Cortina K.O. Al De Toni; le Civette mettono la freccia

di Federico Xaiz

HC Alleghe Tegola Canadese – SG Cortina Hafro 4-2 (1-0,0-2,3-0)

Nel precedente derby del Falzarego l’Alleghe lottava per agganciare i cugini ampezzani con gli stessi che invece dovevano concretizzare l’allungo per non avere il fiato delle civette sul collo. Per la trentatreesima giornata l’aggancio invece è cosa fatta; Alleghe e Cortina, appaiate a quota 49 punti, lottano entrambe per 3 importantissimi punti verso la conquista del Master Round. Ad uscire vittoriosi dal De Toni sono gli agordini i quali sorpassano in classifica i diretti avversari. Gli scoiattoli ampezzani perdono la quarta posizione a discapito appunto della formazione biancorossa e devono retrocedere ancora fino alla sesta a causa della vittoria messa a segno dall’Asiago nei confronti dei Foxes. Le distanze in classifica restano comunque minime e anche il Pontebba, perdendo in casa con i lupi di Brunico, si riavvicina pericolosamente alla lotta per il terzo ed il quarto posto.

Le compagini si presentano al via al gran completo; solo Michele Zanatta, tra le fila ampezzane, non è della partita.

Il primo drittel offre subito spettacolo ai circa 1200 presenti; in avvio sono gli scoiattoli a farsi vivi in avanti con l’offensiva ampezzana che si deve arrendere alla guardia di Dennis mentre, sull’altro fronte, è Levasseur ad opporsi altrettanto efficacemente ad un’insidiosa conclusione di Hogeboom da distanza ravvicinata. Al 4:20 Isherwood si fa pizzicare in fallo e per le civette si prospettano i primi 120 secondi con l’uomo in più; subito brividi però per la retroguardia di casa con Felicetti e Dingle che approfittano del baricentro avanzato delle civette per ripartire in velocità; il numero 19 biancoazzurro centra il palo alla destra di Adam Dennis. Passato il pericolo l’Alleghe non smentisce la sua ottima percentuale di realizzazione in powerplay aprendo le marcature con Jani Forsstrom il quale, dopo un batti e ribatti innescato dal duetto tra Henrich e Rocco, è lesto ad insaccare con Levasseur stremato dalla mole di tiri ricevuti nel frangente. Dopo il goal del vantaggio biancorosso la partita si fa più viva che mai e, per ben due volte, Henrich e Rocco vanno a sfiorare il raddoppio. Passata la metà frazione altra opportunità sulle stecche biancorosse con Da Tos che smarca l’accorrente Veggiato sulla destra il quale però conclude centralmente da posizione interessantissima. Civette decisamente in palla che vanno a sfiorare nuovamente la realizzazione con l’asse Veggiato–Schutte il quale, liberissimo davanti alla blu, si vede stoppato da Levasseur . Da segnalare nel finale anche una rapida ripartenza di Hennigar il quale si fa tutto il campo in velocità ma, sottorete, fa scivolare il disco da un lato all’altro della gabbia non riuscendo a finalizzare. Alleghe avanti 1 a 0 dunque al termine dei primi 20 minuti.

Nella seconda frazione i ruoli si invertono; gli ampezzani entrano in campo con una grinta tutta nuova mentre le civette sembrano in balia dell’avversario e così, nel giro di 3 minuti, il risultato si ribalta; prima Curtis Fraser approfitta del caos sottoporta per battere il goalie di casa e poi Jan Oberg va a concludere dalla media distanza oltrepassando la linea di porta quel tanto che basta per portare avanti nel punteggio gli scoiattoli. Nei primi 4 minuti di gioco gli scoiattoli si erano resi pericolosi anche con Johansson che, incaricatosi della battuta a tu per tu con Dennis per ben 2 volte, non era stato tanto fortunato quanto i suoi compagni di squadra. La pressione ampezzana comunque non si arresta e Isherwood si rende pericoloso quando, ben servito da Adami, manca il bersaglio a due passi dalla gabbia. Il secondo tempo non ha storia e, l’unica squadra in campo, ci prova ancora nell’ordine con: di nuovo Isherwood il cui tiro-cross si arresta sulla linea di porta, Menei solo contro Dennis e infine Fraser e Hennigar i quali si scambiano il disco da dietroporta e arrivano poi a concludere. L’unica azione di marca alleghese è sulla stecca di Tathinen il quale, con una mezza girata davanti alla gabbia trova l’opposizione del gambale di Levasseur. Cortina che conduce per 2 a 1 a 20 minuti dal termine dopo un secondo tempo di dominio.

Il terzo drittel segna nuovamente un ribaltamento dei ruoli in termini di conduzione del gioco; il primo a mettersi in mostra è Hogeboom il quale si fa mazzo campo da solo, salta due avversari ma non trova la mira giusta per battere Levasseur. Ci pensa ancora il powerplay dunque a rimettere in corsa le civette; i 2 minuti sono ormai passati ma, quando le porte della panca puniti si riaprono, Jani Forsstrom mette a segno la doppietta personale raccogliendo il rebound seguito ad una botta di Tathinen; di nuovo equilibrio al 43:24. Il Cortina continua però a raccogliere penalità e nuovamente le civette colgono l’occasione per sorpassare con l’uomo in più; in 5 contro 3 è Greg Hogeboom ad indovinare la conclusione vincente facendo partire un missile rasoghiaccio dalla blu che passa tra i gambali del goalie ospite. Le civette sembrano aver trovato la carica di inizio partita e continuano a mettere sotto pressione J.P. Levasseur andando anche a trovare la quarta marcatura quando Rocco, partito in 2 contro 1, si incarica della battuta e mette a segno la rete che consolida i margini di vantaggio biancorossi. L’Alleghe potrebbe dilagare poi con Forsstrom il quale, servito centralmente da Tathinen, si divora la possibile tripletta. A Ben 2 minuti e 30 secondi dalla fine Mair toglie dai pali il suo golaie titolare per l’extra attacker ma la penalità inflitta a Curtis Fraser costringe gli ampezzani al 5 contro 5 vanificando il tentativo di accorciare e anzi favorendo le ripartenze agordine con Alberto Fontanive che va anche a centrare la traversa a pochi secondi dalla sirena finale.

Nella prossima giornata di Regualr Season l’Alleghe andrà a far visita alla sempre più capolista Valpusteria in un match che dovrà mettere in chiaro le potenzialità e la fame di vittoria della squadra biancorossa contro un avversario in serie positiva da sette incontri. Gli scoiattoli riceveranno invece l’Asiago, fresco di vittoria contro il Bolzano, in uno scontro diretto per la qualificazione al Master Round.

Marcatori: 1-0 PP Jani Forsstrom (6:19) (Vincent Rocco, Daniele Veggiato), 1-1 PP Curtis Fraser (22:20) (Mark Isherwood, Rob Hennigar), 1-2 Jan Oberg (23:30) (Christian Menardi, Francesco Adami), 2-2 Jani Forsstrom (43:24) (Markku Tahtinen, Manuel De Toni), 3-2 PP2 Greg Hogeboom (48:40) (Mike Card, Adam Henrich), 4-2 Vincent Rocco (56:18) (Manuel De Toni, Jani Forsstrom)