33ª A2: E’ tutta una questione di motivazioni

di Mosè Begotti

Questa 33ª giornata del campionato di Serie A2 ci consente di coniare un nuovo proverbio, ovvero che tira di più un quinto posto che un carro di buoi. Solo così credo sia possibile spiegare la seconda sconfitta consecutiva dell’Egna, che dopo aver perso in casa domenica scorsa all’overtime contro il Pergine, questa volta si fa sorprendere in casa del Merano. In base al regolamento del campionato, nel primo turno dei playoff la quinta in classifica affronterà la quarta, presumibilmente il Gardena, mentre la sesta contenderà l’accesso alle semifinali con la terza (Appiano?): visti i risultati della stagione, è evidente come il Gardena faccia meno paura al duo Pergine – Merano e questo fattore spinge le due rivali a risultati impensabili qualche settimana fa. Partiamo proprio dal risultato di Merano, dove i padroni di casa sconfiggono l’Egna 3-2. Oltre 600 spettatori alla MeranArena assistono alla partita in cui le Wild Goose cercano un pronto riscatto dopo la già citata sconfitta di domenica scorsa. Invece accade il contrario, con il Merano che dopo 11 minuti è già sopra di due gol, grazie alle reti di Schenk e Massimo Ansoldi. Realizzando il doppio dei tiri in porta, l’Egna cerca di recuperare la partita, ma dopo un secondo periodo a gabbie inviolate, dopo pochi secondi dall’inizio del terzo drittel, il finlandese Lofman, in prova fino a fine gennaio, segna per la seconda partita consecutiva e porta il risultato sul 3-0. A nulla servono i due successivi gol di Donati e Peiti, se non ad accorciare le distanze fino al 3-2 finale per le aquile. Con questo risultato il Merano resta al sesto posto in classifica, ma si mantiene a 4 punti di distanza dal Pergine, che intanto batte in casa 4-1 l’EV Bozen, che resiste per due periodi, ma poi cede di schianto nell’ultimo drittel incassando 3 gol in 9 minuti. In vetta alla classifica, all’Egna restano invece solo 4 punti di vantaggio sul Milano, corsaro a Selva contro il Gherdeina, ma ben 9 sull’Appiano che vince per 4-1 il derby contro il Caldaro in casa dei Lucci, con Peter Campbell autore del primo gol in doppia superiorità numerica all’undicesimo del primo drittel. Chiudiamo il nostro recap con il big match della serata, quelllo tra Gherdeina e Milano Rossoblu. I Meneghini sono al gran completo, mentre tra i padroni di casa spicca l’ assenza del topscorer Wallenberg, oltre a quelle di Spinell, Vinatzer, Rampazzo e Pitschieler. 750 spettatori per la sfida tra le squadre più blasonate della A2. Molte penalità e tanto equilibrio nel primo drittel che si chiude 3-2 per gli ospiti, con gol di Schaafsma e Eastman per i padroni di casa, mentre per i Rossoblu segnano Constant, Wunderer e Klouda. Nel periodo centrale, il Gherdeina si fa maggiormente vedere dalle parti di Terrazzano, ma è ancora il Milano a segnare con Betti, per la seconda volta in gol in questa stagione. Nel terzo drittel i lombardi dilagano e segnano altri 3 gol, con Peruzzo, Lo Presti e Mazzacane, mentre il gol di Kevin Senoner serve solo a fissare il risultato sul 7-3 finale, quinta vittoria su 5 del Milano contro le Furie. Nonostante la sconfitta, il Gherdeina resta saldo al quarto posto in classifica, ma i punti di vantaggio sul Pergine sono ora solo 7. I gardenesi tuttavia avranno la possibilità di incrementare il vantaggio già domenica, nel recupero della 32ª giornata, andando a sfidare l’EV Bozen. Il prossimo turno invece, 34ª giornata, si giocherà mercoledi sera. Il big match sarà la sfida di alta classifica tra Egna e Appiano: l’Egna non può più sbagliare per non rischiare di perdere la testa della classifica, mentre l’Appiano non può perdere se non vuole allontanarsi definitivamente dalla lotta per le prima due posizioni. Il Milano se la vedrà in casa contro l’EV Bozen e non potrà permettersi alcuna distrazione. I bolzanini non schiereranno il gigante Richard Sechny, che ieri ha giocato l’ultima partita prima di rientrare in Slovacchia. Interessante sarà anche la sfida tra Merano e Gherdeina, dove i padroni di casa saranno senz’altro motivatissimi a non lasciare scappare il Pergine, che intanto ospiterà il Caldaro.

Risultati
33ª giornata , 20 gennaio 2012
Gherdeina – Milano 3-7
Caldaro – Appiano 1-4
Pergine – EV Bozen 4-1
Merano – Egna 3-2

Classifica di Serie A2
1. Egna Riwega 75
2. Milano Rossoblu 71
3. Appiano Sparer Ponteggi 66
4. HC Gherdeina 52 (una partita in meno)
5. Pergine Solarplus 45
6. Merano Nils 41
7. Caldaro Rothoblaas 28
8. EV Bozen Mirò Dental 15 (una partita in meno)

Prossimo turno
34ª giornata , 25 gennaio 2012
Merano – Gherdeina
Pergine – Caldaro
Milano – EV Bozen
Egna – Appiano

Tags: