Vincono Caldaro ed EV Bozen

(dal sito della LIHG)

HC Gherdeina – Sv Caldaro Rothoblaas 2-4 (0:1, 1:1, 1:2)

Nel Gherdeina marca visita il capitano Fabrizio Senoner, nel Caldaro in tribuna per infortunio il terzino Daniel Spinell e l’attaccante Mirko Quinz. In difesa, via Renon, schierato il roccioso terzino Ruben Rampazzo. Inizio alla camomilla, il Caldaro inizia a macinare gioco e rompe l’equilibrio nel momento più favorevole del Gherdeina. In inferiorità numerica Thomas Waldthaler parte in velocità e fredda Grossgasteiger per il vantaggio dei “Lucci”. Il Gherdeina reagisce, sfiora il pari più volte, ma la gabbia di Valle da Rin resiste fino alla prima sirena della serata. Nel secondo parziale i rossoblu stringono i tempi e alzano il baricentro del proprio gioco. Da una situazione di superiorità numerica, scaturisce il pari, firmato Benjamin Kostner. Steve Pellettier prende in mano il Caldaro e riporta avanti i suoi, piazzando la stoccata del 2:1. Terzo tempo con i padroni di casa alla caccia del pari, Loppi però gela il Pranives: dopo un gran lavoro di Pellettier, l’attaccante finlandese del Caldaro insacca il 3:1. In powerplay Bregenzer riduce le distanze per il Gherdeina (57.07). Finale da vivere tutto d’un fiato: i ladini attaccano all’arma bianca, Alex Andergassen centra la gabbia rimasta sguarnita e consegna tre punti preziosi per il Caldaro.

HC Gherdeina: Florian Grossgasteiger (Giancarlo Kostner), Benjamin Bregenzer, Ryan Gaucher, Gabriel Lang, Simon Vinatzer, Luca Vinatzer; Joel Brugnoli, Fabian Costa, Rupert Stampfer, Gabriel Vinatzer, Oliver Schenk, Ivan Demetz, Kevin Senoner, Benjamin Kostner, Fabio Kostner, Davide Holzknecht, Aaron Pitschieler, Gabriel Senoner. Coach: Thomas Kostner

Sv Caldaro Rothoblaas: Martino Valle da Rin (Daniel Morandell), Thomas Waldthaler, Adrian Marzoner, Lukas Schweigkofler, Steve Pelletier, Markus Siller, Markus Kofler, Ruben Rampazzo; Matias Loppi, Raphael Andergassen, Alexander Andergassen, Alex Tauferer, Patrick Thomaser, Patrick Gius, Brian Belcastro, Lorenz Röggl, Michael Felderer, Manuel Gamper. Coach : Thomas Sandlin

Reti: 0:1 Thomas Waldthaler (5.28), 1:1 Benjamin Kostner (28.25), 1:2 Steve Pellettier (36.49), 1:3 Matias Loppi (48.15), 2:3 Benjamin Bregenzer (57.07), 2:4 Alex Andergassen (59.29 porta vuota)


HC Merano Junior – Ev Bozen 84 Groupon 3-6 (1:3, 0:0, 2:3)

Il Merano deve rinunciare in attacco a Max Ansoldi e Michael Stocker, nell’Ev Bozen 84 unica assenza quella di Christian Timpone. Dopo un’iniziale fase di stallo, i bolzanini passano a condurre: il vantaggio ospite porta la firma di Oliver Schenk, per il Merano l’inizio è subito in salita. La reazione delle “Aquile” è veemente, il Merano impatta con il solito Taggart Desmet. L’Ev Bozen 84 è salito alla MeranArena per vincere e non si lascia tramortire, anzi. I bolzanini al 12.54 vanno ancora avanti con Nicolò Pace. Il gol esalta la truppa di Carroll, capace di centrare addirittura il tris con Franz Josef Plankl al 14.16. Nel secondo tempo il Merano fa la partita, ma non riesce a bucare la porta di un sempre attento Platè. L’Ev Bozen 84 tiene alta la tensione e riesce a chiudere la frazione centrale sul doppio vantaggio. Nel terzo arriva il colpo del ko per il Merano: Dylan Stanley pesca il varco per battere Corsi e infilare il 4:1. Cainelli riaccende la fiammella per il Merano (2:4). Ancora in powerplay, il Merano torna prepotentemente in gara con Michele Ciresa (51.04). Due minuti più tardi uno scatenato Schenk (doppietta) firma il nuovo allungo per i bolzanini. Il Merano deve arrendersi anche all’empty neat gol di Jasecko. E’ il 6:3 finale per l’Ev Bozen 84, che centra la quarta vittoria consecutiva. Uno score da “grande”.

HC Merano Junior: Vincenzo Marozzi (Massimo Quagliato), Jan Mair, Daniel Valgoi, Viktor Wallin, Andreas Radin, Daniel Huber; Taggart Desmet, Michele Ciresa, Thomas Mitterer, Julian Schwienbacher, Stefan Palla, Daniel Rizzi, Davide Turrin, Patrick Cainelli, Viktor Schweitzer, Michael Guarise, Philipp Beber, Stefan Kobler. Coach: Doug McKay

Ev Bozen Groupon: Marcello Platè (Federico Tesini), Stanislav Jasecko, Roland Battisti, Matteo Lotti, Luca Franza, Matthias Albarello, Christian Fabbretti, Daniele Da Ponte; Oliver Schenk, Dylan Stanley, Thomas Unterfrauner, Philipp Grandi, Nicolò Pace, Hannes Holzl, Franz Josef Plankl, Alexander Pancheri, Manuel Accarino, Lorenzo Piccinelli, Simon Obexer. Coach: Fred Carroll

Reti: 0:1 Oliver Schenk (5.05), 1:1 Taggart Desmet (9.58), 1:2 Nicolò Pace (12.54), 1:3 Franz Josef Plankl (14.16), 1:4 Dylan Stanley (45.06), 2:4 Patrick Cainelli (50.20), 3:4 Michele Ciresa (51.04), 3:5 Oliver Schenk (53.31), 3:6 Stanislav Jasecko (59.48 porta vuota)

 

Tags: