Il recap della sedicesima giornata

di Max

L’Alleghe non si ferma più. Con la vittoria (4:5) di questa sera alla Leitner Solar Arena di Brunico, i bianco rossi raggiungono, unitamente alle otto vittorie consecutive, anche la seconda poltrona in tabella generale. L’incontro era già iniziato nel segno delle civette con la segnatura, in power play (quattro contro tre), di Vince Rocco. La segnatura aveva fatto comprendere le vere intenzioni degli ospiti ma il Val Pusteria aveva avuto una rabbiosa reazione, fatto segnare un parziale di sette tiri ad uno e grazie alla terza linea (Guité Tauber Crepaz) aveva pareggiato i conti con Lucas Tauber. Sul risultato di parità il Val Pusteria aveva dovuto sostituire, per infortunio, il portiere Jean Sebastian Aubin con il giovane Philipp Kosta ed il match, da quel momento, era cambiato anche tatticamente in quanto il Val Pusteria aveva giocato maggiormente a protezione del suo terzo difensivo. Comunque, anche sulla spinta nervosa per l’infortunio del goalie titolare, i padroni di casa erano ritornati in vantaggio grazie al goal di Keith Seabrook, (assist di Christian Willeit in situazione di power play) che permetteva loro di chiudere la prima frazione in vantaggio per 2:1. Nel secondo drittel le emozioni si sono concentrate, tutte, sul finale allorquando, in poco meno di quattro minuti, le squadre sono andate a segno per quattro volte: due per ciascuna. I Fuochi di Artificio sono iniziati con il pareggio ospite di Matt Waddel, in power play. I Pusteresi, sfruttando il lavoro della terza linea d’attacco, sono ritornati in vantaggio con Christian Willeit. Le civette avevano pareggiato con Jeff Lo Vecchio al quale aveva risposto la prima linea dei Lupi, in rete con Patrick Bona, imbeccato da Pat Iannone. La seconda frazione di gioco si era conclusa così sul 4:3 per i padroni di casa. Nell’intervallo era arrivava per i Lupi Pusteresi la doccia freddissima della prima diagnosi medica che parla, per Jean Sebastian Aubin, di sospetto stiramento del legamento collaterale con tempi di recupero, che potrebbero essere anche superiori alle quattro settimane. Si è tornati sul ghiaccio e l’Alleghe che aveva capitalizzato molto nelle prime due frazioni di gioco, ha capito che con la menomazione subita, il Val Pusteria non era più imbattibile. Sfruttando anche un leggero calo fisico dei padroni di casa, i bianco rossi a poco meno di cinque minuti dall’ultima sirena hanno infatti raggiunto il pari con Sean Mc Monagle e poi, a quaranta secondi dalla fine, hanno trovato il punto del ko con Daniele Veggiato su assist di Mc Monagle. Con la meritata vittoria di questa sera l’Alleghe sale a 32 punti, secondo assoluto in classifica. Il Val Pusteria, nonostante la battuta di arresto, rimane saldamente al primo posto con un vantaggio rassicurante e, più che per la sconfitta si rammarica per il serio infortunio del “suo portierone”: mai la sosta arrivò così benaccetta per i Brunicensi.

L’incontro della Ritter Arena di Collalbo era uno scontro da “fuori i secondi” lo ha vinto il Renon, regolando la Valpe per 5:3 [Marcatori Trevor Johnson (2) e Nick Anderson per gli ospiti e Greg Jacina (2) Alexander Eisath Ryan Ramsey e Ingemar Gruber per i locali]. I giocatori Piemontesi hanno giocato alla grande fino a quando hanno avuto energie da gettare nella mischia: sono passati in vantaggio per tre volte ed hanno costretto i Rittner Baum ad un match sempre in salita. Dopo aver raggiunto il terzo pareggio, contando anche sul calo fisico degli ospiti, i lupetti dell’altopiano hanno messo la freccia del sorpasso. Le segnature di Ramsey e Gruber hanno costituito un rassicurante vantaggio che i Rittner Baum sono poi riusciti a gestire, pur con qualche difficoltà, fino al termine. Sul finale c’è stato qualche momento di contestazione da parte degli ospiti che si sono visti annullare due segnature, tali episodi, comunque, non hanno messo in discussione la bontà e la legittimità della vittoria del Renon. Piuttosto c’è da sottolineare che il Valpellice arriva alla sosta assai provato, le cosiddette “settimane all’inglese”, hanno costretto il team piemontese a frequenti e lunghe trasferte ed i giocatori non potranno che trarre giovamento dalla pausa al campionato imposta dagli impegni della Nazionale. Con i tre punti di questa sera il Renon raggiunge quota 31 scavalcando proprio la Valpe ferma a 30.

Al termine di un match equilibratissimo l’Asiago ha sconfitto l’HC Bolzano con uno striminzito ma preziosissimo 1:0. La segnatura che vale i tre punti è arrivata a poco più di tre minuti dall’inizio del terzo drittel, con un tiro di Matteo Tessari su assist di Sean Bentivoglio. Il Bolzano è sembrato avere pochi schemi offensivi e nonostante l’impegno non è mai riuscito ad essere pericoloso dalle parti di Josh Tordjman. Con questa, ennesima, sconfitta i bianco rossi vengono raggiunti al quinto posto dal Milano ed alla ripresa del campionato, il 15 di novembre, dovranno farsi trovare maggiormente pronti per l’atteso dal derby casalingo col Renon. Per l’Asiago tre punti importanti in attesa della gara di Milano prevista a metà novembre.

Nel “match della paura” il Fassa viene sconfitto a domicilio dal Pontebba. Ad Alba di Canazei i Ladini erano passati in vantaggio, con la segnatura del solito Martin Castlunger e con il minimo vantaggio si era arrivati fino all’inizio del terzo drittel. Nel tempo finale i friulani hanno poi fatto il “diavolo a quattro” ribaltando completamente il risultato con le segnature di Petr Sachl, David Urquart, Felice Giugliano e l’empty net goal conclusivo di Rok Pajic. Con il colpaccio esterno di questa sera il Pontebba sale a quota otto e riassapora il gusto della vittoria da tre punti dopo tante, troppe, giornate. Il Fassa prosegue nella sua serie negativa e spera di far tesoro della prossima sosta del campionato per poter recuperare uomini e gioco in vista della difficile trasferta di Brunico del 15 novembre.

Il Milano Rossoblu sbanca l’Olimpico di Cortina vincendo in rimonta per 3:2. Il Cortina che sul vantaggio di 2:0 pareva avesse già chiuso l’incontro è invece crollato, come già era successo nel derby contro l’Asiago, e, sul ritorno degli avversari ha dovuto lasciare l’intero risultato nelle mani degli ospiti. Il risultato finale ha premiato meritatamente la formazione meneghina confermatasi squadra di grande temperamento. Nei primi due drittel, gli scoiattoli, con il solito Stanislav Gron di questo periodo, avevano violato per due volte la porta difesa da Andrew Raycroft. Il Milano, di contro, sembrava sterile in fase offensiva e nulla lasciava presagire lo sviluppo che il match avrebbe preso nel drittel finale. Invece i Lombardi sono tornati sul ghiaccio con spirito completamente diverso, ed anche favoriti dall’infortunio di Gron, hanno iniziato a macinar gioco e per tre volte il rientrante Jean Philipp Levasseur ha dovuto raccogliere il puck nella sua gabbia. Con le segnature di Matt Ryan, Andreas Lutz e Tommaso Migliore il Milano porta a casa i tre punti ed aggancia il Bolzano in classifica generale a quota ventiquattro. Alla ripresa del Campionato il Milano riceverà l’Asiago all’Agorà.

Risultati di sabato 3 novembre 2012, 16 giornata:
Lupi Fiat Professional Val Pusteria – Alleghe Tegola Canadese 4:5 (2:1, 2:2, 0:2);
Renon Sport Renault Tracks – Valpellice Bodino Engineering 5:3 (2:2, 2:1, 1:0);
Hafro Cortina – Milano Rossoblu 2:3 (0:0, 2:0, 0:3);
Migross Supermercati Asiago – HC Bolzano Foxes 1:0 (0:0, 0:0, 1:0);
Val di Fassa Ferrarini – Aquile FVG Pontebba 1:4 (1:0, 0-0, 0-4).

Classifica Generale:
Lupi Fiat Professional Val Pusteria 42
Alleghe Tegola Canadese 32
Renon Sport Renault Tracks 31
Valpellice Bodino Engineering 30
HC Bolzano Foxes 24
Milano Rossoblu 24
Migross Supermercati Asiago 21
Hafro Cortina 15
Val di Fassa Ferrarini 13
Aquile FVG Pontebba 8

httpvh://www.youtube.com/watch?v=A7RWuVXalEM

Tags: ,