La Valpe torna alla vittoria

(da hcvalpellice.com) – E dire che era cominciato male questo Valpe-Pontebba: il portierone Steve Valiquette, durante il riscaldamento accusa un risentimento muscolare, “una punta nella gamba” dirà poi Valy, che viene tenuto a riposo per non rischiarlo e preservarlo per la ripresa delle partite il 19/01 dopo la pausa.
Va in gabbia quindi Platé, senza preavviso, e sfodera dal cilindro una partita encomiabile. Come lui, eroe di serata, tutta la Valpe mostra fame, artigli, grinta e denti alle Aquile giunte in valle. Entusiasma fin dai primi minuti il nuovo “dread-wing” Dickenson, che duetta con Nikiforuk a meraviglia scardinando la retroguardia friulana e aprendo varchi per un rinato Bembridge. Tutte le linee pattinano al massimo in ogni caso: gran lavoro di fore-checking, la Valpe gioca finalmente “alta”, non lasciando troppi spazi agli avversari, proteggendo il portiere, e ritrovando la “retta via” in difesa rispetto alla debacle di Vipiteno.

Grande guida, motivatore ed esempio è poi Valy dalla panchina, ove si scorge con la sua mole spronare, incitare, esultare per ogni goal ed assumere un ruolo determinante anche fuori ghiaccio come ci si aspetta da un giocatore della sua esperienza. La Valpe pattina e gioca con intensità per 3 tempi, e passano appena 2′ che già si è avanti: in doppio powerplay Johnson scarica su Nikiforuk che dalla blu slappa in porta: 1-0.
Dopo 5′ raddoppio: Desmet lotta nell’angolo, passa a Sirianni che appoggia davanti porta a Frigo e stoccata vincente: 2-0. Tutto troppo facile? Niente affatto: il poker arbitrale sanziona la Valpe con 4 penalità consecutive, e il pari è servito: prima Goebel insacca su batti-e-ribatti davanti a Platé, poi al 14′ Rizzo insacca sul rebound il pareggio.
Il secondo periodo è emozionante: Platé sventa in avvio due volte la rete friulana, e la Valpe sfiora il goal con Sirianni che però la prova video non convaliderà. 28′: il powerplay funziona e se ne accorge Petizian che deve capitolare al 28′ con capitan Johnson che slappa dalla blu e trova il 3-2.
Passa appena un minuto e il Pontebba pareggia: azione di prima Nicoletti-Rigoni-Ihnacak e goal sotto porta.
Si torna all’ingaggio e la Valpe cambia marcia: Kantee per Dickenson che se ne va sulla destra, passaggio nello slot e Nikiforuk insacca: 4-3.
Al 33′ la Valpe fa il 5º: Dickenson semina il panico nella retroguardia pontebbana, passaggio a Nikiforuk (ben 2 goal e 3 assist per Alex stasera! N.d.r.) che libera Bembridge davanti porta che insacca: 5-3.
Il Pontebba non ci sta, e prova a reagire nell’ultima frazione, ma al 50′ la Valpe esce da un penalty-kill molto ben giocato senza lasciare reti agli ospiti che, tuttavia, accorciano le distanze al 51′ con Devergilio che sfrutta una mischia davanti a Platé.
La Valpe non si disunisce, lotta fino all’ultimo, e vede finalmente l’avversario costretto al tipico time-out dell’ultimo minuto e tentare il disperato extra-attacker: non servirà. Dickenson, sospinto dal pubblico di casa che incita il suo nome all’unisono, lotta con stecca e pattini in mezzo a 3 avversari, si libera tenendo il puck, e insacca in empty net il 6-4 che chiude i conti in un urlo liberatorio: la Valpe torna a vincere!
Prossimo impegno dei Bulldogs il 19/01 prossimo, contro il Fassa, alla Scorpion Bay Arena alle 20:30.

HC VALPELLICE Bodino Engineering – HC PONTEBBA 6-4 [2-2; 3-1; 1-1]
Tiri: Valpe 35 – Pontebba 33
Penalità: Valpe 10 – Pontebba 10
Spettatori: 1.670