Il resoconto della ventinovesima giornata

di Max

Il Val Pusteria fa suo il derby di Collalbo, il Bolzano supera il Milano condannandolo alla quinta sconfitta consecutiva. Valpellice ed Asiago stravincono contro Pontebba e Fassa; si decide ai rigori il derby dell’Olimpico di Cortina dove gli Ampezzani trovano la prima vittoria stagionale contro l’Alleghe.

Renon Sport Renault Trucks – Lupi Fiat Professional Val Pusteria 2-5 (1:1, 1:2, 0:2)

Grazie ad un Hat-trick di Patrick Bona il Val Pusteria coglie una netta vittoria (5:2) nel derby in programma all’arena Ritter di Collalbo. I Giallo neri si presentano al face-off con l’unica assenza del lungo degente Joe Cullen, bilanciata da quella di Ryan Ramsey tra le file dei padroni di casa. Nel primo drittel il match è estremamente equilibrato. Al vantaggio iniziale del Renon, a punto con “il solito” Chris Durno, risponde Patrick Bona dopo appena un minuto. C’è grande nervosismo sul ghiaccio e ne fa le spese Greg Jacina che al nono minuto riceve una penalità partita per gioco scorretto ai danni di Daniel Glira. Nella seconda frazione gli ospiti iniziano a far sentire la loro superiorità ed a metà del tempo in meno di un minuto con un micidiale 1-2 di Ben Guité e Christian Mair pongono le basi per la loro vittoria. I Rittner Buam accorciano le distanze (3:2) con Kevin Mitchell in power play (penalità di Pat Iannone) ma nel terzo drittel, già dopo meno di venti secondi, Patrick Bona, servito da Ben Guité, porta ancora avanti i suoi, il gioco prosegue con alterne vicende e la gara si chiude definitivamente a 10 secondi dalla fine con l’empty net goal, siglato ancora da Patrick Bona. La gara si è disputata con una cornice di pubblico delle grandi occasioni; circa 1.800 le presenze con larga rappresentanza della tifoseria ospite. Il Val Pusteria con i tre punti conquistati, consolida la prima posizione in classifica ed attende per la sera di Santo Stefano il Valpellice al Lungo Rienza mentre il Renon, scavalcato al terzo posto dalla Valpe, è atteso mercoledì prossimo dalla trasferta di Alba di Canazei.

Vai alla cronaca

Valpellice Bodino Engineering – Aquile FVG Pontebba 6-2 (1:1, 3:0, 2:1)

Nell’altro anticipo delle serata il Valpellice ha stravinto 6:2 contro il Pontebba. 45 a 16 a favore dei Piemontesi, i tiri indirizzati nella porta avversaria a testimonianza di una superiorità indiscussa. L’equilibrio ha retto esclusivamente nel primo tempo nel quale al vantaggio dei padroni di casa con Brian Inhacack (in Power play) ha risposto il pareggio di Rok Pajic. Nel secondo il Pontebba si è sciolto come neve al sole e si sono registrate le reti in power play di Anthony Aquino e Rob Sirianni inframmezzate dalla quella di Florian Runer. Nel terzo tempo hanno segnato ancora Rob Sirianni e Nate DiCasmirro e sul vantaggio di 6:1 Miroslav Guren ha siglato il definitivo 6:2.

Reti: 1:0 Brian Ihnacak (6.08), 1:1 Rok Paijc (13.18), 2:1 Anthony Aquino (28.32), 3:1 Florian Runer (36.50), 4:1 Rob Sirianni (39.19), 5:1 Rob Sirianni (49.16), 6:1 Nate Di Casmirro (53.04), 6:2 Miroslav Guren (53.28)

Valpellice Bodino Engineering: Jordan Parise (Andrea Rivoira), Florian Runer, Andrea Schina, Trevor Johnson, Nick Anderson, Slavomir Tomko, Martino Durand Varese; Rob Sirianni, Marco Pozzi, Nate DiCasmirro, Brian Ihnacak, Pietro Canale, Ralph Intranuovo, Alex Silva, Anthony Aquino, Paolo Nicolao. Coach: Mike Flanagan

Aquile FVG Pontebba: Simon Fabris (Anthony Grieco); David Urquart,  Miroslav Guren, Andrea Gorza, Andrea Ricca, Nicolò Lo Russo; Rok Pajic, Petr Sachl, Ettore Tartaglione, Patrick Rizzo, Felice Giugliano, Denis Soravia, Federico Demetz, Andrea Rezzadore. Coach: Murajlca Pajic

Migross Supermercati Asiago – Val di Fassa Ferrarini 9-3 (3:1, 4:1, 2:1)

L’Asiago ha stravinto contro il Fassa ed il risultato finale di 9:3 da l’immagine della netta superiorità che i giallo rossi hanno fatto vedere sul ghiaccio dell’Hodegar. E’ stata la serata di capitan David Borrelli, autore, addirittura di un poker di segnature. L’Asiago, ha subito il vantaggio ospite con Jakub Sindel al 58°secondo ma quello dei Ladini è stato veramente un fuoco di paglia, poiché già alla prima sirena Ulmer, Borrelli e Zanette avevano ampiamente capovolto il risultato. Nel secondo tempo si sono registrate altre tre segnature di Borrelli ed una di Sean Bentivolgio mentre Nicola Deluca ha cercato di tener viva la bandiera ospite. Nel drittel finale sono andati ancora a segno Paul Zanette e Tessari mentre il giovane Casagrande ha realizzato la terza rete per il Fassa. La superiorità, di gioco ed anche tecnico/tattica dell’Asiago, in certi momenti della partita, è parsa quasi imbarazzante. A lungo gli stellati hanno cinto d’assedio il terzo difensivo degli ospiti e per molti minuti si è giocato ad una sola porta: quella di Doyle.

Vai alla cronaca

HC Bolzano Foxes – Milano Rossoblu 6-3 (2-1, 1:1, 3:1)

Il Bolzano vince 6:3 con il Milano e ringrazia di cuore lo svedese Niklas Hjalmrsson per le due segnature, consecutive, che, di fatto, hanno chiuso la gara. Poco più di mille spettatori al Palaonda di via Galvani con discreta e rumorosa presenza ospite. I Bianco rossi dopo la battuta di arresto di giovedì ad Alleghe erano chiamati al pronto riscatto mentre l’ambiente bolzanino è già su di giri per la notizia del prossimo arrivo dell’asso svedese Michael Nylander. I numeri della gara dicono che il Bolzano ha “fatto il match”. Ben 40 a 27 i puck scagliati verso la porta avversaria. Il Milano ha resistito fino a metà del secondo drittel; è andato in vantaggio con l’ex Jordan Knackstedt, ha subito il ritorno di Marco Insam e di Alex Egger, è poi tornato in partita col pareggio di Marvin Devon. Quindi, a meno di 2 minuti dalla fine del secondo tempo, è iniziato “lo Hjalmasson show” culminato in due segnature. La prima è stata favorita da una disattenzione di Raycroff mentre la seconda (al 6:27 del terzo drittel) è stata realizzata con una bordata dalla blu, in situazione di superiorità numerica, (4 contro 3). Caletti per il Milano ha cercato di riaprire la gara ma prima McGregor Sharp e poi l’altro ex, Peter Wunderer, a porta vuota, hanno sepolto le speranze dei ragazzi di massimo Da Rin di fermare la serie negativa. Mercoledì prossimo il Milano sarà chiamato alla difficile trasferta di Alleghe mentre il Bolzano è atteso a Pontebba.

Reti: 0:1 Jordan Knackstedt (6.41), 1:1 Marco Insam (14.33), 2:1 Alex Egger (16.44), 2:2 Marvin Degon (20.53), 3:2 Niklas Hjalmarsson (37.45), 4:2 Niklas Hjalmarsson (46.27), 4:3 Edoardo Caletti (50.35), 5:3 MacGregor Sharp (53.59), 6:3 Peter Wunderer (59.16)

HC Bolzano: Tomas Duba (Günther Hell); Alexander Egger, Niklas Hjalmarsson, Christian Borgatello, Andrea Ambrosi, Daniel Fabris; Mark McCutcheon, MacGregor Sharp, Ryan Flynn, Anton Bernard, Markus Gander, Marco Insam, Enrico Dorigatti, Stefan Zisser, Peter Wunderer, Federico Gilmozzi. Coach: Brian McCutcheon

Milano Rossoblu: Andrew Raycroft (Paolo Della Bella); Alessandro Re, Marvin Degon, David Liffiton, Andreas Lutz, Matt De Marchi, Federico Betti, Francesco Borghi, Niccolò Latin; Ryan Kinasewich, Jordan Knackstedt, Luca Ansoldi, Edoardo Caletti, Diego Iori, Manuel Lo Presti, Tommaso Goi, Michael Mazzacane, Matt Ryan, Tommaso Migliore, Marcello Borghi. Coach: Massimo Da Rin

Hafro Cortina – Alleghe Tegola Canadese 3-2 dtr (0:0, 1:0, 1:2, 0:0, 1:0)

Nel Derby veneto fra Cortina ed Alleghe l’equilibrio sul ghiaccio si è spezzato solo alla seconda serie di tiri di rigore. La prima si era conclusa 1:1 grazie alle uniche trasformazioni di Matt Siddal e Jeff Lo Vecchio. Nella seconda ancora a punto Matt Siddal e la vittoria da due punti andava quindi agli ampezzani. La gara è stata molto incerta e combattuta anche nei tre tempi regolamentari ed i portieri Dennis e Levasseur (il primo forse più del secondo) hanno dovuto fare gli straordinari. Il Cortina dopo circa due tempi di assoluta parità tra il finire del secondo e l’inizio del terzo drittel ha messo per ben due volte il puck alle spalle di Adam Dennis, prima con Stanislav Gron su assist di Siddal e poi con Derek Edwardson. L’Alleghe però non si è arreso e prima ha dimezzato lo svantaggio con Vince Rocco e poi, a 40 secondi dall’ultima sirena, è riuscito a pareggiare i conti con l’ex Johnas Johansson. L’Overtime non ha cambiato i rapporti di forza tra le due squadre e solo ai rigori il Cortina ha potuto cogliere questo importante successo, il primo stagionale, contro l’Alleghe.

Reti: 1:0 Stanislav Gron (39.20), 2:0 Derek Edwardson (40.26), 2:1 Vince Rocco (45.49), 2:2 Jonas Johansson (59.17). Rigore decisivo: Matt Siddall (Hafro Cortina)

Hafro Cortina: J.P Levasseur (Renè Baur); Paul Albers, Darrell Hay, Luca Zandonella, Michele Zanatta, Luca Zanatta, Renè Vallazza; Derek Edwardson, Stanislav Gron, Matt Siddall, Giorgio De Bettin, Luca Felicetti, Ryan Dingle, Christian Menardi, Andrea Moser, Francesco Adami, Andrea Baldo. Coach: Clayton Beddoes

Alleghe Tegola Canadese: Adam Dennis (Davide Fontanive), Francesco De  Biasio, Matt Waddell, Carlo Lorenzi, Nicholas Kuiper, Luka Tosic, Kewin Adami; Jeff Lo Vecchio, Jonas Johansson, Vince Rocco, Daniele Veggiato, Nicola Fontanive, Manuel De Toni, Gino Guyer, Manuel Da Tos, Jari Monferone, Alberto Fontanive, Milos Ganz, Patrick Tormen, Davide Testori. Coach: Tom Pokel

Classifica di Serie A dopo la 29° giornata
Lupi Fiat Professional Val Pusteria 67
HC Bolzano Foxes 59
Valpellice Bodino Engineering 55
Renon Sport Renault Trucks 54
Alleghe Tegola Canadese 53
Migross Supermercati Asiago 43
Milano Rossoblu 40
Hafro Cortina 31
Val di Fassa Ferrarini 21
Aquile FVG Pontebba 12

Prossima giornata (mercoledì 26 dicembre)
Lupi Fiat Professional Val Pusteria – Valpellice Bodino Engineering
Val di Fassa Ferrarini – Renon Sport Renault Trucks
Aquile FVG Pontebba – HC Bolzano Foxes (diretta Raisport Uno)
Alleghe Tegola Canadese – Milano Rossoblu
Hafro Cortina – Migross Supermercati Asiago

Tags: