Il resoconto della ventiduesima giornata

di Max

Il Bolzano prosegue nel suo momento d’oro e stravince anche a Brunico. Tutte equilibratissime le altre gare della serata che vedono le risicate vittorie di: Alleghe, Fassa, Renon e Milano. In considerazione di questi risultati, dietro al Val Pusteria, sempre capolista con un ragguardevole vantaggio, si forma un terzetto composto da Alleghe, Valpe e Renon. Il Bolzano festeggia la quinta vittoria consecutiva e si rifà sotto mentre anche il Milano allunga facendo sua la sesta posizione assoluta. L’Asiago col punticino ottenuto resta settimo mentre in coda si risveglia il Fassa e perdono Cortina e Pontebba.

Il Bolzano vince nettamente al Lungo Rienza, e fa suo il terzo derby della stagione con un perentorio 5:1. La cornice del pubblico è quella delle grandi occasioni, e la Leitner Solar Arena è gremita in ogni ordine di posti già un’ora prima del fischio d’inizio. I padroni di casa sono ancora privi del portiere JS Aubin e del top scorer Joe Cullen mentre tra gli ospiti manca il solo Christian Walcher. I Foxes costruiscono la loro vittoria nel primo tempo durante il quale tramortiscono i padroni di casa. Già al quarto minuto i bianco rossi passano in vantaggio con Ryan Flynn ben servito da Mc Gregor Sharp. La reazione dei Lupi è pronta e sfruttando un power play, Max Oberrauch pareggia su passagio di capitan Armin Helfer. Il risultato di parità regge per poco più di tre minuti e nei sessanta secondi successivi il Bolzano impone la sua maggior freschezza atletica, passando in vantaggio con Mark McCuthceon e poi triplicando con il giovane Peter Wunderer, alla sua seconda segnatura consecutiva dopo la “sua prima volta” di martedì col Pontebba. Il secondo drittel si apre con la penalità partita di Joe Jensen punito per una carica troppo violenta ai danni di Niklas Hjalmarsson, terzino svedese, stella NHL bolzanina. Nonostante l’ennesima defezione il Val Pusteria prova ancora ad accorciare le distanze ma Thomas Duba fa buona guardia su una conclusione di Pat Iannone. Sono quindi gli ospiti a trovare ancora la segnatura con Marco Insam mentre, più tardi, un grande intervento di Philipp Kosta evita la segnatura a Mark McCuthceon, lanciato nell’uno contro uno. Nel terzo drittel il Bolzano si limita a controllare, senza troppo affanno, le velleitarie offensive dei padroni di casa finché Marco Insam non chiude i conti con la sua doppietta personale calando il sipario su un derby nettamente dominato dalla formazione di Brian McCutcheon.

Palaghiaccio Leitner Solar Arena, Brunico, via Lungo Rienza: Lupi Fiat Professional Val Pusteria – HC Bolzano Foxes 1:5 (1:3, 0:1, 0:1); Marcatori: Ryan Flynn (BZ) 4:26, Max Oberrauch PP (HCP) al 7:03, Mark Mc Cutcheon (BZ) PP al 10:05, Peter Wunderer (BZ) all’11:12; 32:05 e 52:51 Marco Insam (BZ). Arbitri: Metelka Karel, Pianezze Claudio, Fabrizio De Toni, Giulio Soia. Spettatori: 2.050.

Sono necessari i tiri di rigore per stabilire il vincitore nel derby veneto dell’Alvise De Toni. Le partita segue sempre lo steso copione: vanno avanti le Civette e gli stellati riescono, in seguito, a recuperare, e di questo passo, sul 3:3, si chiudono, sia i sessanta minuti regolamentari che il successivo “Overtime”. Il climax si raggiunge solo ai tiri di rigore nei quali l’Alleghe va a centro tre volte. La prima trasformazione é di Sean Monagle, alla quale segue il pareggio di Chris DiDomenico, poi, successivamente, arrivano quelle decisive di Daniele Veggiato e Jeff Lo Vecchio. Con i due punti di questa sera i padroni di casa si riappropriano del secondo posto, sia pure in condominio con Renon e Valpe.
Palaghiaccio Alvise De Toni di Alleghe: Alleghe Tegola Canadese – Migross Supermercati Asiago 4:3 dtr (1:1, 2:1, 0:1, 0:0, 1:0 ); Marcatori: 6:12 Jonas Johanson (AL), 8:53 Matteo Tessari (AS), 21:40 Daniele Veggiato (AL), 26:27 David Borrelli (AS), 33:52 Vincent Rocco (AL), 45:19 Chris Di Domenico (AS). Shootout: Daniele Veggiato (AL). Arbitri: Gasser Thomas, Gastaldelli Michele, Luca Marri, Marco Mori. Spettatori: 415.

Il Fassa vince all’overtime contro il Valpellice ed incamera due punti preziosissimi per la sua traballante classifica. Gli ospiti si presentano al face-off iniziale, lamentando l’importante assenza di Brian Ihnacack e, nel proseguo della gara subiscono, ancora una volta, la rimonta dell’avversario di turno. I Piemontesi erano partiti alla grande e dopo cinque minuti conducevano già per 2:0 poi, piano piano, la forza di volontà dei Ladini faceva affiorare nella formazione Torrese una certa stanchezza e si arrivava alla terza sirena sul risultato di parità. All’overtime gli arbitri punivano lo sgambetto di Marco Pozzi con una penalità di due minuti ed appena 40 secondi dopo, in situazione di quattro contro tre, era Stefano Margoni a trovare il punto della vittoria.
Palaghiaccio Gianmario Scola di Alba di Canazei: Val di Fassa Ferrarini – Valpellice Bodino Engineering ( ); Marcatori: 3:51 Anthony Aquino (V), 5:29 Nate DiCasmirro (V), 9:37 Jakub Sindel (F), 31:07 Martin Castlunger PP (F), 45:16 Nate DiCasmirro (V), 50:34 Petr Kalus PP (F). 63:49 Stefano Margoni PP (F). Arbitri: Loreggia Gregory, Cassol Luca, Cristeli Christian, Cristeli Matthias. Spettatori: 233.

Con la preziosa nonché sofferta vittoria sul ghiaccio del Cortina, il Renon ritrova la seconda posizione in classifica generale sia pure in affollata coabitazione. Gli altoatesini, privi di Ryan Ramsey, Alex Frei, Markus Hafner, Mattteo Rason e del nuovo acquisto Christian Durno, hanno dovuto stringere i denti, nel drittel finale, per portare a casa i tre punti. Il Cortina ad eccezione del primo vantaggio iniziale, ha sempre dovuto rincorrere l’avversario ed ha trovato tutte le segnature della serata in situazione di superiorità numerica.
Stadio Olimpico di Cortina: Hafro Cortina – Renon Sport Renault Tracks 3:4 (1:2, 1:2, 1:0); Marcatori: 8:12 Ryan Dingle PP (COR), 11:59 Matthias Fauster (REN), 16:53 Greg Jacina (REN), 24:35 Daniel Tudin (REN), 28:16 PP Matt Siddal (COR), 32:15 Ingemar Gruber (REN), 44:24 PP Stanislav Gron (COR). Arbitri: Colcuc Glauco, Ferrini Claudio, Gamper Christian, Alexander Waldthaler. Spettatori: 450.

Il Milano acciuffa la vittoria con una segnatura di Matt Ryan a meno di quattro minuti dal termine a dimostrazione che la trasferta di Pontebba è stata tutt’altro che una gita di piacere per la squadra di Massimo Da Rin. I meneghini erano scesi sul ghiaccio privi di Luca Ansoldi e Matt De Marchi ed avevano scelto di dare spazio al backup Paolo Della Bella al posto del titolare Andy Raycoft. Il primo tempo era corso via senza sussulti e la prima sirena aveva fotografato le due formazioni ancora ferme sullo 0:0 iniziale. Nel secondo drittel Rok Pajic, sfruttando una situazione di superiorità numerica aveva portato in vantaggio i friulani e la segnatura aveva galvanizzato i padroni di casa che più volte si erano visti negare il raddoppio dal goalie lombardo. Solo nel drittel finale gli ospiti riuscivano a venire a capo del match e prima raggiungevano il pari con la segnatura dell’ex Andreas Lutz e poi riuscivano a trovare il goal-partita ad appena tre minuti e mezzo dalla fine. Sul finire ancora brividi per i rossoblu salvati da un miracolo di Della Bella su una conclusione di Erik Weismann.
Palaghiaccio Vuerich di Pontebba: Aquile FVG Pontebba – Milano Rossoblu 1:2 (0:0, 1:0, 0:2); Marcatori: 27:12 Rok Pajic (PON) 43:48 Andreas Lutz (MI), 56:23 Matt Ryan (MI). Arbitri: Moschen Giorgio, Benvegnù Andrea, Maurizio Lorengo, Claus Unterweger.. Spettatori: 230.

Classifica:
Lupi Fiat Professional Val Pusteria 51
Valpellice Bodino Engineering 41
Alleghe Tegola Canadese 41
Renon Sport Renault Tracks 41
HC Bolzano Foxes 39 *
Milano Rossoblu 34 *
Migross Supermercati Asiago 32
Hafro Cortina 22
Val di Fassa Ferrarini 18
Aquile FVG Pontebba 8
* una partita in meno.

Tags: