LNA playoff-playout: Lions in finale, Ambrì allo spareggio

 

 

Procede la post-season della massima lega svizzera. I Lions si liberano agevolmente dello Zugo, mentre il Berna avrà la possibilità di disputare tre “match point”. Nei playoff l’Ambrì cade per il secondo anno consecutivo nell’incubo dello spareggio.

 

 

Playoff – Semifinali

 

EV Zug – ZSC Lions   0:4 (0:1, 0:2, 0:3, 0:4)

Sab 17.03  EV Zug – ZSC Lions   1:7 (1:1|0:4|0:2)
Mar 20.03  ZSC Lions – EV Zug   2:1 (1:0|0:1|1:0)
Gio 22.03  EV Zug – ZSC Lions   2:3 OT (0:0|2:2|0:0|0:1)
Sab 24.03  ZSC Lions – EV Zug   5:1 (1:0|3:0|1:1)

www.zsclions.c

I Lions, che avevano disputato una regular season mediocre giungendo solo al settimo posto, ora fanno paura. In questi playoff hanno eliminato le due squadre (Davos e Zug) che al termine della stagione regolare occupavano a pari punti la testa della classifica. Il tutto senza subire nemmeno una sconfitta. La formazione di Zurigo attende ora di conoscere quale sarà la sua rivale nella finale: Friborgo o Berna?

Gara 2 si apre a 5’37” quando Esa Pirnes guadagna un 5+20 per clipping. Davanti ai 10mila spettatori dell’Hallenstadion, i Lions partono bene e sfruttando una superiorità numerica passano in vantaggio a 10’29” grazie ad una rete di Domenico Pittis. Lo Zugo sa di dover vincere l’incontro e riesce ad agguantare il pareggio durante il secondo drittel con una rete di Sven Lindemann a 34’19”. Decide poi l’incontro una rete di Mark Bastl, che va a segno quando mancano due minuti al termine dell’incontro.

Non cambia il registro in gara 3 dove, dopo un primo tempo a reti inviolate, nel secondo drittel lo Zurigo si porta in vantaggio con le realizzazioni di Andreas Ambühl (a 23’43”) e Patrik Bärtschi (a 31’35”). Lo Zugo riesce a reagire e, prima del suono della seconda sirena, si riporta in parità grazie alle reti di Corsin Casutt (a 37’20”) e Patrick Fischer (a 39’36”). Con questo risultato si chiudono poi i tempi regolamentari. A porre fine alla disputa è poi una rete del “Leone” Andreas Ambühl che va a segno a 63’52” in inferiorità numerica.

I Lions paiono inarrestabili, anche in gara 4 lo Zug non è in grado di reagire alla forza degli uomini allenati da Hartley e nel corso dei tre periodi gli zürcher vanno a segno 5 volte: Patrik Bärtschi ( a 10’31”), Andreas Ambühl (a 28’53”), doppietta di Reto Schäppi (a 32’36” su penality e 34’38”), Jeff Tambellini (a 46’51”). Giuge poi a 48’34” la rete friborghese di Patrick Oppliger, inutile ad impedire ai Lions l’accesso alla finale.

 

Fribourg – SC Bern   1:3 (0:1, 0:2, 0:3, 1:3)

Sab 17.03  Fribourg – SC Bern   2:4 (1:1|1:2|0:1)
Mar 20.03  SC Bern – Fribourg   3:2 SO (1:0|0:2|1:0|1:0)
Gio 22.03  Fribourg – SC Bern   1:6 (0:2|0:1|1:3)
Sab 24.03  SC Bern – Fribourg   1:2 SO (1:1|0:0|0:0|0:1)

www.scb.ch

Il Berna parte bene nella serie vincendo i primi tre incontri, ma viene poi “stoppato” in gara 4 alla PostFinance Arena. Ora i capitolini anno a disposizione tre “match point” per tornare a disputare quella finale che due anni fa gli regalò il titolo.

In gara 2, in una PostFinance Arena come sempre ricolma di spettatori (ancora una volta sold out), il Berna passa subito in vantaggio a 6’52” grazie ad una rete di Pascal Berger. L’incontro dei capitolini sembra quindi partire subito in discesa, ma i fribourgeois sono in grado di ribaltare il risultato nel secondo drittel con le marcature di Christian Dubé (a 26’02”) e Romain Loeffel (a 33’39”). Saranno quindi gli Orsi a dover inseguire, riusciranno nel loro intento a 47’56” con la rete di Beat Gerber che porterà la le squadre all’overtime e poi ai penality, che si concluderanno a favore dei padroni di casa.

Ci si aspetterebbe un cambio di rotta per gara 3, ma il Friburgo non ci riesce e, anzi, viene “asfaltato” dagli Orsi. I capitolini vanno in rete per cinque volte consecutive (Joel Kwiatkowski a 2’34”, Byron Ritchie a 4’22” in power play, Caryl Neuenschwander a 27’34”, Etienne Froidevaux a 43’07” e Joël Vermin a 47:49) prima che i padroni di casa riescano andare a segno con Michael Knoepfli (a 58’15”). Ma l’incontro volge ormai al termine e c’è tempo solo per la sesta marcatura del Berna che giunge a 58 secondi dal termine ad opera di Ivo Rüthemann.

Nei primi dieci minuti si infiamma subito gara 4 con il vantaggio del Berna a 06’23” realizzato da Jean-Pierre Dumont e il pareggio in shot hand di Tristan Vauclair (a 08’05”). I 17131 spettatori di Berna si aspettano quindi una gara ricca di marcature, ma ciò non avviene: le reti rimangono inviolate sino all’ottantesimo minuto. Si decide quindi tutto ai penality dove i veri protagonisti sono stati i golie: il friborghese Huet mantiene intonsa la sua rete, mentre l’orso Bührer subisce la rete della sconfitta per mano del suo ex-compagno di squadra Simon Gamache.

 

Playout – Secondo Turno

 

Genève – Ambri-Piotta   4:0 (1:0, 2:0, 3:0, 4:0)

Sab 17.03  Genève – Ambri-Piotta   6:3 (1:1|3:1|2:1)
Mar 20.03  Ambri-Piotta – Genève   2:3 OT (0:1|2:0|0:1|0:1)
Gio 22.03  Genève – Ambri-Piotta   4:0 (1:0|2:0|1:0)
Sab 24.03  Ambri-Piotta – Genève   2:3 SO (0:0|1:1|1:1|0:1)

www.gshc.ch

La brutta stagione dell’Ambrì, cominciata quest’estate con i “problemi” economici, prosegue nel peggiore dei modi. I Leventinesi sono costretti a dover disputare lo spareggio per non retrocedere nella serie cadetta. L’avversario non è ancora noto in quanto la finale LNB tra Losanna e Langenthal è ancora in corso. Dopo un primo turno di playout “mal giocato” il Ginevra gioisce per la salvezza, anche se è ormai lontano il ricordo della finale giocata due anni or sono contro il Berna.

L’Ambrì sembra reagire in gara 2. Sebbene il Ginevra passi in vantaggio allo scoccare del decimo minuto con una rete di Petr Vampola in doppia superiorità numerica, l’Ambrì non demorde e in apertura di secondo periodo ribalta il risultato grazie alle reti di Julian Walker (a 21’21” in superiorità numerica) e Roman Schlagenhauf (a 24’39”). Giunge poi la rete di Daniel Rubin, che a 54’00” riporta in parità l’incontro, equilibrio che si manterrà sino ala fine dei tempi regolamentari. Il tutto si decide in un lunghissimo overtime che termina solo a 79’48”, quando Morris Trachsler regala la vittoria al Ginevra.

I leventinesi si trovano in seria difficoltà soprattutto dal punto di vista morale, lo dimostrano una gara 3 che si macchia a 25’54” del 5+20 di Adrian Trunz per “coup de crosse” e le quattro reti ginevrine senza che i biancoblù siano riusciti ad andare a segno nemmeno una volta. Gli autori delle marcature sono: Goran Bezina (a 5’17” in power play), Kevin Hecquefeuille (a 27’05”), Rico Fata (a 28’30”) e Kevin Hecquefeuille (59’46”)

Il Servette non si ferma e in gara 4 costringe l’Ambrì allo spareggio con la vincente della LNB. Dopo un primo drittel a reti inviolate, i leventinesi vanno in rete a 27’04” con Paolo Duca (in power play), ma poco dopo sono i ginevrini a fruttare una (doppia) superiorità numerica, andando a segno con Kevin Hecquefeuille (a 30’11”). Nel corso dell’ultimo periodo è poi il Servette ad andare in vantaggio grazie ad una rete di Flurin Randegger a 43’50”, per poi essere “recuperato” dai biancoblù che vanno a segno con Zdenek Kutlak a 52’59”. Si va quindi all’overtime, che si conclude a reti inviolate. Decidono i penality che concedono ai ginevrini le “vacanze” e costringono l’Ambrì allo spareggio per rimanere nella massima serie.

 

LNB – situazione serie Finale

Lausanne HC – SC Langenthal   2 – 3

Tags: ,