2ª fase: il resoconto della decima giornata

Il Renon, vincendo in casa con il Valpellice, chiude al primo posto la seconda fase del torneo e scavalca, sul filo di lana, il Val Pusteria, sconfitto, ai rigori, ad Alleghe. Viene così a svelarsi l’ultimo mistero di questa stagione per quanto riguarda i gironi di Master e Relegation Round e si completa la griglia di partenza per i play-off/play-out. Andiamo subito a vedere gli accoppiamenti che si sono venuti a determinare: il Renon, verrà ad incrociare l’ottava classificata: Hafro Cortina. Il Val Pusteria incontrerà il Milano Rossoblu; il Bolzano se la vedrà con l’Asiago, mentre l’Alleghe avrà il Valpellice come avversario. I protagonisti dei play-out per evitare la retrocessione in serie A2 saranno Fassa e Pontebba. Ricordiamo che i Play-Off ed il Play-Out, verranno disputati al meglio delle sette partite e che gli incontri inizieranno già dal prossimo martedì, 19 febbraio.

Renon Sport Renault Trucks – Valpellice Bodino Engineering 7:4 (3:0, 3:1, 1;3)
La vittoria del Renon è stata abbastanza facile. La Valpe è salita a Collalbo senza Justine Pogge e, nonostante l’impegno del suo sostituto, il ventisettenne americano Troy Davenport, la differenza si è avvertita. I lupetti dell’altipiano, in realtà, hanno archiviato la pratica già dopo i primi venti minuti chiusi sul perentorio risultato di 3:0. Nel secondo drittel, nonostante la segnatura iniziale di Ihnacack, i Rittner Buam hanno continuato a macinare gioco, ed hanno portato il risultato sul 6:1, chiudendo, di fatto, la gara. Il tardivo tentativo di rimonta dei piemontesi è servito soltanto a mitigare un po’ i termini della sconfitta. Il Renon ha vinto meritatamente e, complice lo stop subito dal Val Pusteria in quel di Alleghe, ha conquistato la vetta della classifica, particolare, questo che gli permetterà di affrontare nei play-off la formazione ottava classificata: l’Hafro Cortina e di potersi giocare, da qui alla fine della stagione, l’eventuale bella, davanti al proprio pubblico.

Vai alla cronaca

Alleghe Tegola Canadese – Lupi Fiat Professional Val Pusteria 4:3 d.t.r. (1:1, 2:0, 0:2, 0:0, 1:0)
Tra tutte le gare in programma questa sera, quella tra Alleghe e Val Pusteria era quella dal risultato maggiormente incerto ed il match dell’Alvise deToni ha rispettato integralmente i pronostici della vigilia. La sfida, infatti, è rimasta sospesa a un filo per tutti i 65 minuti di gioco e si è decisa, infine, soltanto ai tiri di rigore. Tra le due contendenti l’ha spuntata l’Alleghe anche se, c’è da dire che i due punti conquistati sul ghiaccio, questa sera, non servono affatto a migliorare la già ottima classifica delle Civette che rimangono aggrappate alla quarta posizione, conquistata giovedì scorso vincendo a Torre Pellice. Diverso invece il discorso per il Val Pusteria: la formazione di Paul Adey, per non essere scavalcata in testa alla Tabella Generale, dalla prevedibile vittoria del Rittner Buam, avrebbe dovuto vincere alla fine dei tempi regolamentari. Così non è stato ed i Lupi dopo aver concluso per due anni consecutivi la fase che precede i play-off al primo posto, quest’anno debbono cedere lo scranno al Renon. Stasera, dopo un avvio bruciante culminato nella subitanea segnatura di Ben Guitè, i giallo neri hanno sofferto il ritorno delle Civette Agordine che hanno pareggiato i conti con Daniele Veggiato. Nel secondo tempo abbiamo visto grandi parate di Adam Dennis ed un Alleghe sugli scudi, lesto a passare in vantaggio con Matt Waddell in PP. Anche stasera i bianco rossi hanno confermato di essere una squadra corta e compatta, pronta a sfruttare tutti gli spazi. Il lavoro della seconda linea agordina ha poi portato Nicola Fontanive a segnare il 3:1. Nel drittel finale il Val Pusteria è rientrata sul giaccio con grande determinazione: passano appena 22 secondi e Capitan Helfer accorcia le distanze superando il giovane Davide Fontanive subentrato nel terzo tempo a Dennis. Il pareggio è cosa fatta sette minuti più tardi ed è ancora Armin Helfer a trovare la via del goal ed impattare il risultato. Nei minuti mancanti, nonostante il tentativo finale di Paul Adey di togliere il portiere immettendo un uomo in più di movimento, il risultato non si sblocca e, sulla parità, le squadre vanno all’Overtime. Nei cinque minuti di extra-time l’Alleghe ha l’occasione per chiudere il match quando l’arbitro Gamper fischia un rigore a favore dei padroni di casa per intervento falloso ai danni di Daniele Veggiato. Lo stesso attaccante prova la trasformazione ma il suo tiro è parato da JS Aubin. La gara si decide definitivamente ai rigori: sbagliano tutti ad eccezione di McMonagle che con la sua trasformazione stabilisce l’esito finale della sfida.

Vai alla cronaca

Val di Fassa Ferrarini – Migross Supermercati Asiago 3:2 ot (0:1, 0:0, 2:1, 1:0)
Il fatto che tutte le posizioni di Classifica Generale fossero state già state decise prima dell’inizio di questa gara ha un po’depotenziato il match disputatosi stasera al Gianmario Scola di Alba di Canazei. Il Fassa ripresentava dopo un paio di turni di riposo il portiere Frank Doyle la cui prestazione è parsa veramente convincente. Nel primo drittel è passato per primo l’Asiago grazie al gioco della sua prima linea DiDomenico-Bentivoglio-Ulmer. Nel sondo tempo grandi interventi di Doyle sulle conclusioni degli avanti vicentini, poi, al minuto 50 è arrivato il pareggio di Martin Castlunger. Sono passati due minuti e Chris DiDomenico, in PP, ha riportato ancora avanti i suoi. Tre minuti, circa, più tardi è ancora Jacob Sindel a ripristinare la parità. Si va quindi all’Overtime e la sudden death arriva al 2:58 con un puck scagliato dalla stecca di David Turon dentro la gabbia Asiaghese. Chiusa l’esperienza dalla Relegation Round, da martedì prossimo, le strade delle due formazioni affrontatesi stasera, prenderanno direzioni assai diverse tra loro. L’Asiago se la dovrà vedere, nei play-off scudetto contro il Bolzano in uno scontro che alla vigilia appare incerto ed affascinante mentre i Ladini dovranno disputarsi col Pontebba, al meglio delle sette gare, il diritto di rimanere nella massima serie.

Vai alla cronaca

Hafro Cortina – Aquile FVG Pontebba 4:1 (2:0, 2:0, 0:1)
Il Cortina tiene a riposo Levasseur, preferendogli il suo backup, il Sancandidese Renè Baur. La partita è giocata senza particolari schemi da entrambe le formazioni che appaiono quasi subito un po’ troppo allungate sul ghiaccio. Gli ampezzani segnano due volte nel primo tempo e si ripetono nella ripresa. Il Pontebba ha il merito di crederci fino in fondo e ad un minuto e dieci secondi dalla fine trova il punto della bandiera con Miroslav Guren che, segnando, sporca il tabellino di Baur, impedendogli la gioia dello shutout. Nei play-off scudetto il Cortina se la dovrà vedere contro il Renon, apparso alla stato attuale come la formazione in migliore condizione dell’intero lotto ed il compito degli scoiattoli ampezzani pare, sulla carta, assai improbo. Il Pontebba è atteso ai play-out per cercare di salvare una stagione, fino a qui, estremamente deludente.

Classifica finale del Master Round
Renon Sport Renault Trucks 53, Lupi Fiat Professional Val Pusteria 52 , HC Bolzano Foxes 49 , Alleghe Tegola Canadese 44 , Valpellice Bodino Engineering 38.

Classifica finale del Relegation Round
Migross Supermercati Asiago 44, Milano Rossoblu 38* , Hafro Cortina 38*, Val di Fassa Ferrarini 26, Aquile FVG Pontebba 6.
* il Milano, pur a parità di punti, ottiene il miglior piazzamento in tabella generale per i risultati negli scontri diretti del Relegation Round (vittoria del Milano all’Olimpico per 5:3 e vittoria del Cortina all’Agorà per 3:2).

Prossimo turno: Play Off Gara 1, in programma martedì 19 febbraio 2013.
Renon Sport Renault Trucks – Hafro Cortina
Lupi Fiat Professional Val Pusteria – Milano Rossoblu
HC Bolzano Foxes – Migross Supermercati Asiago
Alleghe Tegola Canadese – Valpellice Bodino Engineering
Play-Out per evitare la relagazione in Serie A2:
Val di Fassa Ferrarini – Aquile FVG Pontebba.

Tags: