LNA: Sempre nel segno dell’incertezza

Si riparte nel massimo campionato svizzero di hockey dopo la pausa dedicata alle rispettive nazionali e diamo il consueto spazio iniziale alle ticinesi:

Si apre subito col terzo derby stagionale in scena alla Resega dove il sempre rimaneggiato HC Lugano (cui non è servito il fermo della LNA di una settimana per recuperare forze sul ghiaccio) riceve i cugini dell’Ambrì ; gara dai ritmi alti con i biancoblù a far guadagnar subito la pagnotta all’ottimo backup Fluckiger (preferito a Manzato) ma alla lunga escono i padroni di casa a mettere il sigillo sin dalla prima frazione piazzando tre reti nel giro di tre minuti (Profico,Sbisa e Bergeron in PP) a cavallo del 13’ per poi mantenere l’inerzia del gioco fino alla prima pausa. Il team leventinese,scosso oltremodo ma tenuto a galla dalla solita prestazione maiuscola di Schaefer tra i pali,cerca di far quadra nella frazione centrale e dopo aver trovato la via della rete con Pedretti,vengono tenuti nuovamente a distanza di sicurezza dal cinico bianconero Kostner. L’ultimo drittel vede l’Ambrì battersi bene sul ghiaccio e l’eccessiva fiscalità arbitrale sembra dar man forte ai cugini ticinesi ma l’estro di Williams (in inferiorità numerica) sembra far riaprire la contesa negli ultimi minuti ma Park per l’Ambrì fallisce un rigore facendo calare il sipario sulla contesa con Metropolit che chiude i conti sul 5-2 a rete sguarnita. Con l’arrivo in corsa di Fritsche dal Genève,il Lugano scende nell’altro match settimanale a Zugo con la cattiva sorte che attanaglia l’infermeria bianconera (out anche Conne,Ulmer con Metropolit debilitato) restando comunque in gara per 2/3 di gara al cospetto di Zetterberg e soci;se il match è stato deciso dalla maggior pressione in PP degli uomini di Shedden (2 su 5),il team sottocenerino non è riuscito ad avere la giusta cattiveria per scardinare il buon goalie di casa mentre continuano a stupire la prestazioni tra i pali di Fluckiger,sempre preferito a Manzato ma che non riesce ad evitare il mal di trasferta per i suoi che incamerano l’ennesima sconfitta lontana dalla Resega (1-3).

Dopo aver archiviato il sopracitato derby,l’Ambrì torna in scena alla Valascia col Rapperswil riprendendo quanto di buono fatto vedere con la cura Pelletier;il primo drittel vede i biancoblù imporre il proprio gioco ed i Lakers vanno a riposo sotto di due. Le allegrotte maglie difensive di entrambe le squadre fanno assistere ai 4648 tifosi ad una bella tiritera di reti con l’Ambrì che manca l’occasione per scappar via e metter al sicuro l’incontro mentre il discreto Rapperswil resta sempre attaccato al match fino agli scampoli finali ma l’ottimo Pestoni (1+2)porta a casa la vittoria col risultato pirotecnico di 6-4. Nel Saturday match i ragazzi di Pelletier scendono Vaillant Arena di Davos con l’intenzione di giocarsela alla pari e la compagine biancoblù mette subito alle corde il team grigionese con una grandissima prova di carattere:il primo periodo è tutto di marca Ambrì col solo Genoni a limitare il passivo ed alla rete annullata ingustamente a Noreau risponde subito Williams per il meritato vantaggio. Il Davos si sveglia nella frazione seguente e l’inerzia di gara gira tutta per i padroni di casa che non lasciano spazio al team sopracenerino portandosi in vantaggio poco prima della penultima sirena. L’ultimo drittel il mai domo Ambrì arriva al pareggio con Trunz ma la compagine di casa torna in vantaggio prima di chiudere le ostilità con due reti nel giro di 29’’ facendo comunque sia intravedere buon gioco sul ghiaccio con la linea dei playoff che dista “solo” 11 punti.

Martedì 13/11/2012
ZSC Lions     – EV Zug        3-5  (2-0;1-4;0-1)
HC Lugano     – Ambrì Piotta  5-2  (3-0;1-1;1-1)
Venerdì 16/11/2012
Fribourg      – EHC Biel      3-4  (1-1;1-2;1-1)
SC Bern       – HC Davos      4-2  (1-0;2-0;1-2)
EV Zug        – HC Lugano     3-1  (0-0;1-1;2-0)
ZSC Lions     – Genève        4-3ot(0-1;1-0;2-2;1-0)
Kloten Flyers – SCL Tigers    8-0  (2-0;5-0;1-0)
Ambrì Piotta  – Rapperswil    6-4  (2-0;2-2;2-2)
Sabato 17/11/2012
SCL Tigers    – SC Bern       0-2  (0-1;0-1;0-0)
HC Davos      – Ambrì Piotta  5-2  (0-1;2-0;3-1)
Rapperswil    – EV Zug        2-3so(0-0;1-2;1-0;0-1)
EHC Biel      – ZSC Lions     5-4ot(2-2;1-1;1-1;1-0)
Genève        – Kloten Flyers 2-3ot(0-0;1-0;1-2;0-1)

 Con la situazione sempre ferma oltreoceano e gli Nhlers ancora ad infiammare le platee rossocrociate,la marcia in vetta del Genève spuntato del proprio Top Scorer Fritsche passato al Lugano,subisce due brusche fermate agli extra time contro le compagini zurighesi in questo week che conferma oltremodo l’equilibrio ed incertezza che regna in LNA con ben nove compagini nel giro di 10 punti. In seconda piazza fanno gli straordinari i Lions di Zurigo che dopo l’incredibile harakiri casalingo contro lo Zugo  in una sciagurata frazione centrale,portano a casa una vittoria tanto bella quanto rocambolesca contro la capolista Genève (4-3ot rete vincente di Mauer) per poi cadere sempre agli extratime in quel di Biel (4-5) ieri sera. In terza piazza troviamo gli orsi di Berna e l’EV Zugo che lasciano solo le briciole agli avversari in questo perfect week: Berna a trazione Gardner (3+1) per le vittorie contro Davos (4-2) e Tigers (2-0) con l’ottima prestazione tra i pali per Buhrer (31 parate e shootout) mentre fanno ancora meglio gli scatenati zughesi con tre vittorie su tre uscite sempre giudati dalla miglior linea in LNA Brunner-Zetterberg-Omark ed un Markkanen convincente tra i pali. Alla premiere fanno lo sgambetto in quel dei Lions 5-3 (Brunner 0+4) mentre Holden (2+0) regola la resistenza del Lugano (3-1) per poi sudare le proverbiali sette camicie contro il Rapperswil (3-2so) con Omark mattatore (1+1) e Markkanen sugli scudi (37sv). Il Lugano s’assesta in quinta piazza e dietro è assoluta bagarre con Biel e Kloten sotto di uno a braccietto sorridendo in entrambe le uscite. Per la compagine capitolina l’arrivo di Kane da assoluto manforte agli scatenati Seguin e Micflikier che vanno a referto in entrambe le uscite mentre gli aviatori volano alto dopo aver schiantato per 8-0 i Tigers prima del successone in extratime contro i ginevrini (3-2,Blum). Ottava piazza per il riposato Fribourg che cede in casa nell’unica partita settimanale,l’HC Davos chiude invece il conto in parità questo week ancora sotto la linea playoff mentre i Lakers di Rapperswil racimolano solo un punticino in due uscite col tenace Ambrì a guardare in alto mentre l’horribilis settimana dei Tigers porta zero punti così come le reti segnate.

Classifica
Pos Club      GP  V  P Vot Pot Vso Pso GF:GS  PT
1.  Genève    22 14  4  2   2   0   0  75:51  48
2.  ZSC Lions 24 10  8  2   1   2   1  72:64  40
3.  Bern      22 11  8  0   0   1   2  66:52  37
4.  EV Zug    22 10  7  0   1   2   2  74:66  37
5.  Lugano    22  9  6  0   4   1   2  79:66  35
6.  Biel      22  9  9  1   1   2   0  74:74  34
7.  Kloten    22  8  8  2   0   2   2  67:62  34
8.  Fribourg  21  6  6  2   0   4   3  65:58  33
9.  Davos     22  7  8  1   2   3   1  73:68  32
10. Lakers    23  8 11  1   0   1   2  66:92  30
11. Ambrì     23  6 14  0   0   1   2  58:84  22
12. Tigers    19  3 12  0   0   1   3  43:75  14

 

Top Scorer
#                 Team       Gol Assist Punti           
Damien Brunner  (EV Zug)      12   22     34
Linus Omark     (EV Zug)       9   23     32
Tyler Seguin    (EHC Biel)    16   12     28
Jacob Micflikier(EHC Biel)    12   14     26
Glen Metropolit (HC Lugano)    6   20     26

Tags: