NHL: in Western Chicago da Record. I Canadiens comandano la Eastern.

EASTERN CONFERENCE

Atlantic Division, di Emanuele Badessi

La settimana appena conclusa porta un pò di sconvolgimenti nella classifica della Atlantic: in prima posizione,entrambe a 24 punti, troviamo Pittsburgh e New Jersey; i primi infilano 2 vittorie (Buffalo e Florida) ed una sconfitta contro i rivali di division di Philadelphia. Su tutti Martin (1+4) e Malkin (1+3); per i Pens purtroppo la brutta notizia arriva proprio da Malkin che, dopo essere finito in baluaustra durante un contrasto contro Gudbranson dei Panthers, manifesta sintomi riconducibili ad una commozione cerebrale. Per i Devils invece, settimana diametralmente opposta con 2 sconfitte (2-1 agli shootout con i Senators ed il pesante 5-1 di ieri a Washington) ed una sola vittoria: il 3-2 nell’andata dell’ Home-To-Home contro i Capitals. In evidenza tri i Devils il solito Kovalchuk con 2 reti.

In terza posizione, ma staccata di ben 5 lunghezze, troviamo i Flyers che rubano il gradino più basso del podio ai Rangers. Per la franchigia della città dell’ amore frateno 3 vittorie ed una sola sconfitta nella
settimana appena trascorsa: su tutti risultati spicca il cappotto rifilato agli Islanders, rivali di division, sconfitti con un pesantissimo 7-0. Le altre vittorie sono arrivate contro Pittsburgh (6-5) e Winnipeg (5-3) mentre l’unica battuta d’arresto è stato il 5-2 subito per mano dei Panthers. Settimana prolifica per 3 giocatori di Philly: Simmonds autore di 2 reti e 4 assist, Vorachek a referto con ben 4 reti e 7 assist e Capitan Giroux che chiude la sua settimana con un bottino di 3 reti e 5 assist. Distanziati di un punto dai Flyers troviano i Rangers, la cui settimana parla di una vittoria (2-1 al Garden contro i Capitals) e ben 3 sconfitte che hanno contribuito alla perdita del terzo posto in classifica; le sconfitte sono arrivate tutte contro squadre canadesi: 3-1 e 3-0 nell’ Home-To-Home contro gli Habs e 2-3 agli shootout nella gara di Giovedì notte allo Scotiabank contro i Senators. Migliore dei Rangers Stepan no 1 gol e 2 assist. Distanziati a loro volta di un punto dai Rangers, in ultima posizione, troviamo gli Islanders che aprono la loro settimana con 2 sconfitte (il già citato 7-0 contro Philadelphia e il 3-1 rimediato allo Scotiabank dai Sens) per poi riprendersi nella seconda parte di settimana inanellando 2 vittorie “on the road”: 4-3 all’ overtime a Montreal e 4-0 a Buffalo. Tra le file degli Isles da rimarcare la settimana di Matt Moulson (2+2 per lui), Streit e Tavares (per entrambi 1 rete e 2 assist).

Classifica: PIT 24, NJD 24, PHI 19, NYR 18, NYI 17
——————————————————————-

Northeast Division, di Alessandro Bianchi

Probabilmente se qualcuno avesse ipotizzato una classifica del genere a questo punto di stagione sarebbe passato per pazzo, invece molti si sono dovuti ricredere, la Northeast detta legge nella Eastern Conference e porterebbe, se tutto si fermasse ora, ben quattro team ai playoff, le tre canadesi più Boston, con però Buffalo, alla cui guida non vi è più Ruff, 16 anni spesi in panca ai Sabres, sostituito da Ron Rolston, ex head coach degli American Rochester, farm team degli stessi Sabres e in panca ad interim sino al termine di stagione, all’ultimo posto nella Conference.
Andando con ordine prima della Division e prima anche nella Conference troviamo gli Habs a quota 26 punti, reduci da sei vittorie e una sconfitta in OT nelle ultime sette gare disputate. In settimana quattro gare per loro con tre vittorie e la sconfitta in OT contro gli Islanders. Addirittura due gli shutout in settimana, uno a testa tra Budaj e Price, identico risultato finale, 3-0, contro Carolina e Rangers, mentre l’altra vittoria è stata ottenuta sempre contro gli stessi Rangers per 3-1. Ottime le prestazioni come detto dei goalies, Budaj e Price, così come il ritorno alla marcatura di Pacioretty, quattro reti per lui e Lars Eller che insieme a Galchenyuk stanotte ha fatto vedere i sorci verdi al team di Tortorella, mentre Therrien si è addirittura permesso il lusso di tenere fuori Kaberle, Bourque e Weber.
In seconda piazza abbiamo Ottawa, data per morta settimana scorsa dopo mille defezioni, a cui si è aggiunta quella di Anderson in settimana, anche se dovrebbe rientrare nei prossimi giorni, pare non sia nulla di grave, in settimana ha ottenuto un enplein di vittorie, quattro su quattro che la portano a 24 punti. Nell’ordine sono stati battuti i Devils, Islanders, Rangers e ieri notte nella battaglia dell’Ontario i Maple Leafs. Molti i giovani innestati nel roster per far fronte ai vari infortunati coach MacLean ha avuto grandissime conferme del lavoro svolto nei precedenti draft, conferme arrivate da Silfverberg, SO vincente contro i Devils e ai Rangers, e i vari Condra, Greening, Daugavins e Zibanejad sugli scudi in settimana. Da segnalare le voci che vorrebbero Alfredsson sul piede di partenza, si parla insistentemente di Boston e Pens sulle sue tracce, voce che ha cominciato circolare dopo la lunga catena di infortuni, Spezza e Karlsson su tutti, e che avrebbe voluto i Senators rasseganti a ruolo di comprimario e pertanto la cessione sarebbe vista in ottica futura, prospect o scelte, però visti i risultati ottenuti i pensieri sono ancora molti.
A quota 22 punti troviamo Boston e Toronto, appaiate con però i Bruins scesi sul ghiaccio solo due volte in settimana e con due vittorie all’attivo, regolati sia i Jets a domicilio, 3-2 con Marchand decisivo nel terzo periodo, che contro Tampa sempre a domicilio, 4-2 con ancora Marchand a segno e un Hortonscatenato autore di una doppietta, un Rask che ha fatto il proprio dovere in porta chiudendo i varchi e portandosi così a 8 vittorie in stagione. Torontoinvece è scesa sul ghiaccio il doppio delle volte, quattro incontri disputati, con però risultati a corrente alternata, due vittorie e altrettante sconfitte, arrivate quest’ultime contro Tampa e Ottawa, mentre le vittorie sono giunte contro Florida, 3-0 con shutout di Scrivens, e Buffalo, 3-1 con un doppio Van Riemsdyk.
In ultima posizione troviamo Buffalo, 13 punti, che hanno deciso dopo 16 stagioni di separarsi da Lindy Ruff, e affidarsi a Rolston, ebbene dopo la sostituzione non è praticamente cambiato nulla, infatti dopo le due sconfitte subite da Pens e Jets costate la panca a Ruff, ne sono arrivate altrettante contro Toronto e gli Islanders, addirittura uno 0-4 che non lascia alibi a Rolston & C.. L’organico è quello della scorsa stagione più o meno, però è proprio il gioco che pare involuto e forse qualche colpa ce l’ha pure la dirigenza, non in grado di stare al passo coi tempi, Regier, GM dei Sabres, su tutti.

Classifica: MON 26, OTT 24, BOS 22, TOR 22, BUF 13

——————————————————————-

Southeast Divisiondi Giuseppe Poli

In testa alla Southeast division Tampa Bay con 19 punti; tre partite questa settimana, due vittorie, Toronto, 4 a 2, e Carolina, 5 a 2, ed una sola sconfitta, Boston, 2 a 4. Al secondo posto Carolina con 17 punti. Brutta la settimana degli Hurricanes; tre partite e tre sconfitte. Oltre alla già citata con i Lightning, la squadra di coach Muller esce sconfitta dalla sfida con Winnipeg, 3 a 4, e dal match con i Canadiens, 0 a 3. Sul terzo gradino del podio i Jets, 15 punti. Due vittorie, Sabres, 2 a 1, e Carolina ed una sconfitta nel saturday night con i Flyers, 3 a 5. Florida, 14 punti, e Washington, 13, chiudono la division. La squadra di coach Dineen ha giocato quattro partite negli ultimi sette giorni: tre sconfitte, Bruins, Penguins e Maple Leafs ed una sola vittoria con i Flyers, 5 a 2. I Capitals oltre ad essere la peggior squadra del girone e anche la peggior squadra della Conference insieme a Buffalo. Due partite giocate sempre con i Devils; una vittoria e una sconfitta il resoconto per i ragazzi di coach Oates. Nella classifica marcatori in testa Stamkos, TBL, con 26 punti, segue il compagno di squadra St Louis, 23 punti. Tra i goalie al comando Ellis, CAR, con il 92.5%, segue Garon, TBL, con il 91.8%.

Classifica: TBL 19 (17 partite), CAR 17 (16 partite), WPG 15 punti (17 partite), FLO 14 (17 partite), WSH 13 (17 partite)

——————————————————————-

 

WESTERN CONFERENCE

Central Divisiondi Luca Tommasini

Al comando della Central Division troviamo, tanto per cambiare, i Chicago Blackhawks [14-0-3], con 31 punti in 17 gare: oltre ad avere inanellato un serie positiva di quattro vittorie consecutive, Toews e compagni sono arrivati all’incredibile record di 17 risultati utili consecutive dall’inizio della stagione. Nell’ultima settimana tre partite casalinghe e altrettante vittorie: contro i Kings la prima (2-3), ai rigori contro Vancouver la seconda (3-4) e contro gli Sharks la terza (1-2). A trascinare la truppa sempre Patrick Kane, che con i suoi 9 gol e 14 assist arriva a quota 23 punti.
A quota 22 punti in 18 partite ecco i St.Louis Blues [10-6-2]: questa settimana prima la vittoria esterna in quel di Vancouver (4-3 SO), poi la sconfitta interna contro San Jose (2-1) ed esterna contro Colorado (0-1 OT), infine il successo casalingo sui Blue Jackets (1-2). Alexander Steen guida i suoi con 16 punti (4+12).
Al terzo posto con 21 punti in 19 match giocati i Nashville Predators [8-6-5]: non una grande settimana per i Predators, che su quattro partite cadono ben tre volte. Prima la sconfitta esterna contro gli Avalanche (5-6), poi la vittoria tra le mura di casa ai danni di Detroit (3-4 OT), infine due sconfitte consecutive con nessun gol segnato, contro Vancouver prima (1-0) e a Detroit poi (0-4). Top scorer interno Colin Wilson: per lui 14 punti, frutto di 5 gol e 9 assist.
Settimana da incubo anche per i Detroit Red Wings [8-7-3], giunti a quota 19 punti in 18 partite: una sola vittoria, quella casalinga contro Nashville, e ben tre sconfitte, in Minnesota (2-3), a Nashville e in casa contro Columbus (3-2). Henrik Zetterberg e Pavel Datsyuk continuano comunque a macinare punti: 22 per il primo (5+17) e 20 per il secondo (8+12).
In ultima posizione troviamo i Columbus Blue Jackets [5-11-2], con 12 punti in 18 partite. Questa settimana tre match esterni e due sconfitte, ad Anaheim (2-3) e St.Louis, intervallate dalla vittoria ottenuta a Detroit. Fedor Tyutin e Derick Brassard guidano il gruppo con 10 punti a testa (1+9 per il primo, 3+7 per il secondo).

Classifica: CHI 31; STL 22; NSH 21; DET 19; CBJ 12

——————————————————————-

Northwest Divisiondi Miki Faella

Settimana intensa per i Vancouver Canucks (24pt,10-3-4) che,trovando punti in ogni uscita,iniziano a scappar via al cospetto delle proprie rivali divisionali sempre annaspanti nei bassifondi della Western Conference: se le prime due uscite contro St.Louis e Chicago @way (3-4so) riprendono i match arrivando ai prolungamenti col classico assalto alla baionetta finale salvo peccare agli shootout con i propri scorer mentre il sorriso per la truppa di coach Vigneaultgiunge on the road prima in quel di Dallas (4-3,Burrows 1+1) ed infine a Nashville col minimo sindacale (1-0,Weise Gwg e Luongo 23sv)col portierone italo-canadese che continua a viaggiare a livelli stratosferici in NHL (1.45GAA e 94,1% di parate!) realizzando il suo 62°shootout in massima lega ed in gabbia dopo due gare viste dalla panca mentre a guidare i suoi resta Daniel Sedin (5+12). Settimana in positivo anche per i Minnesota Wild (18pt,8-7-2) che apre rimontando nel giro di 4’ a metà gara il doppio passivo da Detroit (3-2,Kuemper 31sv) per poi mantenere le distanze grazie alla vena hot del giovane goalie di casa Wild per poi riconfermarsi in casa di Edmonton (3-1,Cullen 2+1) scavando il solco nel terzo tempo per poi cedere a Calgary (1-3) stanotte; il duoParise/Koivu resta team leader con 12 punti. Week casalingo decisamente avaro e scarno di reti per gli Edmonton Oilers (17pt,7-7-3) che alla premiere si fanno beffare a meno di un minuto dagli extratime da LA (1-3) per poi cedere col medesimo risultato contro Minny (1-3) con Hall che si becca due giornate di sospensione per un check assassino su Clutterbuck  prima di congedarsi con una bella rimonta contro Phoenix (3-2so) nella sfida a tutte parate dove l’ottima serata di Khabibulin (37sv) gli porta gloria agli extratime suggellata dalle reti di Gagner (team leader con 5+12) ed Eberle. Sempre in coabitazione all’ultima piazza divisionale,i Colorado Avalanche (15pt,7-8-1) in casa fanno risultato pieno sia contro Nashville (6-5,Duchene 1+2 e team leader con 6+11) per la gioia dei tifosi di Denver prima della sfida a tutta goalie contro St.Louis (1-0,Jones Gwg) vinta dall’eclettico Varlamov (33sv) prima di volare e lasciar strada ad LA (1-4) ritrovando Capitan Landeskog (0+1) dopo l’infortunio alla testa.Chiudono in perfetta parità i Calgary Flames (15pt,6-7-3) che s’impongono di rimonta su Dallas (4-3,Begin Gwg) prima di marcare visita contro Phoenix ed LA (0-4,1-3) per chiudere in bellezza contro Minny (3-1,Stajan 2+0) con MacDonaldancora convincente tra i pali (30sv) e Tanguay a guidare i suoi con 5+8.

Classifica: VAN 24 punti, MIN 18, EDM 17, COL 15, CGY 15

——————————————————————-

Pacific Divisiondi Giuseppe Poli

La Pacific anche quest’anno si sta dimostrando una division molto equilibrata. In testa i Ducks, 25 punti, una sola partita questa settimana giocata lunedì, 3 a 2 contro Columbus. Al secondo posto a 19 punti un trio: PhoenixSan Jose e Dallas.
Coyotes hanno sconfitto, nettamente, i Flames lunedì, 4 a 0, ma hanno poi perso con Edmonton ai rigori. San Jose è l’unica squadra, insieme a LA, della division che negli ultimi sette giorni ha disputato tre incontri: due sconfitte, Chicago e Dallas, ed una sola vittoria, Blues, 2 a 1. Dopo un ottimo inizio di campionato, la squadra di Todd McLellan sta disputando un terribile mese di febbraio, 9 sconfitte in 10 gare; un ruolino di marcia che se mantenuto non può portare non solo alla Stanley ma nemmeno ai playoff.
Dallas, due partite giocate, una vittoria con San Jose, 3 a 1, e una sconfitta con i Canucks, 3 a 4.
Los Angeles occupa l’ultimo posto del girone con 18 punti ma in netto recupero; tre partite e tre vittorie. 3 a 1 contro Edmonton e Calgary e 4 a 1 contro Colorado; questo potrebbe essere il segnale di una ripresa proiettando Kopitar e compagni verso la zona alta della classifica e verso i playoff. Nella classifica marcatori di division in testa la coppia di San Jose J. Thornton e P. Marleau con 18 punti, seguono un altro squalo, Pavelski, e Selanne a 15. Tra i goalie in testa K. Lehtonen, DAL, 93.4%, segue Fasth, ANA, 93.3%.

Classifica: ANA 25 (15 partite); PHX (17 partite), SJS (17 partite), DAL 19 (18 partite); LAK 18 (16 partite)