EBEL: corsa a cinque per l’ultimo posto utile per i playoff

Conclusasi la prima parte della regular season, dominata quasi interamente dai Vienna Capitals, la Erste Bank Eishockey Liga è entrata nella seconda parte della stagione. Nel round intermedio la classifica è stata divisa in due: le prime sei squadre, che accederanno di diritto ai playoff, si sfideranno in un Master round utile a definire le posizioni definitive, le altre sei si affronteranno invece in un Qualification round: le prime due squadre accederanno poi ai playoff.

Al termine della prima fase di 44 partite, la classifica era la seguente:

1. Vienna 61
2. Zagabria 60
3. Graz 56
4. Villach 56
5. Klagenfurt 55
6. Linz 53

7. Znojmo 52
8. Salisburgo 47
9. Fehervar 45
10. Lubiana 43
11. Dornbirn 29
12. Innsbruck 19

Le squadre sono state quindi divise nei due gironi, i punti in classifica sono stati azzerati e ogni team ha ricevuto dei punti bonus, in base alla posizione ottenuta a fine prima fase.

Master Round
1. Vienna 4 punti
2. Zagabria 3
3. Graz 2
4. Villach 1
5. Klagenfurt 0
6. Linz 0

Qualification Round
7. Znojmo 4 punti
8. Salisburgo 3
9. Fehervar 2
10. Lubiana 1
11. Dornbirn 0
12. Innsbruck 0

Ad oggi si sono giocate cinque delle dieci giornate di gare previste dal calendario. In testa al Master round troviamo il Vienna, ancora imbattuto in questo frangente della stagione, trainato dai “solito duo” Fortier – Gratton e dal “nuovo arrivato” Josh Soares, attaccante italo-canadese esploso quest’anno dopo due campionati di indubbio valore disputati in Svezia col Vaxjo. In evidenza, nella capitale, anche il goalie Matt Zaba, guadagnatosi la fiducia del coach grazie ad una stagione straordinaria e ora titolare a pieno titolo. La squadra capitolina continua a vantare la miglior difesa della Lega, sia per reti subìte che per saving percentage del tandem difensivo Zaba – Weinhandl.

La più importante delle cinque vittorie ottenute dai Capitals nel Master round è senz’altro quella di venerdì, quando i giallorossi hanno rovinato la festa open air dello Zagabria vincendo di misura (2:1) il Salata Winter Classic. Complice la sconfitta del primo febbraio, gli orsi croati sono stati superati in seconda posizione dal Linz, che giovedì avevano regolato per 4:1 un Klagenfurt in lento recupero.

Dietro al Graz, appaiato allo Zagabria a sei punti, troviamo i cugini carinziani Klagenfurt e Villach. Mentre i draghi biancorossi stanno cercando di rimettere assieme i cocci di una stagione tutt’altro che fortunata, le aquile biancoblù sono nel mezzo di una crisi pericolosa: una sola vittoria in cinque partite significa ultimo posto nel girone praticamente assicurato, e un ostico accoppiamento con Zagabria e Graz.

Il Qualification round sembra appannaggio delle aquile di Znojmo, sconfitte una sola volta e avanti cinque punti rispetto ai draghi di Lubiana, attualmente secondi (ottavi). Dietro alle aquile ceche, tutto è ancora aperto. Lubiana, Fehervar e Salisburgo sono chiuse nello spazio di due punti e Dornbirn e Innsbruck, grazie alle recenti vittorie, si sono rifatte sotto e possono tranquillamente ambire ad altre due o tre vittorie. Ci sono quindi tutti gli ingredienti per un finale di stagione al cardiopalma.

Classifica dopo cinque giornate

Master Round
1. Vienna 14 punti
2. Linz 8
3. Graz 6
4. Zagabria 6
5. Klagenfurt 5
6. Villach 4

Qualification Round
7. Znojmo 12 punti
8. Lubiana 7
9. Salisburgo 7
10. Fehervar 6
11. Dornbirn 5
12. Innsbruck 4

Tags: