KHL : Lev Praga ad Ovest e Neftekhimik Nizhnekamsk ad Est

A quasi due settimane dall’avvio, a guidare le Conference troviamo delle compagini difficilmente pronosticabili : Lev Praha ad Ovest e Neftekhimik Nizhnekamsk ad Est. Per entrambe 5 partite disputate e 3 vittorie entro i 60′ regolamentari; con la realtà ceca che ha chiuso il cerchio con delle sconfitte contro lo Spartak e a Severstal (agli SO), a differenza della diretta avversaria che non è mai caduta entro i 60′, vista la singola sconfitta casalinga contro il Vityaz agli SO.

Durante la settimana, grazie anche al patto KHL-NHL aggiornato nel Luglio del 2011, le alte cariche russe hanno stilato un programma di massima per far sapere quali giocatori potranno far parte della maggior lega hockeystica europea durante il lockout d’oltreoceano. In questo articolo i punti principali.

EASTERN CONFERENCE
di Nicola Tosin

A seguire il Neftekhimik troviamo il Sibir, che grazie a due vittorie e una sconfitta durante la settimana, è riuscito a prendere il comando della Chemyshev Division. Trascinatori di questi ultimi sette giorni due giocatori non russi : il lituano Artus Kulda, autore di 2 reti, e il finnico Jori Lehtera, che ha aiutato la squadra con 3 reti e 3 assist.
A seguire, con un punto in più del Sibir ma al secondo posto nella Kharlamov Division, troviamo l’AK Bars Kazan. Per i campioni delle prime due stagioni di KHL, è arrivata la prima sconfitta (in casa dello Yugra) entro i 60′ regolamentari durante il fine settimana, dopo due ottime vittorie contro Vityaz e Barys. Nella partita giocata ad Astana, Janne Lahti ha siglato la prima rete in KHL.
In quarta posizione si piazza l’Avangard Omsk. Settimana travagliata per la runner-up della scorsa edizione, viste le sudate vittorie casalinghe contro Barys (4-3 all’OT) e Salavat (2-1 agli SO) e la brutta sconfitta per 6-2, sempre tra le mura amiche, contro il Neftekhimik. In tutte e tre le gare ha messo punti a referto lo slovacco Tomas Zaborsky, con il picco nella vittoria contro il Barys fatto di 2 reti e un assist.
A seguire la coppia formata da Amur e Metallurg Novokuznetsk. Per i leader della scorsa settimana, 2 sconfitte secche e una vittoria agli SO; anche per il Metallurg meno nobile due sconfitte, di cui una casalinga agli SO.
Per chiudere l’ipotetica griglia dei playoff, Traktor e Metallurg Magnitogorsk. Per la compagine guidata dal talento di Evgeny Kuznetsov, solamente 3 partite in questi primi 12 giorni di regular season, di cui due negli ultimi 7. Vittoria convincente contro l’Avtomobilist e sconfitta spettacolare contro lo SKA.
Continua il periodo travagliato per il Salavat : 2 sconfitte, di cui una oltre i 60′, e una vittoria ad inizio settimana. Quest’ultima è scaturita grazie a delle ottime prestazioni di Nikita Filatov e Denis Khlystovm, entrambi autori di un 2+1.
Prima del fanalino di coda Yugra, troviamo l’Avtomobilist e il Barys. Solamente due vittorie settimanali per queste ultime tre compagini : il 2-0 dello Yugra contro il Kazan e il 3-2 del Barys ai danni del Salavat.

Team GP W OTW SOL SOL OTL L G
1

Neftekhimik
5
3
1
0
1
0
0
18-10
12
2
Sibir
5
2
0
1
1
0
1
14-14
9
3
Ak Bars
5
3
0
0
0
1
1
12-9
10
4
Avangard
5
1
1
1
1
0
1
12-14
8
5
Amur
6
1
1
1
0
0
3
13-13
7
6
Metallurg Nk
5
1
1
0
2
0
1
14-14
7
7
Traktor
3
2
0
0
0
0
1
7-3
6
8
Metallurg Mg
4
2
0
0
0
0
2
7-8
6
9
Salavat Yulaev
5
1
0
0
2
0
2
12-14
5
10
Avtomobilist
3
1
0
0
1
0
1
6-8
4
11
Barys
5
1
0
0
0
1
3
11-21
4
12
Yugra
4
1
0
0
0
0
3
12-15
3

WESTERN CONFERENCE
di Alessandro Bianchi

Seconda settimana e cambio al vertice della classifica nella Western Conference, il sorprendente Lev Praga con 11 punti guida la Conference. Merito delle tre vittorie in altrettanti incontri contro Donbass, Vityaz e agli shootout contro il Severstal. Appena dietro di un punto ritroviamo lo Spartak Mosca, incappato in un paio di sconfitte, agli shootout contro lo Slovan Bratislava e contro il Metallurg Novokuznetsk, ed una vittoria soltanto contro l’Amur. Dietro al duo di testa troviamo la Dynamo Mosca, che ha ottenuto risultati altalenanti in settimana, e lo SKA, che forte delle ben 21 reti messe a segno in 5 incontri si porta a 9 punti in classifica, merito del duo Thoresen e Klimenko che insieme hanno messo a segno la bellezza di 9 reti e 6 assist, con il norvegese assist-man, ben 5, e il russo più finalizzatore, ben 6. La classifica ancora molto corta ci permette di avere ben 4 team ad 8 punti, il CSKA Mosca, che non ha ancora fatto vedere il proprio potenziale, la Lokomotiv Yaroslavl, che ha perso in malo modo contro la Torpedo Nizhny Novgorod e vinto agli SO contro il Metallurg NK, la Dinamo Minsk e l’ Atlant con soprattutto i Bielorussi da tenere d’occhio perché autentica mina vagante. Nelle parti basse della classifica c’è da segnalare che lo Slovan Bratislava s’è tolto dall’ultima posizione ed insieme al Severstal hanno 6 punti, mentre più in basso troviamo Dinamo Riga e Torpedo Nizhny Novgorod con 5 punti, a 4 punti troviamo il Donbass che precede il Vityaz all’ultimo posto della classifica, unica squadra a non aver ancora vinto nei tempi regolamentari e in OT, anche se questa settimana si è rinforzata grazie agli innesti di Hennessy e Mark Cullen.

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G
1
Lev
5
3
0
1
0
0
1
9-7
11
2
Spartak
5
3
0
0
1
0
1
9-7
10
3
Dynamo Msk
5
2
0
2
0
0
1
17-11
10
4
SKA
5
3
0
0
0
0
2
21-16
9
5
CSKA
5
2
1
0
0
0
2
10-9
8
6
Dinamo Mn
5
2
1
0
0
0
2
13-15
8
7
Lokomotiv
4
2
0
1
0
0
1
15-13
8
8
Atlant
5
1
0
2
0
1
1
13-13
8
9
Slovan
5
1
0
1
1
0
2
12-12
6
10
Severstal
5
1
0
0
1
2
1
9-13
6
11
Dinamo R
5
1
0
1
0
0
3
9-9
5
12
Torpedo
4
1
0
0
1
1
1
13-14
5
13
Donbass
4
1
0
0
1
0
2
9-11
4
14
Vityaz
5
0
0
2
0
0
3
9-13
4

Tags: