Huszak con tre reti a testa.

POLONIA –  NUOVA ZELANDA  2-1 DTS (0-1; 0-0; 1-0; 1-0)

Nella partita serale che vedeva impegnate le neozelandesi padrone di casa, la Polonia riesce a spuntarla solamente con un a rete realizzata all’overtime. Dopo che la Nuova Zelanda passa in vantaggio al sedicesimo minuto a dispetto della pressione delle polacche che si creano pericolose a più riprese ma senza esito davanti alla paorta neozelandese il secondo parziale vede aumentare il forcing delle polacche che tuttavia rimane infruttoso anche alla fine del secondo periodo, nonostante a quel punto lo score dei tiri segnali Polonia 32 e Nuova zelanda 15. Occorre aspettare il 47mo minuto per il goal del pareggio polacco quasi allo scadere di una superiorità numerica. Si va cosi all’overtime che la Polonia potrebbe risolvere in proprio favore grazie all’assegnazione di un tiro di rigore, ma Marta Bigos non riesce nella trasformazione a superare l’estremo di fensore della Nuova Zelanda, ci pensa ancora Kamila Wieczorek già autrice del pareggio polacco a risolvere la contesa al 03.52 del tempo supplementare

Reti: 16.02 (0-1) Thakker (Horner-Pascoe); 47.14 (1-1 PP1) Wieczorek; 63.52 (2-1) Wieczorek (Czaplik)
Tiri: Polonia 46 (15,17,10,4) Nuova Zelanda 24(9,7,6,2)
Penalità: Polonia 10 (2,4,4,0) Nuova Zelanda 10 (2,6,2,0)

 

Classif. P.ti i V -ot P gol +/-
Ungheria    3 1 1 0-0 0 9-1  8
Italia      3 1 1 0-0 0 5-2  3
Polonia     2 1 0 1-0 0 2-1  1
N. Zelanda  1 1 0 0-1 0 1-2 -1
Australia   0 1 0 0-0 1 2-5 -3
Slovenia    0 1 0 0-0 1 1-9 -8

Programma e risultati (ora locale e ora italiana)
diretta streaming su freccia www.nzihl.tv

  • 8 aprile 2013
    Ungheria – Slovenia 9-1 (5-0, 3-0, 1-1)
    Australia – ITALIA 2-5 (1-3, 0-1, 1-1)
    Polonia – Nuova Zelanda 2-1 ot (0-1, 0-0, 1-0, 1-0)
  • 9 aprile 2013
    ore 13.00 (03.00) Ungheria – Australia
    ore 16.30 (06.30) Slovenia – Polonia
    ore 20.00 (10.00) ITALIA – Nuova Zelanda
  • 10 aprile 2013
    giornata di riposo
  • 11 aprile 2013
  • ore 13.00 (03.00) ITALIA – Slovenia
    ore 16.30 (06.30) Ungheria – Polonia
    ore 20.00 (10.00) Australia – Nuova Zelanda
  • 12 aprile 2013
    ore 13.00 (03.00) Polonia – ITALIA
    ore 16.30 (06.30) Slovenia – Australia
    ore 20.00 (10.00) Nuova Zelanda – Ungheria
  • 13 aprile 2013
    giornata di riposo
  • 14 aprile 2013
    ore 13.00 (03.00) Australia – Polonia
    ore 16.30 (06.30) Nuova Zelanda – Slovenia
    ore 20.00 (10.00) ITALIA – Ungheria

freccia Le convocate e il programma di preparazione
freccia Intervista a coach Liberatore
freccia Ranking femminile
freccia Mondiali di Auckland 2013
freccia Mondiali di Hull 2012
freccia Mondiali di Caen 2011