Playoff SG1: Milano buona la prima, Appiano sconfitto 4 a 1

170 km ci dividono dallo Stadio Tazzoli di Torino, dove il Milano si è trasferito ancora una volta con tutti i propri i tifosi, causa squalifica dell’Agorà.
Il Milano arriva dalla sconfitta in gara tre di finale di Coppa di Lega con l’Egna, mentre l’Appiano ha travolto il Merano in gara cinque dei quarti di finali.
Miglior attacco contro miglior difesa: è la sintesi di questa semifinale; infatti durante la stagione regolare i Rossoblù sono la squadra che ha subito il minor numero di reti, 84, mentre l’Appiano è il team che ha segnato di più: 174.
Assente nei padroni di casa Pikkarainen, per squalifica, questa è la prima delle due giornate inflitte dal giudice sportivo, e Migliavacca; nei Pirati manca Matthias Eisenstecken.
Coach Da Rin è costretto a ridisegnare le linee difensive: Re-Constant, Lutz- Simpfl e Betti-Latin. Mentre in attacco le linee sono così formate: Caletti-Migliore-Lo Presti, Ansoldi- Klouda-M. Borghi, Mazzacane-Peruzzo-Wunderer.
Pronti via la prima penalità viene fischiata dalla quaterna a Martini al 3.25; il primo pericolo è del Milano con un tiro di Miglliore respinto con il gambale sinistro da Demetz; Wunderer si ripete qualche minuto dopo ma è sempre bravo l’estremo altoatesino a respingere. Al 8.20 vantaggio Rossoblù: scambio Latin e Peruzzo e il tiro di quest’ultimo si infila alla destra di Demetz. Al 13.54 è Lo Presti che raddoppia per il Milano con la propria squadra in superiorità per penalità partita fischiata a Raffeiner.

Il secondo drittrel è all’insegna dei Pirati, che provano subito a pareggiare con un tiro di Campbell ma è bravo Terrazzano a respingere. Al 2.10 è la volta di Lutz ma Demetz non si fa sorprendere.
Gli ospiti premono e creano occasioni a ripetizioni con Platter e Campbell. Al 16.17 contropiede ospite con il duo Loikas-Ebner, il tiro di quest’ultimo viene parato in tuffo dall’estremo milanese. Il finale del tempo si conclude con un tiro di Coleman respinto ancora una volta da Terrazzano e con una penalità fischiata a Re.
Per questo motivo il terzo tempo inizia con un 1.49 di superiorità ospite che non ne approfitano.
Recuperata la parità sul ghiaccio i padroni di casa si rendono pericolosi con lo stesso Re e con Betti.
Al 3.14 viene fischiata una penalità a Migliore e in superiorità i Pirati si rendono pericolosi con Coleman.
L’uomo in più per i Pirati dura poco in quanto al 4.22 viene fischiate penalità a Rottensteiner, e in 4 vs 4 accorciano con T. Ebner.
Subita la rete il Milano si riporta in avanti e al 6.17 Caletti serve da dietro la gabbia avversaria Lutz il cui tiro viene respinto dall’estremo altoatesino. Al 7.13 contropiede in solitaria dei padroni di casa con Wunderer che supera Demetz.
Subito dopo, Caletti serve Lo Presti ma il tiro di quest’ultimo finisce sulla rete esterna alla sinistra di Demetz, che nulla può al 12.34 su Wunderer ben servito in contropiede da Mazzacane e realizza così la seconda rete personale della serata per il 4 a 1 definitivo dei Rossoblù. I tifosi del Milano possono tornare a casa soddisfatti; i 170 km che separano Torino dal capoluogo lombardo si fanno più piacevolmente dopo il risultato di questa sera. Ora la serie si sposta ad Appiano per gara due che si disputerà domenica 11 marzo.
Sopresa nell’altra semifinale con la sconfitta dei padroni di casa dell’Egna superati 1 a 4 da un ottimo Gherdeina.

Milano Rossoblù- HC Appiano 4-1 (2-0, 0-0, 2-1) serie 1-0

Marcatori: Peruzzo 8.20, Lo Presti 13.54 in superiorità, T. Ebner 44.41, Wunderer 47.13, Wunderer 52.34

Tiri: Milano 40, Appiano 30

Penalità: Milano 6 per 12 minuti, Appiano 7 per 35 minuti