KHL : SKA in vetta alla Western Conference

A poco meno di una settimana dal quinto All-Star Game della seconda competizione hockeystica più importante al mondo, nella Western Conference c’è stato un cambio di consegne. Poco prima della pausa natalizia, che ha messo in pausa il campionato dal 30 Dicembre al 3 Gennaio, lo SKA San Pietroburgo è riuscito a sottrarre la vetta ai campioni in carica della Dynamo Mosca. Non solamente il primato dell’ovest, ma anche quello della classifica generale è finito in casa della compagine guidata dal nuovo head coach
Jukka Jalonen
.
Ad est, come da svariate settimane a questa parte e nonostante un attacco da cinque stelle del Metallurg Magnitogorsk, l’Ak Bars Kazan non ha alcuna intenzione di mollare la prima posizione. L’Avangard è riuscito ad agguantare la squadra avversaria a quota 83 punti, ma un inferiore numero di vittorie non gli ha permesso, momentaneamente, di effettuare il sorpasso.

Western Conference

Per mano del Lev Poprad e del CSKA Mosca, in grado di batterla nelle ultime due partite del 2012, la Dynamo Mosca si è trovata costretta a cedere la pedana centrale del podio allo SKA, in data 30 Dicembre. Lo stesso CSKA che aveva bloccato la rappresentante di San Pietroburgo, che veniva da 5 vittorie consecutive nell’ultimo mese dell’anno, nella giornata dopo il cenone di natale. Un semplice passo falso da parte dei ragazzi guidati dal coach della nazionale finlandese, vista l’attuale striscia di vittorie aperta arrivata a quota quattro, con dei picchi tra il 4 e il 6 del mese in corso, con 9 reti fatte e 0 subite.
In seconda piazza, ma puramente per un fatto di regole basilari della competizione, troviamo la continua sorpresa Lokomotiv, a 9 punti dalla Dynamo Mosca, come già detto terza forza della Conference, e a 13 dallo SKA. Ritorno abbastanza amaro dalle feste, vista la netta sconfitta contro lo stesso SKA per 4-0.
Appena fuori dal podio, e l’unica in grado di lottare ancora per le prime posizioni, c’è quel CSKA che viene da cinque vittorie consecutive. L’ultima sconfitta risale al 20 Dicembre, per mano dei padroni della Eastern Conference.
A seguire, una serie di squadre che potranno lottare solamente per gli ultimi quattro posti in grado di regalare la post-season. Lo Slovan continua ad essere la quinta forza, nonostante alcuni passi falsi che hanno permesso al Severstal di ridurre il distacco da 3 a 2 punti. Due lunghezze che troviamo pure tra la sesta (Severstal) e la settima (Lev Poprad), tra la settima e l’ottava (Donbass) e tra quest’ultima e le due squadre (Torpedo e Dinamo Minsk) che la seguono.
Ultime settimane positive per l’Atlant, che grazie ai 7 punti raccolti dei 9 disponibili è passato dalla 12a alla 11a posizione. L’unica squadra, delle ultime tre, a non aver fatto punti è stato lo Spartak guidato da Andrei Sidorenko.

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G
1

SKA
40
28
1
0
2
1
8
145-93
89
2
Lokomotiv
41
20
2
6
0
0
13
103-90
76
3
Dynamo Msk
40
23
2
5
1
1
8
126-88
85
4
CSKA
39
19
4
5
0
0
11
113-81
75
5
Slovan
40
14
0
7
5
0
14
91-95
61
6
Severstal
39
14
1
5
2
3
14
98-94
59
7
Lev
39
17
0
1
1
3
17
96-94
57
8
Donbass
41
13
2
4
4
0
18
105-118
55
9
Torpedo
40
15
0
1
4
2
18
113-116
53
10
Dinamo Mn
40
12
5
1
2
3
17
96-121
53
11
Atlant
40
11
0
3
3
4
19
96-116
46
12
Dinamo R
41
11
2
1
1
2
24
86-122
42
13
Vityaz
39
7
1
6
5
2
18
94-111
42
14
Spartak
39
7
2
2
5
1
22
79-119
35

Eastern Conference

Continua il periodo d’oro dell’Ak Bars. Pur avendo giocato solamente due volte negli ultimi 10 giorni, le due vittorie contro Neftekhimik e Salavat (per 9-3) hanno permesso ai campioni del 2009 e del 2010 di toccare quota 81 punti. Stesso punteggio dell’Avangard, ma con 41 partite giocate contro le 40 del Kazan, che grazie ad un roster ben compatto sta pareggiando la riuscita delle due stagioni passate.
Momentaneamente, la medaglia di bronzo è sul collo del Metallurg Magnitogorsk. Nonostante il miglior attacco della KHL, tra cui le 30 reti di Mozyakin e le 23 di Malkin, la squadra del presidente Viktor Rashnikov non è ancora stata in grado di agguantare la vetta. Contando che oltreoceano la stagione rinizierà a breve, è un obiettivo che difficilmente la compagine riuscirà ad agguantare.
Ultimi 10 giorni abbastanza grigi per il Traktor, quarta forza, che in quattro partite è riuscita a raccogliere la miseria di 5 punti. Dopotutto, è una formazione che non ha mezze misure : o vince ai regolamentari (21 volte) o perde (10 volte), con la pecca degli shootout (3 vittorie contro le 6 sconfitte).
Stesso discorso per la diretta inseguitrice, il Barys, che nonostante i passi falsi del Traktor non è stata in grado di recuperare punti, mantenendo inchiodato il distacco a 12 punti. A 3 lunghezze la coppia formata da Salavat, con a carico una Spengler Cup disputata, e Sibir, totalmente differente da quella sorpresa di squadra di inizio regular season.
Ultima casella per i playoffs occupata dal Neftekhimik, nonostante le tre sconfitte in altrettante sfide disputate. Posizione che riesce a mantenere grazie ad una carenza di risultati delle dirette inseguitrici, visto che lo Yugra in 3 partite è riuscito a guadagnare solamente 2 punti dei 9 disponibili.
A chiudere la Eastern troviamo sempre : Metallurg Novokuznetsk, Amur e Avtomobilist. Quest’ultima, con il solito trofeo della
squadra peggiore della competizione, visti i 29 punti raccolti contro i 35 dello Spartak.

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G
1
Ak Bars
40
22
1
4
4
3
6
126-83
83
2
Avangard
41
21
6
2
2
2
8
117-91
83
3
Metallurg Mg
41
24
0
0
5
5
7
147-91
82
4
Traktor
41
21
0
3
6
1
10
119-91
76
5
Barys
40
16
3
2
2
4
13
129-115
64
6
Salavat Yulaev
39
15
2
3
6
0
13
109-113
61
7
Sibir
39
15
1
5
3
1
14
92-92
61
8
Neftekhimik
40
11
4
5
4
2
14
106-118
57
9
Yugra
40
13
3
3
2
0
19
113-130
53
10
Metallurg Nk
39
11
3
1
3
2
19
101-124
46
11
Amur
40
10
1
2
1
0
26
92-126
37
12
Avtomobilist
42
6
0
1
5
4
26
86-146
29

Tags: