Il resoconto della ventitreesima giornata

di Max

Quasi tutte le inseguitrici traggono il massimo vantaggio dalla sconfitta del Val Pusteria ad opera del Milano. Un Bolzano in forma “Play-Off” chiude velocemente e col minimo sforzo la “pratica-Fassa”; l’Alleghe ed il Renon sconfiggono di misura Pontebba ed Asiago. Il Valpellice si deve accontentare della vittoria da due punti dopo un tour de force col Cortina che si chiude solo ai tiri di rigori.

Nell’anticipo delle 18,30, il Milano Rossoblu si impone con un perentorio 5:2 alla capolista. I padroni di casa recuperano gli assenti e si presentano al fischio iniziale con il Roster al completo gli ospiti, al contrario, lamentano invece cinque importanti defezioni. Ai lungo degenti: JP Aubin e Joe Cullen, si aggiungono, stasera, gli squalificati Joe Jensen e Lukas Tauber nonché Patrick Bona, già infortunatosi nel derby di giovedì. Nonostante l’handicap di partenza i giallo neri hanno disputato un primo drittel tutto all’attacco. La grande pressione degli altoatesini (venti tiri diretti verso la gabbia di Andrew Raycraft) ha partorito l’unica segnatura di Max Oberrauch. Per i padroni di casa nel primo terzo di gara, da segnalare solo un legno colpito da Jordan Knackstedt sul finale. Nel secondo drittel il Milano é apparso trasformato e con un parziale di 3:0 ha messo una seria ipoteca sulla vittoria finale. Anche il terzo drittel ha sorriso ai colori rossoblu. Il punto del 4:1, viene addirittura segnato da Ryan Kinasewich con l’uomo in meno; il Val Pusteria ha provato a riaprire il match con la segnatura di Thomas Erlacher, sul 4:2 i Brunicensi hanno mostrato di crederci fino in fondo. Paul Adey ha tolto Philipp Kosta per mettere un uomo di movimento in più. La manovra, pur condivisibile, ha però ottenuto il risultato opposto a quello auspicato e l’implacabile Jordan Knackstedt, a 12 secondi dalla sirena, ha chiuso i conti con una segnatura a gabbia vuota. Con i tre punti di questa sera il Milano ha rafforzato la sua sesta posizione raggiungendo quota 37. Adesso i meneghini attendono a pie fermo il lanciatissimo Bolzano nel recupero previsto per la prossimo giorno di Santa Barbara. Il Val Pusteria, di contro, ha chiuso questa settimana all’inglese con la terza, netta, sconfitta consecutiva: 14 goal subiti e solo 5 segnati, questi i numeri delle ultime tre prestazioni della capolista per la quale, a questo punto, parlare di crisi pare cosa più che legittima.

Milano, Pala Agorà: Hockey Milano Rossoblu – Lupi Fiat Professional Val Pusteria 5-2 (0-1; 3-0; 2-1)
MARCATORI: 01.55 (VP) Max Oberrauch (Erlacher-Guité), 24.38 (MI) Tommaso Goi (De Marchi-Degon), 25.30 (MI) Jordan Knackstedt (Caletti), 30.00 (MI) Tommaso Migliore (Ryan), 51.37 (MI) Ryan Kinasewich (PK) (Re), 57.35 (VP) Thomas Erlacher (Hofer-Guite), 59.48 Jordan Knackstedt (MI) (a porta vuota – Lo Presti).
Arbitro: Giancarlo Bosio,Marco Mori, Federico Stefenelli
Spettatori: 2.178.

Vittoria col minimo scarto del Renon contro l’Asiago. Nell’incontro iniziato alle 19,30, all’Arena di Collalbo i Rittner Buam hanno vinto al termine di una gara assai combattuta, conclusasi con un grande scazzottata finale. Con la vittoria da tre punti di stasera i lupetti dell’altopiano restano agganciati alla seconda poltrona e riducono a sole sette lunghezze il vantaggio sulla testa della classifica. Debutto con goal per il nuovo arrivato Chris Durno, chiamato a non far rimpiangere troppo l’assenza di Ramsay.
Arena Ritten di Collalbo: Renon Sport Renault Trucks – Migross Supermercati Asiago 4:3 (1:0, 0:1,3:2)
MARCATORI: 9:11 (REN) Lorenz Daccordo (Fabian Hackhofer, Ingemar Gruber); 24:36 (ASI) Matteo Tessari (Paul Zanette, David Borrelli); 40:39 (ASI) Michele Strazzabosco (PP) (David Borrelli, Chris DiDomenico), 48:13 (REN) Ingemar Gruber (Daniel Tudin, Greg Jacina); 48:29 (REN) Chris Durno (Daniel Tudin, Fabian Hackhofer); 53:34 (REN) Greg Jacina (porta vuota) (T.J. Kemp, Kevin Mitchell). 59:50 (ASI) David Borrelli (Sean Bentivoglio, Michele Strazzabosco).
Arbitri: Leandro Soraperra, Christian Cristeli e Matthias Cristeli.
Spettatori: 1.067.

Continua la rimonta del Bolzano autore questa sera della sesta vittoria consecutiva in Campionato. La formazione di Brian McCutcheon vince ininterrottamente da un mese. L’ultima sconfitta è datata 1 novembre (4:3 col Cortina al Palaonda) e dall’arrivo di Niklas Hjalmarsson e Tomas Duba, compresa la Continental Cup, ha inanellato la bellezza di 9 vittorie consecutive. Stasera la vittima di turno é stato il Fassa, sconfitto perentoriamente per 5:1. Il match vero in realtà é durato solo per i primi venti minuti, chiusi sul 3:1 per i Campioni d’Italia. Il Bolzano ha giocato gli altri due tempi col freno a mano tirato in quanto per i bianco rossi gli impegni ufficiali, fra la Continental Cup, la trascorsa settimana all’inglese, il recupero contro il Milano del 4 dicembre e le gare di giovedì e sabato prossimi sono numerosissimi ed estremamente ravvicinati (9 gare in 15 giorni !!!). Nonostante aver giocato al risparmio, il Bolzano, sempre padrone del ghiaccio, è riuscito ad incrementare il suo vantaggio nei 2 terzi di gara successivi. E’ bello annotare che tutte e sei le segnature della serata sono a firma di giocatori, nati e cresciuti “hockeisticamente” in Italia. Per il Bolzano sono andati a bersaglio Insam (2) Wunderer Dorigatti (2) per i ladini “il solito” Castlunger.
Palaonda di Bolzano: HC Bolzano Foxes – Val di Fassa Ferrarini 5:1 (3:1, 1:0, 1:0)
MARCATORI: 10:43 (HC BZ) Marco Insam (Anton Bernard, Markus Gander); 15:19 (HC BZ) Peter Wunderer (Federico Gilmozzi, Stefan Zisser) 17:17 (HC BZ) Enrico Dorigatti (Ryan Flynn, Mac Gregor Sharp); (FA) 19:59 Martin Castlunger (Greg Kuznik, Jakub Sindel); 31:13 (HC BZ) Enrico Dorigatti (Mark McCutcheon, Stefan Zisser); 41:16 (HC BZ) Marco Insam (Markus Gander, Anton Bernard).
Arbitri: Luca Casso, Ulrich Pardascher, Nicola Basso.
Spettatori: 850.

Sofferta sicuramente più del previsto la vittoria dell’Alleghe contro le Aquile Pontebba. Il 4:2 finale è maturato a favore dei padroni di casa, soltanto nei minuti conclusivi quando la stanchezza ha rallentato il gioco dei friulani colpevoli solo di non avere un organico, numericamente, all’altezza degli avversari. Coach Murajica Pajic può schierare solo tre linee di attacco, peraltro un po’ mischiate e, alla lunga, i suoi faticano a reggere il ritmo degli avversari. L’Alleghe, stasera, é parso un po’ meno brillante di altre occasioni e si é dovuto aggrappare alla classe dei vari Jahanson e Lo Vecchio per venir fuori da un match che si era fatto veramente difficile. Con i tre punti conquistati stasera, la formazione di Tom Pokel continua a mantenersi in seconda posizione mentre per il Pontebba continua la crisi di risultati.
Palaghiaccio Alvise De Toni di Alleghe: Alleghe Tegola Canadese – Aquile FVG Pontebba 4:2 (0:0, 2:1, 2:1).
MARCATORI: 20:30 (PON) Erik Weissmann (PK – Miroslav Guren, Patrick Rizzo); 30:53 (ALL) Vincent Rocco (Manuel Da Tos, Alberto Fontanive); 38:36 (ALL) Jari Monferone (PP – Gino Guyer); 53:14 (PON) Petr Sachl (doppio PP – Rok Pajic, Miroslav Guren); 56:38 (ALL) Jonas Johanson (Vincent Rocco, (ALL) 57:03 (ALL) Jeff Lo Vecchio (Nicola Fontanive, Gino Guyer).
Arbitri Karl Pichler, Simone Mischiatti e Manuel Manfroi.
Spettatori: 545.

Il Valpellice piega la resistenza del Cortina soltanto ai tiri di rigore. Gli Ampezzani, stasera hanno fatto vedere i sorci verdi ai Piemontesi, partiti con i favori del pronostico. Dopo che il primo drittel si era chiuso sul punteggio di 0:0, nel secondo, gli ospiti si erano portati addirittura sul doppio vantaggio. La Valpe ha avuto il merito di accorciare subito le distanze riuscendo a rimanere aggrappata al risultato. Il terzo tempo è stato un continuo assalto dei padroni di casa (42 conclusioni a 22 a fine gara) ma Levasseur non è capitolato. Il pareggio è arrivato quando oramai i quasi 1500 spettatori del Cotta Morandini non se lo aspettavano più ed a 17 secondi dal termine Ralph Intanuovo ha costretto tutti agli straordinari. Nell’overtime non è successo praticamente nulla e le due formazioni sono andati agli Shootout per decidere la contesa. Per la Valpe ha segnato subito Aquino seguito da Sirianni, mentre al Cortina é riuscita solo la penultima trasformazione di Dingle. La vittoria da due punti é andata quindi alla Valpe e al Cortina, oltre agli elogi ed al punto resta la soddisfazione di aver tenuto testa fino in fondo ad una delle forze del Campionato.
Palaghiaccio Cotta Morandini di Torre Pellice: Valpellice Bodino Engineering – Hafro Cortina 3:2 d.t.r. (0:0, 1:2, 1:0, 0:0. 1:0).
MARCATORI: 22:11 (CORT) Ryan Dingle (Francesco Adami, Andrea Moser); 36:31 (CORT) Luca Zanatta (Matt Siddall, Michele Zanatta); 38:17 (Valpe) Nick Anderson (Trevor Johnson, Paul Baier); 59:43 (Valpe) Ralph Intranuovo (PP) (Brodie Dupont, Slavomir Tomko). Overtime: nessun Goal; Tiri di Rigore/Shootout: (Valpe) Robert Sirianni.
Arbitri Fabio Lottaroli, Stefano Terragni e Simone Lega.
Spettatori: 1.460.

Classifica:
Lupi Fiat Professional Val Pusteria 51
Alleghe Tegola Canadese 44
Renon Sport Renault Trucks 44
Valpellice Bodino Engineering 43
HC Bolzano Foxes 42*
Milano Rossoblu 37 *
Migross Supermercati Asiago 32
Hafro Cortina 23
Val di Fassa Ferrarini 18
Aquile FVG Pontebba 8
* una partita in meno [HC Milano Rossoblu – HC Bolzano Foxes sarà recuperata martedì 4 dicembre 2012].

Tags: