Il resoconto della ventiseiesima giornata

di Max

La netta vittoria esterna del Pontebba all’Olimpico di Cortina é sicuramente il risultato che colpisce maggiormente tra quelli che registriamo in questa 26° giornata del Campionato di Serie A. L’attesissimo derby di Collalbo si è deciso all’overtime con la vittoria del Bolzano, di routine le vittorie di Val Pusteria, Asiago e Valpellice.

Val di Fassa Ferrarini – Lupi Fiat Professional 3:9 (0:5, 2:1, 1:3)
Il Val Pusteria recupera nel roster il portiere titolare Jean Sebastian Aubin ma Paul Adey conferma il giovane Philipp Kosta a difesa della gabbia giallo nera. Resta ancora fuori il top scorer Joe Cullen e risultano assenti in ambedue le formazioni, anche i giovani convocati per la Nazionale Under 20 di coach Fabio Polloni. Nel Fassa manca Kalus, fresco di trasferimento a Stoccolma nel Djurgården e debutta il terzino Mario Cartelli, neo acquisto, ceco a dispetto dell’Italianissimo nome. Il risultato non è sinceramente mai in discussione e nonostante una lunga serie di penalità subite, il Val Pusteria chiude in cassaforte i tre punti già dopo i primi venti minuti, conclusi sul punteggio di 0:5. Nel secondo drittel il Fassa approfittando di un paio di situazioni di power play, tenta di accorciare le distanze ma il Val Pusteria è troppo forte per la giovane formazione ladina (22 a 52 il computo finale dei tiri verso la porta avversaria a favore degli ospiti) ed il risultato finale di 9:3 fotografa la superiorità emersa sul ghiaccio.

vai alla cronaca

Ritten Sport Renault Trucks – HC Bolzano 1:2 d.t.s (1:0, 0:1, 0:0, 0:1)
Il Bolzano prosegue la striscia positiva e, all’overtime, fa suo il derby di Collalbo. La partita è forse più sentita e combattuta che bella. Alla segnatura nel primo drittel di Matthias Fauster, ha risposto, nel secondo, lo svedese Niklas Hjalmarsson, in situazione di power play. Poi, la situazione di parità si è protratta fino al sessantesimo minuto. Le due formazioni sono andate all’overtime ed dopo tre minuti è arrivata la “sudden death” grazie alla goal di Mark McCutcheon. Il bolzanino, andato via in controfuga, ha deposto il puck nella gabbia del Renon anche agevolato dalla non brillante uscita del goalie locale. I Campioni d’Italia brindano alla decima vittoria consecutiva in Campionato, superano con minime perdite il pericoloso ostacolo costituito dal derby dell’altopiano e rimangono secondi in classifica, nella scia della capolista.

vai alla cronaca

Migross Supermercati Asiago – Milano Rossoblu 3:1 (2:1, 0:0, 1:0)
L’Asiago acuisce la crisi del Milano Rossoblu e con la vittoria di stasera lo tallona da vicino in tabella generale. All’Odegar, davanti al suo pubblico, la formazione di John Parco è sempre temibile ed il Milano di questo periodo non ha potuto che cercare di limitare al massimo i danni. Il primo drittel è tutto giallo rosso ed il minimo vantaggio (2:1) col quale si conclude il tempo, non fotografa il reale andamento di quanto visto sul ghiaccio. La seconda e la terza frazione di gioco non vedono il prevalere di una formazione sull’altra. Gli stellati comunque irrobustiscono il loro vantaggio con Borrelli e portano a casa l’ottava vittoria casalinga della stagione. Il Milano, in crisi di identità, scivola a distanze siderali dalle vetta ed il suo rendimento, sicuramente, non premia gli sforzi sostenuti dalla società nell’allestire una formazione che, nelle speranze di chi l’ha progettata, sarebbe dovuta essere assai più competitiva.

vai alla cronaca

Hafro Cortina – Aquile FVG Pontebba 1:6 (1:2, 0:3, 0:1)
Forse neppure il più accanito sostenitore delle Aquile Pontebba si sarebbe mai aspettato un risultato come quello che è maturato all’Olimpico di Cortina. I padroni di casa, dopo la brillante e vittoriosa prestazione di Milano partivano decisamente con i favori del pronostico tanto più che i Friulani venivano, di contro, dalla pesante sconfitta casalinga subita sabato scorso dal Fassa. Invece accade proprio ciò che non ti aspetti. Il Pontebba parte subito forte e dopo trenta secondi Rok Pajic mette subito il puck nella gabbia avversaria. Il Cortina raggiunge la parità con Edwardson al quinto minuto ma la prova che degli Ampezzani sono fuori sintonia la si ha intorno alla fine del tempo quando, in inferiorità numerica per una penalità subita da Andrea Gorza, gli ospiti vanno a realizzare il 2:1 con Petr Sachl al termine di una controfuga. Il secondo drittel è ancor più umiliante per i padroni di casa che si vedono infilare per tre volte dalle segnature di Erik Weissmann, Denis Soravia e Rok Pajic. Il Drittel finale vede il Cortina attaccare a testa bassa e senza costrutto come un pugile suonato ed il colpo del definitivo ko arriva puntualmente, in situazione di power play, ed ha la firma di Petr Sachl.

Reti: 0:1 Rok Paijc (00.31), 1:1 Derek Edwardson (05.26), 1:2 Petr Sachl (SH, 16.53), 1:3 Erik Weismann (24.49), 1:4 Denis Soravia (PP, 27.03), 1:5 Rok Paijc (30.12), 1:6 Petr Sachl (PP, 56.52)
Hafro Cortina: Levasseur (Burzacca); Albers, Hay, Zandonella, M. Zanatta, L. Zanatta, Vallazza; Edwardson, Gron, Siddall, De Bettin, Felicetti, Dingle, Menardi, Moser, Baldo. Coach: Clayton Beddoes
Aquile FVG Pontebba: Grieco (Fabris); Urquart, Guren, Gorza, Ricca, Lo Russo; Weissman, Pajic, Sachl, Tartaglione, Rizzo, Giugliano, Soravia, Demetz, Rezzadore, Zozzoli, Di Marco. Coach: Murajlca Pajic
Arbitri: Pianezze, Pichler (Detoni, Soia)
Penalità: 37-10 – Menardi penalità partita per colpo con pomolo del bastone
Tiri: 31-26 (8-9; 11-9; 12-8)
Spettatori: 350

Valpellice Bodino Engineering – Alleghe Tegola Canadese 2:0 (2:0, 0:0, 0:0)
Due segnature di Robert Sirianni in meno di dieci minuti, un grande primo tempo dei torresi ed i successivi quaranta minuti che non cambiano né la dinamica del gioco né i termini del risultato. Questa la ricetta con la quale il Valpellice ha regolato meritatamente l’Alleghe, lo ha staccato in classifica e, approfittando della sconfitta all’overtime del Renon, ha agguantato la terza poltrona, in solitario, della tabella generale. In realtà il dominio dei Piemontesi è stato forse ancor più netto di quanto dica il risultato finale anche perché i numeri parlano di 42 puck a 24 scagliati dai padroni di casa verso la porta avversaria. Di certo una squadra che può contare su un Sirianni, così decisivo, come quello visto stasera al Cotta Morandini può aspirare a qualsiasi risultato. L’Alleghe esce un po’ ridimensionato da questa sconfitta, la squadra non è più brillantissima come il mese scorso, fa più fatica a trovare il gioco e la porta avversaria ed è scivolata al quinto posto della classifica generale.

Reti: 1:0 Rob Sirianni (4.47), 2:0 Rob Sirianni (9.24)
Valpellice Bodino Engineering: Parise (Rivoira), Runer, Schina, Johnson, Anderson, Tomko, Durand Varese; Sirianni, Pozzi, Dupont, DiCasmirro, Ihnacak, Canale, Intranuovo, Silva, Aquino, Nicolao. Coach: Mike Flanagan
Alleghe Tegola Canadese: Dennis (Fontanive), De Biasio, Waddell, Lorenzi, Kuiper, Tosic; Lo Vecchio, Johansson, Rocco, Veggiato, Fontanive, De Toni, Guyer, Da Tos, Monferone, Fontanive, Ganz, Tormen. Coach: Tom Pokel

Arbitri: Benvegnù, Gamper (Waldthaler, Gamper)
Penalità: 10-22 – Waddell 10 minuti per cattiva condotta
Tiri: 43-24 (17-6; 14-9; 12-9)
Spettatori: 1360

Classifica alla 26esima giornata:
1. Lupi Fiat Professional Valpusteria 58 punti
2. HC Bolzano 53
3. Valpellice Bodino Engineering 49
4. Renon Sport Renault Trucks 48
5. Alleghe Tegola Canadese 46
6. Milano Rossoblu 40
7. Migross Supermercati Asiago 38
8. Hafro Cortina 26
9. Val di Fassa Ferrarini 21
10. Aquile FVG Pontebba 11

Prossimo turno (sabato 15/12/2012)
Alleghe Tegola Canadese – Val di Fassa Ferrarini
HC Bolzano – Valpellice Bodino Engineering
Milano Rossoblu – Renon Sport Renault Trucks
Aquile FVG Pontebba – Migross Supermercati Asiago
Lupi Fiat Professional Valpusteria – Hafro Cortina

Tags: