31ª A2: Sconfitte a sorpresa per Milano e Appiano. Egna in fuga solitaria.

di Mosè Begotti

Nell’hockey, come nella vita del resto, le motivazioni sono alla base di ogni successo. Ieri sera, 31ª giornata del campionato di Serie A2, Pergine e Merano, in lotta per il quinto posto, erano probabilmente molto più motivate di Milano e Bolzano, rispettivamente seconda e terza in classifica, ormai troppo lontane dalla capolista Egna per sperare di vincere la regular season. Partiamo nel nostro riassunto proprio dalle Wild Goose, che sono andate a vincere a Bolzano per 9-4 contro l’EV. Ben poca storia in questo testacoda, giocato davanti a 89 spettatori, in cui, dopo cinque minuti, le Oche Selvagge erano già avanti 2-0, con gol di Sullmann e Donati. Annotiamo quindi solo il ritorno in pista di Domenico Perna – 2 assist per l’italocanadese ieri – i 4 punti di Peiti e Sullman dalla parte della capolista e i 2 gol e 1 assist per il gigante Sechny per l’EV Bozen.

Con questa vittoria, l’Egna incrementa a 9 i punti di vantaggio sul Milano, che ieri ha perso all’overtime 2-3 contro il Merano. Questa è stata la quarta sconfitta stagionale dei lombardi contro le Aquile, la terza su tre incontri sulla riva del Passirio. I Rossoblu, reduci dalla sconfitta della WuerthArena e privi solo di Caletti in attacco, sono andati due volte in vantaggio – con Francesco Borghi nel primo periodo, rimontato da Braito nel secondo, e al settimo del terzo drittel con Peruzzo raggiunto tre minuti dopo da Leinonen. Il neoacquisto finlandese del Merano regalerà poi una bella gioia ai quasi 400 della Meranarena, segnando il gol decisivo dopo poco più di un minuto dall’inizio dell’overtime.

Ma se Milano piange, Appiano di certo non ride, visto che si fa rimontare da 3-1 a dieci minuti dalla fine dell’incontro a 4-3 dal Pergine, supermotivato a difendere il quinto posto in classifica (pareggio siglato da Braxenholm al 19:59 del terzo periodo, gol decisivo di Lino de Toni al 42” dell’overtime). Grazie a questo successo insperato, le Linci restano quinte in classifica con due punti di vantaggio sul Merano, mentre l’Appiano resta a 5 punti dal Milano: ci sono ancora due scontri diretti da giocare tra Pirati e Rossoblu e ci sarà ancora molto da commentare sulla lotta per il secondo posto.

 L’ultimo incontro di ieri era quello di Selva, dove il Gherdeina padrone di casa ha liquidato per 7-4 un Caldaro nervoso, soprattutto nel primo drittel, quando ha raccolto ben 28 minuti di penalità. Spiccano i 6 punti di Wallenberg, 3 gol e 3 assist, che portano l’attaccante svedese a 1 solo punto da Perna, al secondo posto nella classifica dei topscorer. Ennesima prova d’appello fallita dai Lucci, ora a ben 10 punti dall’ultimo posto valido per l’ingresso ai playoff. Gardenesi invece sempre saldi al quarto posto. Domenica si giocherà la 32ª giornata: le prime tre della classe giocheranno in casa, rispettivamente contro Pergine, Caldaro e Merano. Il quarto incontro, quello che vedrà di fronte EV Bozen e Gherdeina, è stato invece rimandato di una settimana a causa della finale di Coppa Italia, che si giocherà contemporaneamente a Bolzano. In un altro stadio, con altre squadre coinvolte. Ma la vita è bella perché è piena di sorprese..

Risultati
31ª giornata , 13 gennaio 2012
Ev Bozen – Egna 4-9
Pergine – Appiano 4-3 (OT)
Gherdeina – Caldaro 7-4
Merano – Milano 3-2 (OT)

Classifica di Serie A2
1. Egna Riwega 74
2. Milano Rossoblu 65
3. Appiano Sparer Ponteggi 60
4. HC Gherdeina 52
5. Pergine Solarplus 40
6. Merano Nils 38
7. Caldaro Rothoblaas 28
8. EV Bozen Mirò Dental 15

Prossimo turno
32ª giornata , 15 gennaio 2012
EV Bozen – Gherdeina (rimandata al 22 gennaio)
Milano – Caldaro
Appiano – Merano
Egna – Pergine

Tags: