36ª A2: Vincono tutte e tre le prime della classifica

di Mosè Begotti

Non cambia nulla nella zona alta della classifica dopo la 36ª giornata del campionato di Serie A2, che si è giocata ieri. Per quanto riguarda invece le parti meno nobili (della classifica si intende..), dopo l’EV Bozen anche il Caldaro da ieri è matematicamente fuori dai playoff, con 22 punti di distanza dalla sesta e solo 6 partite ancora da giocare. Inoltre il Merano, vittorioso proprio contro i Lucci, raggiunge il Pergine in classifica, dopo che i trentini cedono in casa contro il Milano Rossoblu.
Partiamo nel nostro riassunto quindi proprio con la partita di Caldaro, dove i padroni di casa cedono 2-6 di fronte al Merano. Primo periodo equilibrato che si chiude 3-2 per gli ospiti, che per due volte vengono raggiunti dai Lucci. Nel secondo periodo però, prima Braito e poi Leinonen in doppia superiorità numerica portano il match sul 5-2. Nel terzo drittel, il gol di Cainelli – doppietta per lui ieri – a 5 minuti dalla sirena finale definisce il risultato sul 6-2. Tre punti che consentono al Merano di raggiungere in classifica il Pergine, che come già anticipato perdono in casa contro il Milano, che aveva già chiuso il match al secondo minuto del periodo centrale, quando il parziale diventa 4-0 per i lombardi, grazie alle doppiette di Lo Presti e Ansoldi. Le Linci cercano la riscossa e accorciano, prima con Braxenholm e poi con Lino De Toni, ma è Wunderer al 13esimo del terzo drittel a segnare l’ultimo gol per il 5-2 finale. Grazie a questa vittoria, il Milano mantiene inalterato il vantaggio di 5 punti sull’Appiano, che asfalta per 11-1 in casa il povero EV Bozen – 1 gol e 4 assist per Campbell, 4 gol per Loikas. Invariato resta anche la distanza dall’Egna, sempre davanti di 7 punti, in attesa dello scontro diretto di venerdi prossimo all’Agorà. Le Wild Goose ieri hanno sconfitto in casa il Gherdeina, nella partita più interessante della giornata. Primo periodo equilibrato che si chiude sul 2-2, con i padroni di casa due volte raggiunti dalle Furie, prima con Schaafsma che pareggia il gol iniziale di Donati e poi con Rupert che riprende la seconda rete delle Oche Selvagge di Delladio. Nel secondo periodo però l’Egna molla i freni e ne fa 3 nei primi 4 minuti – Peiti, Delladio, Zambaldi – chiudendo di fatto il match. Il Gherdeina però non si arrende e il rientrante Wallemberg riaccende le speranze segnando due gol all’inizio del drittel finale, portando il parziale sul 4-5, ma è Faggioni tuttavia a 4 minuti dalla fine a fare il gol del definitivo 6-4 per l’Egna.

Venerdi prossimo si giocherà la 37ª giornata, seconda dell’ultimo girone di ritorno. Spicca il big match di Milano, dove i Rossoblu ospiteranno l’Egna, per tenere in vita la speranza di chiudere la regular season al comando. L’Appiano non potrà stare solo a guardare, perché lo attende una difficile trasferta in Val Gardena. Altro big match sarà quello di Merano, dove le Aquile attendono il Pergine per giocarsi il quinto posto. Chiuderà la giornata la sfida tra le due escluse dai playoff, ovvero EV Bozen – Caldaro.

Risultati
36ª giornata , 29 gennaio 2012
Appiano – EV Bozen 11-1
Egna – Gherdeina 6-4
Pergine – Milano 2-5
Caldaro – Merano 2-6

Classifica di Serie A2
1. Egna Riwega 84
2. Milano Rossoblu 77
3. Appiano Sparer Ponteggi 72
4. HC Gherdeina 56
5. Pergine Solarplus 50
6. Merano Nils 50
7. Caldaro Rothoblaas 28
8. EV Bozen Mirò Dental 15

Prossimo turno
37ª giornata , 3 febbraio 2012
EV Bozen – Caldaro
Milano – Egna
Merano – Pergine
Gherdeina – Appiano

Tags: