Il Fassa rialza la testa

di Thomas Valeruz

Per la ventiquattresima giornata del massimo campionato di hockey su ghiaccio sotto i lamellari del “Gianmario Scola” si affrontano Val di Fassa e Valpellice, due squadre affamate di punti e arrangiate, causa assenze, nel roster. Nelle fila del Val di Fassa sono assenti, oltre al lungodegente Locatin, Castlunger, Piva, Turon, il neo acquisto Crenko e Vanderveeken, quest’ultimo tagliato dalla dirigenza ladina per scarso rendimento. Nel roster piemontese mancano all’appello Huddy, Regan, Kantee, Frigo e Canale.

Entrambe le formazioni scendono sul ghiaccio molto contratte, per non scoprirsi inutilmente proprio a causa delle linee non perfettamente rodate. Proprio una leggerezza in fase di superiorità numerica del Valpellice permette a Margoni di recuperare un disco d’oro e servirlo a capitan Iori che a tu per tu trafigge Leinonen. Nessuna reazione da parte del Valpellice, che non si scopre e impegna Doyle solo con un tiro di Bembridge. Si va al riposo con il Fassa in vantaggio, ma questo primo tempo ha riservato ben poche emozioni al pubblico dello Scola.

Neanche un minuto dopo che le 2 compagini sono rientrate sul ghiaccio e il Valpellice va di nuovo sotto: azione costruita tra Kell e Snetsinger, con quest’ultimo che trova tutto solo Planchesteiner sul secondo palo e deposita il puck alle spalle del goalie piemontese. Il Val di Fassa assedia letteralmente il terzo avversario riducendo al minimo le sortite offensive della Valpe, e in situazione di powerplay trova il gol del momentaneo 3-0 firmato da Schnabel, con un missile terra-aria che trova impreparato Leinonen. A questo punto la Valpe si sveglia, e dopo pochi secondi accorcia le distanze con un numero da maestro di Sirianni. Superlativo Doyle a proteggere la sua porta da 2 minuti di doppia superiorità numerica.

Negli spogliatoi Ellis deve aver caricato i suoi a dovere, che scendono sul ghiaccio per il terzo periodo col coltello tra i denti e assediano Doyle, che risponde sempre presente e non permette ai piemontesi di accorciare lo svantaggio, e nel momento di massima pressione è il Val di Fassa a trovare il gol, con Margoni al 10,02 lesto a mettere a rete un tiro di Sullivan. Val di Fassa a questo punto si accontenta del risultato, il Valpellice non crede nella rimonta e partita che sostanzialmente termina su questa marcatura.

Il Val di Fassa trova una vittoria importante non solo per i 3 punti ma soprattutto per il morale, dopo due sconfitte consecutive.

HC VAL DI FASSA – HC VALPELLICE 4-1 (1-0; 2-1; 1-0)
Marcatori: 1:0 Diego Iori (14.40), 2:0 Luca Planchesteiner (20.48), 3:0 Robert Schnabel (31.16), 3:1 Rob Sirianni (31.58), 4:1 Stefano Margoni (50.02)