23ª A2: maledetta domenica per Milano e Appiano

di Mosè Begotti

Ci sono due modi per vivere questo campionato di Serie A2. Ci si può chiedere se 42 partite di regular season non siano troppe per arrivare a un playoff a cui possono partecipare 6 squadre su 8 (probabilmente 7..). Oppure ci si può appassionare per una serie di duelli che finirà solo in primavera. Chi sta vivendo il campionato in questo ultimo modo non può che aver vissuto la 23ª giornata giocata ieri con grande intensità: per la sfida di Milano, dove un cinico Egna ha battuto ai rigori un Milano, falcidiato dalle assenze, generoso ma sprecone; per la vittoria del Gherdeina che negli ultimi due minuti del terzo drittel rimonta due gol all’Appiano e poi lo supera a 5 secondi dalla sirena finale; per l’ EV Bozen che torna a vincere battendo il Caldaro; per il Pergine, che batte il Merano e ora corre addirittura per le posizioni a ridosso del trio di testa, non più esclusivamente per l’ingresso nei playoff.

Andando con ordine, il big match di ieri era la sfida dell’Agorà tra il Milano Rossoblu e l’Egna capolista. Un Milano rimaneggiato per le assenze di Terrazzano, Ansoldi, Constant e Manuel Borghi e che perde nel secondo periodo anche Caletti per infortunio, segna all’inizio di entrambi i drittel, prima con Wunderer e poi con Peruzzo e poi cede progressivamente il campo alle Oche Selvagge, che prima accorciano le distanze con Werner e poi pareggiano a sei minuti dalla fine del terzo drittel con Walter. Finisce ai rigori, dove segna solo l’altoatesino Werner, mentre per il Milano sbagliano Klouda (irritante vedere tanta classe passeggiare per la pista per tutto il match), il nuovo arrivo Pikkarainen (ovviamente non ancora al top e non ancora inserito bene tra gli schemi di Da Rin, ma senz’altro dotato di una pattinata ben al di sopra della media di categoria) e Migliore, che fallisce il pareggio all’ultimo rigore, dopo che un ottimo Della Bella aveva parato il secondo e il terzo tiro dell’Egna. A parte il risultato (l’Egna aumenta il vantaggio a 8 punti sul Milano secondo), restano un grande pubblico (da serie A, anche ieri più di 1000 all’Agorà) e un Milano ancora acerbo per un Egna cinico, cattivo e determinato, che a questo punto non può che essere considerato il favorito per la vittoria finale. Quest’ultima considerazione anche alla luce del risultato dell’Appiano, che nel finale perde testa e partita a Selva contro il Gherdeina. Nonostante la supremazia nel numero dei tiri in porta dei padroni di casa, Appiano in vantaggio di due reti nel primo drittel con Loikas e Platter. Poi la partita scivola via fino al 17:57 del terzo tempo, quando il canadese Schaafsma accorcia la distanze. Negli ultimi trenta secondi del match, gli oltre 700 del Pranives vedono il giovane Rupert Stampfer salire sugli scudi: il giovane, proveniente dal Renon, prima pareggia con l’uomo di movimento in più e poi serve Wallemberg al 19:55 per il definitivo 3-2! L’esultanza del pubblico si è sentita fino a Milano. Con questo risultato i gardenesi si confermano sempre più quarta forza del campionato e lasciano il Merano, che perde in casa 0-2 con il Pergine, dietro a 6 punti. Ora i trentini sono a un solo punto dal Merano e a questo punto il sogno di partecipare ai playoff da matricola comincia a diventare sempre più possibile. Ultimo risultato di giornata è il brutto passo falso del Caldaro che perde 4-3 all’overtime a Bolzano contro l’EV, che torna a vincere un mese dopo l’ultima vittoria (proprio il 18 novembre contro l’Appiano). Questo risultato lascia il Caldaro a 3 punti dal sesto e ultimo posto valido per l’ingresso ai playoff, attualmente occupato dal Pergine.

Ma il campionato è ancora lungo e venerdi prossimo (23 dicembre) si giocherà la ventiquattresima giornata. Incontri casalinghi per il trio di testa: testacoda a Egna dove la capolista affronta l’EV Bozen, Milano in casa con il Merano e Appiano se la vedrà con il Pergine. Chiude il tabellone la sfida tra Caldaro e Gardena, dove gli ospiti avranno l’occasione di allontanare ulteriormente le dirette inseguitrici per il quarto posto.

Risultati
23ª giornata , 18 dicembre 2011
Milano – Egna 2-3 (ai rigori)
Merano – Pergine 0-2
EV Bozen – Caldaro 4-3 (OT)
Gherdeina – Appiano 3-2

Classifica di Serie A2
1. Egna Riwega 54
2. Milano Rossoblu 46
3. Appiano Sparer Ponteggi 45
4. HC Gherdeina 35
5. Merano Nils 29
6. Pergine Solarplus 28
7. Caldaro Rothoblaas 25
8. EV Bozen Mirò Dental 14

Prossimo turno
23ª giornata , 23 dicembre 2011
Milano – Merano
Appiano – Pergine
Egna – EV Bozen
Caldaro – Gherdeina

Tags: