Il resoconto della ventottesima giornata

di Max

Il Bolzano cade ad Alleghe dopo una lunga serie di vittorie, il Renon supera con facilità il Pontebba, Val Pusteria e Valpellice regolano, rispettivamente Asiago e Milano mentre il Cortina vince a mani basse sul ghiaccio di Alba di Canazei.

Alleghe Tegola Canadese – HC Bolzano 4:2 (2:0, 0:0, 2:2)
Dopo 11 vittorie consecutive in campionato, il Bolzano interrompe la sua corsa sul ghiaccio dell’Alvise de Toni dove al termine di un match combattutissimo, all’Alleghe riesce l’impresa di sconfiggere i bianco rossi campioni d’Italia anche grazie ad un Adam Dennis in gran forma. Il primo drittel è tutto delle Civette che in meno di due minuti, con Vincent Rocco e Jeff Lo Vecchio, depongono due volte il puck alle spalle di Tomas Duba. Il periodo centrale registra un ampio predominio del Bolzano e l’Alleghe in varie occasioni si tiene aggrappato al risultato grazie alla serata di grazia del suo goalie. Nel terzo drittel i bianco rossi pareggiano i conti in meno di dieci secondi con le segnature di MacGregor Sharp e Ryan Flynn. Sul 2:2 l’Alleghe ha una impennata di orgoglio e torna in vantaggio grazie a Nick Kuiper. Il Bolzano non ci sta a perdere e torna ad attaccare (35 saranno alla fine i tiri scagliati verso la porta avversaria contro i 14 fatti registrare dai padroni di casa) ma subisce la beffa dell’empty net goal di Gino Guyer che a 25 secondi dalla sirena fissa il risultato finale sul 4:2 per gli Agordini.

vai alla cronaca

Val di Fassa Ferrarini – Hafro Cortina 1:4 (0:2, 1:1, 0:1)
Il Cortina supera più agevolmente del previsto l’ostacolo Fassa. I Ladini dimostrano ancora una volta tutti i loro limiti in fase di realizzazione. Bella la prima segnatura di Andrea Moser da posizione ravvicinata. Il 2:0 è il tipico goal beffa dell’ex, lo realizza Luca Felicetti con la pesante complicità di Frank Doyle. Dopo un paio di interventi di classe del goalie Fassano che servono a riqualificarne la prestazione, sono i padroni di casa ad accorciare le distanze con un missile dalla distanza di David Turon che trova un po’ impreparato Levasseur. Il Cortina continua a dominare la gara e Frank Doyle trova ancora il modo di farsi perdonare ma l’estremo difensore ladino nulla può sul tiro ravvicinato di Derek Edwarson e sul definitivo 4:1 di Stanislav Gron.

vai alla cronaca

Aquile FVG Pontebba – Ritten Sport Renault Trucks 2:6 (1:1, 0:3, 1:2)
Il Renon, in rimonta, regola nettamente il Pontebba. Le Aquile Friulane erano passate per prime in vantaggio con Miroslav Guren al quale aveva risposto Chris Durno prima della sirena. Il secondo drittel è stato tutto di marca altoatesina: i lupetti dell’altopiano sono passati in vantaggio con Lorenz Daccordo in situazione di power play e successivamente hanno incrementato il bottino con Dan Tudin ed Emanule Scelfo. Nel terzo tempo, le reti di Daccordo, Erik Weismann e Matthias Fauster hanno fissato il risultato sul definitivo 6:2. Il Renon porta a casa i tre punti e mantiene la terza posizione in attesa del derby di sabato sera a Collalbo.

vai alla cronaca

Valpellice Bodino Engineering – Milano Rossoblu 5:2 (0:1, 1:0, 4:1)
Il Valpellice supera il Milano per 5:2 ma le cronache del’incontro descrivono una gara assai più equilibrata di quanto il largo divario di punteggio possa far immaginare. Il Milano infatti ha tenuto botta e, a dispetto della quarta sconfitta consecutiva, è rimasto in partita fino alla fine. Gli ospiti, anzi, hanno concluso il primo tempo in vantaggio per la segnatura di Marvin Degon e sono stati ripresi solo nella metà del secondo da un goal di Aquino. Il drittel finale è stato decisivo per le sorti dell’incontro. Per primo ha segnato Luca Ansoldi (in power play) e sempre con l’uomo in più ha poi pareggiato Rob Sirianni. L’equilibrio è proseguito fino a tre minuti e mezzo dalla fine quando, i Torresi hanno segnato prima con Anthony Aquino poi con Trevor Johnson ed infine, con Nick Anderson a porta sguarnita.
Reti
: 0:1 Marvin Degon (3.22), 1:1 Anthony Aquino (29.09), 1:2 Luca Ansoldi (43.46), 2:2 Rob Sirianni (48.18), 3:2 Anthony Aquino (56.49), 4:2 Trevor Johnson (57.18), 5:2 Nick Anderson (58.14 porta vuota)

Valpellice Bodino Engineering: Parise (Rivoira), Runer, Schina, Johnson, Anderson, Tomko, Durand Varese; Sirianni, Pozzi, DiCasmirro, Ihnacak, Canale, Intranuovo, Silva, Aquino, Nicolao. Coach: Mike Flanagan
Milano Rossoblu: Raycroft (Della Bella), Re, Degon, Liffiton, Lutz, De Marchi, Betti, Borghi, Latin; Kinasewich, Knackstedt, Ansoldi, Caletti, Iori, Lo Presti, Goi, Mazzacane, Ryan, Migliore, Borghi. Coach: Massimo Da Rin

Arbitri: Soraperra (Lega, Terragni) – Spettatori: 1360
Tiri:  39-35 – Penalità: 22-24

Lupi Fiat Professional – Migross Supermercati Asiago 4:1 (2:1, 0:0, 2:0)
Il Val Pusteria batte l’Asiago ed approfitta dello scivolone del Bolzano per incrementare il suo vantaggio nella tabella generale. La vittoria dei Lupi è stata molto più sofferta di quanto possa far apparire il 4:1 finale. Tra le file degli stellati, complici le assenze di Vincenzo Marozzi (rientrato per fine prestito a Merano) ed Alessandro Tura (ancora fermo per motivi di tesseramento) debutta in serie A, il diciassettenne David Mantovani mentre nel Pusteria rientra a tempo pieno il goalie ex NHL Jean Sebastien Aubin dopo oltre un mese e mezzo di assenza. Pronti via ed al terzo minuto i giallo neri passano in vantaggio con un tiro in diagonale di Joe Jensen che trova leggermente impreparato il debuttante goalie asiaghese. L’Asiago, all’undicesimo, restituisce lo sgarbo e Chris DiDomenico beffa il rientrante portiere canadese. La prima situazione di power play dell’incontro regala il nuovo vantaggio al Val Pusteria: esce Luca Rigoni e Christian Mair, dalla blu, segna di potenza su imbeccata di Armin Helfer. Il secondo drittel è privo di segnature ma non trascorre senza emozioni. Per due volte è l’Asiago ad avere sul bastone l’opportunità del pari. La prima capita a DiDomenico che non sa sfruttare una ghiotta occasione a porta quasi sguarnita, la seconda a Sean Bentivoglio che, rientrando dalla panca puniti, si trova a giocare un clamoroso e mal sfruttato contropiede solitario. Sul finire di tempo, il Val Pusteria gode di alcune superiorità numeriche ma le conclusioni di Christian Mair, Pat Kavanaugh, Max Oberrauch e Pat Iannone trovano sempre pronto il giovanissimo David Mantovani. Nel drittel finale il Val Pusteria arrotonda il vantaggio con Thomas Erlacher su assist di Armin Hofer. L’Asiago non si arrende e, nel finale, prova a mettere l’uomo di movimento in più. La mossa coraggiosa favorisce peraltro, la segnatura a porta sguarnita di Lukas Crepaz che, di fatto, chiude definitivamente, il match.

Reti: 1:0 Joe Jensen (3.01), 1:1 Chris DiDomenico (11.25), 2:1 Christian Mair (15.50), 3:1 Thomas Erlacher (50.48), 4:1 Lukas Crepaz (59.05 porta vuota)

Lupi Fiat Professional:  Aubin (Kosta), Mäkelä, Mair, Willeit, Hofer, Helfer, Althuber, Glira, Elliscasis; Guitè, Oberrauch, Iannone, Jensen, Kavanagh, Bona, Tauber, Crepaz, Schweitzer, Erlacher, Obermair, Obermair. Coach: Paul Adey
Migross Supermercati Asiago: Mantovani (Dalla Palma); Sullivan, Pesavento, Miglioranzi, Stevan, Casetti, Marchetti; Tessari, Borrelli, Presti, Rigoni, Tessari, Ulmer, Bentivoglio, Benetti, Zanette, DiDomenico. Coach : John Parco

Arbitri: Gamper (Pardatscher, Marri) – Spettatori: 1375
Tiri: 26-24  – Penalità: 8-8

Classifica Serie A dopo 28° Giornate
1. Lupi Fiat Professional Valpusteria 64 punti
2. HC Bolzano 56
3. Renon Sport Renault Trucks 54
4. Alleghe Tegola Canadese 52
5. Valpellice Bodino Engineering 52
6. Migross Supermercati Asiago 40
7. Milano Rossoblu 40
8. Hafro Cortina 29
9. Val di Fassa Ferrarini 21
10. Aquile FVG Pontebba 12

Prossimo turno (sabato 22/12/2012)
Asiago-Fassa
Bolzano-Milano
Cortina-Alleghe
Renon-Val Pusteria
Valpellice-Pontebba

Tags: