Lugano implacabile, una vittoria che vale il 5° posto

Sconfitto nettamente il Davos per 5.1. Decisivo il periodo centrale dove il Lugano ha costruito il proprio vantaggio. Sugli scudi la prima linea schierata da HURAS, con le doppiette personali di RÜFENACHT e METROPOLIT. 

Il Lugano, forte di quattro successi negli ultimi cinque incontri, ospita alla Resega il Davos che lo precede di due soli punti in classifica con lo possibilità, in caso di vittoria, di effettuare il sorpasso ai danni dei grigionesi guadagnando una posizione. Bianconeri che devono cercare inoltre vendicare la pesante sconfitta per 8.1 rimediata alla Vaillant Arena, che ha segnato il punto più basso della stagione. Nella formazione di Larry HURAS praticamente obbligato il rientro di Pavel ROSA, considerati gli infortuni di NUMMELIN e del nuovo acquisto LINGLET, mentre sono sempre più vicini al rientro anche MORANT, FAZZINI e DOMENICHELLI. Davos senza TATICEK che attende di essere operato al dito, e che non può contare su Corsin CAMICHEL, GUGGISBERG e Jan VON ARK infortunati, oltre agli influenzati Dino WIESER e GROSSMANN.

Ritmo elevato in avvio e da una buona azione dietro la gabbia di METROPOLIT arriva un delizioso disco al centro per RÜFENACHT che di rovescio impegna GENONI in una difficile ribattuta. Sulla mischia conseguente davanti allo slot è lo stesso Top Scorer bianconero, dopo i tentativi di ROSA e VAUCLAIR, a trovare il tocco decisivo che vale la rete del vantaggio (1.0) al minuto 01:24. Sulla scia del goal ottenuto, ancora padroni di casa pericolosi in contropiede con ROSA che, solo davanti al portiere, non riesce a superarlo. Al minuto 06:30 si fa vedere con decisione anche la squadra ospite con gran diagonale di BÜRGLER dalla destra, di poco a lato e qualche istante dopo con una conclusione di SYKORA che centra in pieno il palo salvando l’imbattibilità di MANZATO. Il goalie di casa però non può nulla al minuto 10:28 sulla ribattuta a rete da posizione ravvicinata di BÜRGLER, dopo una penetrazione offensiva di ALATALO (1.1). METROPOLIT fuori per colpo di bastone e Lugano bravo a difendersi in box-play grazie anche al contributo del solito MANZATO che chiude miracolosamente ancora su BÜRGLER ad un passo dalla linea di porta. Davos che controlla il gioco, sfruttando il suo buon momento, che si rende ancora pericoloso con FORSTER e JOGGI dalla distanza. Lo stesso difensore gialloblu in ripiegamento difensivo si rende colpevole di un aggancio con bastone finendo in panca puniti, seguito però un minuto più tardi da RÜFENACHT reo di un’ostruzione ai danni di GENONI. In 4 contro 4 contropiede condotto di gran lena da REUILLE che offre un ottimo assist al centro per McLEAN su chiude GENONI. Il periodo si chiude con un’occasione per parte. MARHA non trova il tempo giusto per la deviazione sull’assist di Reto VON ARX mentre METROPOLIT trova l’opposizione di GENONI proprio a fil di sirena.

Buona di azione di CORVI che, dopo aver seminato il panico nella difesa avversaria, non trova la conclusione vincente. Replicano i bianconeri con un bel diagonale di KOSTNER respinto da GENONI e con un’azione dietro la gabbia di RÜFENACHT che mette un disco al centro sul quale non riesce ad intervenire alcun compagno di squadra. Azione identica ad opera di McLEAN che trova invece al centro Jordy MURRAY sulla cui conclusione GENONI respinge provvidenzialmente col gambale. Al minuto 26:26 ROSA entra prepotentemente nel terzo offensivo e scaglia un gran tiro respinto da GENONI proprio sulla stecca RÜFENACHT che ha gioco facile nel realizzare il (2.1). Nemmeno il tempo di riprendere il gioco e il Davos si divora il goal del pareggio in contropiede con BÜRGLER, prima di rimanere addirittura in doppia inferiorità numerica, per le penalità a RIZZI (sgambetto ) e Reto VON ARX (aggancio ai danni di VAUCLAIR). GENONI compie prima un miracolo su McLEAN, quindi respinge sulle due conclusioni dalla blu di HIRSCHI. Ma quando mancano solo 5” allo scadere della seconda penalità è di nuovo RÜFENACHT a infilare GENONI dopo un’azione personale, realizzando così la sua seconda rete della serata per il (3.1) al minuto 30:24. Lo stesso attaccante bianconero si trasforma in breve tempo da goleador in assist-man, al minuto 33:29, quando serve a METROPOLIT in ottima posizione un disco che chiede solo di esser spinto in rete per il (4.1). Un poker di reti tutte sul conto della prima linea schierata questa sera da Larry  HURAS. Un eccesso di foga costa due minuti di penalità a Jordy MURRAY, ma la difesa bianconera nell’occasione non corre alcun pericolo giocando con una buona disciplina, così come nei due minuti successivi quando è costretta di nuovo all’inferiorità numerica a causa di un aggancio fischiato a METROPOLIT. Davos che rientra negli spogliatoi per il secondo intervallo, con la consapevolezza di aver sprecato due buone occasioni per riaprire la partita.

Dopo 03:08 del terzo periodo, viene penalizzato McLEAN per due minuti reo di una trattenuta del bastone, ma per l’ennesima volta la formazione di Arno DEL CURTO si dimostra incapace di capitalizzare la situazione di power-play. I grigionesi si rendono pericolosi solo con iniziative personali, vedi FORSTER, e conclusioni dalla distanza, vedi ALATALO, segnali di un evidente difficoltà a costruire gioco. Lugano invece, che ogni volta che si affaccia nel terzo offensivo, riesce sempre a mettere in ansia la difesa avversaria. NODARI, infatti, appena superata la linea blu scaglia un tiro che, seppur non irresistibile, riesce a battere nuovamente GENONI, apparso nell’occasione coperto (5.1) al minuto 47:37. SCHLUMPF contrasta in maniera efficace RYSER dalle parti di MANZATO, ma sono sempre i bianconeri ad apparire più incisivi, nonostante il match non abbia ormai più nulla da dire e si trascini stancamente verso la fine. Finisce con una vittoria  per i bianconeri, che hanno mostrato dopo il successo col Berna ancora una volta una grande condizione. In virtù della sconfitta interna del Ginevra, riescono inoltre a guadagnare in un solo colpo, due posizioni in classifica raggiungendo il 5°posto, in attesa della trasferta domenicale di Bienne. Se l’obiettivo dichiarato di queste ultime partite di regular season doveva essere quello di guadagnare più punti possibili in vista dei playoff, i bianconeri possono considerarsi a buon punto!

LUGANO – DAVOS  5 . 1 ( 1 . 1 – 3 . 0 – 1 . 0 )

01:24   1 . 0   50. METROPOLIT ( 9. RÜFENACHT )

10:28   1 . 1   87. BÜRGLER ( 2. ALATALO -21. STEINMANN )

26:26   2 . 1     9. RÜFENACHT ( 19. ROSA – 50. METROPOLIT  )

30:24   3 . 1     9. RÜFENACHT  ( 53. McLEAN – 49. HEIKKINEN ) PP1

33:29   4 . 1   50. METROPOLIT  ( 9. RÜFENACHT – 19. ROSA )

47:37   5 . 1   11. NODARI ( 19. ROSA – 50.METROPOLIT )

 

PENALITA’     :  LUGANO  5 X 2 MIN.                             DAVOS  3 X 2 MIN.     

ARBITRI        :  Danny KURMANN – Karol POPOVIC      LINESMAN  : Nicolas FLURI – Joris MÜLLER

SPETTATORI  : 4824

Tags: ,