EBEL: risorge il Linz, lo Zagabria aggancia il Vienna capolista

Torniamo ad occuparci della Erste Bank Eishockey Liga dopo la pausa per gli impegni delle nazionali: in testa troviamo la strana coppia Zagabria – Vienna, davanti ad un gruppetto di squadre ripresesi dopo un avvio da dimenticare. Deludono invece le corazzate Klagenfurt e Salisburgo.

Andiamo con ordine: a guidare la classifica, come anticipato, Vienna e Zagabria. I Croati hanno agganciato i giallorossi in testa alla graduatoria venerdì sera, grazie ad un convincente vittoria sul Klagenfurt per 4:1 e alla contemporanea sconfitta dei Capitals contro un Linz in gran forma. Il Medvescak deve buona parte dei risultati ottenuti in queste settimane al nuovo arrivato Dustin Jeffrey, ingaggiato fino al termine del lockout e autore sinora di 16 punti in dodici presenze. Il team croato ha inoltre rescisso i contratti con gli attaccanti Leavitt, Hebar e Huculak.

Dietro alla coppia al comando, gli ex capi-classifica di Villach, sui quali pesa in particolar modo la cocente sconfitta contro il Lubiana (attualmente terz’ultimo) di venerdì. Dietro le aquile carinziane, lo Znojmo guida un gruppo di cinque formazioni chiuse nello spazio di tre punti. I Cechi, inchiodati ieri dal Graz per 3:0, sentono ormai sul collo il fiato dei diavoli di Fehervar, letteralmente rinati dopo il cambio di allenatore e autori venerdì di un roboante 9:0 sull’Innsbruck, dopo essersi presi il lusso di sgambettare i primi della classe (Vienna) mercoledì per tre reti ad una.

A tenere compagnia al Fehervar a quota 26 punti, i campioni in carica di Linz e i 99ers di Graz. Ai primi sembra aver giovato il cambio di portiere, con l’eroe della scorsa stagione Alex Westlund costretto a lasciare il posto all’ex di Salisburgo e Phoenix David LeNeveu. Nei tre turni giocati sinora dopo la pausa internazionale, i nerazzurri hanno centrato altrettante vittorie, proprio come i Graz 99ers. Seppure Tomas Vanek non stia brillando com’era lecito attendersi da una superstar come lui, i bianconeri sono stati comunque capaci di mettere a segno 14 reti in tre partite, di cui la metà contro il Villach. La squadra  si è rinforzata a fine ottobre con l’arrivo del difensore italo-canadese Mario Scalzo. Chiudono il gruppetto i draghi di Klagenfurt, alle prese con una stagione oltremodo condizionata dagli infortuni e costretti a giocare le ultime partite con solo una decina di giocatori della prima squadra. Negli ultimi giorni sono giunti nel capoluogo carinziano i canadesi Cogliano (Anaheim) e Doell.

A cinque punti di distanza da questo gruppetto troviamo le due vere delusioni di questa prima parte di stagione: il Salisburgo, in particolare, naviga in acque a dir poco agitate, a causa della scarsità di gioco dimostrata dalla squadra e dalla ormai evidente distanza tra l’allenatore Pagé e la squadra. Il clima si è fatto ancor più pesante dopo le ultime contestazioni alla panchina da parte dei tifosi, che hanno apertamente invitato il coach a farsi da parte. La partenza di Enstrom, Clarkson e Kinasewich (quest’ultimo approdato a Milano) a fronte dell’arrivo del “solo” Boychuk lascia intendere le mutate aspettative del team per la stagione in corso.

L’altra grande delusa si chiama Olimpia Lubiana. Ma non tanto per la stagione sottotono, già messa in conto dopo le primissime apparizioni stagionali, quanto per la distanza apparente incolmabile tra la linea McBride – Mursak – D’Alvise e il resto della squadra, incapace di amalgamarsi con i colleghi di maggior talento e totalmente dipendente dalle loro giocate.

Se la passano peggio solo e due matricole: nello scontro tra cenerentole di ieri il Dornbirn ha strapazzato l’Innsbruck per 9:3, allungando così a 15 punti e lasciando gli squali tirolesi nel mezzo di un losing streak del quale, obiettivamente, non si vede la fine. I rossoblù, ancora alla ricerca della prima vittoria piena casalinga, hanno sinora conquistato solo una vittoria ai tempi regolamentari, il 7 ottobre a Graz.

Classifica

1. Zagabria 33 punti
2. Vienna 33
3. Villach 31
4. Znojmo 27
5. Fehervar 26
6. Graz 26
7. Linz 26
8. Klagenfurt 25
9. Salisburgo 20
10. Lubiana 20
11. Dornbirn 15
12. Innsbruck 6

Tags: