La Nuova NHL (con uno sguardo al passato)

Di Miki Faella

Svolta nel mondo targato NHL. Dopo un incontro tra i presidenti dei team e la lega nordamericana è stato approvato una sorta di riallineamento geografico per le rispettive squadre andando essenzialmente ad eliminare le attuali 6 Division per creare 4 nuove Conference.
Ma procediamo con ordine. Una prima sorta di variazione era necessaria dopo la relocation del team di Atlanta in quel di Winnipeg che attualmente continua a militare nella Southest Division con conseguente “spostamento” per la stagione ventura nella Western Conference. Sin dai primi momenti si paventava l’opzione del trasferimento di qualche altra franchigia al posto del team del Manitoba (rumors o meno volevano Detroit) ma si è materializzata questa splendida alternativa e da qui l’effetto domino. I primi a chiedere un sostanziale cambiamento sono stati gli stessi proprietari dato che per molte squadre le trasferte “on the road” nella stessa Conference comportano viaggi massacranti (inclusi attraversamenti di due-tre fusi orari alla volta!) e sfasamenti di orari (principalmente con l’orario del Pacifico) e conseguente calo di “audience” per via di orari bislacchi delle franchigie più coinvolte (ad esempio è stato portato il caso dei Red Wings nei playoff della stagione passata) ma sulla stessa linea erano anche coinvolti altri team come Minnesota e Dallas.

La nuova proposta è praticamente passata all’unanimita ed ora s’attende solamente l’avallo della NHLPA per la nuova soluzione di riallineamento e…vediamo come diventeranno le nuove Conference:

CONFERENCE A  CONFERENCE B  CONFERENCE C CONFERENCE D
ANAHEIM       CHICAGO       BOSTON       CAROLINA
CALGARY       COLUMBUS      BUFFALO      NEW JERSEY
COLORADO      DALLAS        FLORIDA      NY ISLANDERS
EDMONTON      DETROIT       MONTREAL     NY RANGERS
LOS ANGELES   MINNESOTA     OTTAWA       PHILADELPHIA
PHOENIX       NASHVILLE     TAMPA BAY    PITTSBURGH
SAN JOSE      ST.LOUIS      TORONTO      WASHINGTON
VANCOUVER     WINNIPEG

Questo nuovo quadro poi garantirà una bella pianificazione equilibrata delle partite ; nelle Conference con 7 team , le squadre giocano sei volte con i rispettivi team rivali ( tre in casa, tre fuori) per un totale di 36 match inter-divisionali e le restanti 46 partite con le altre squadre della lega equamente divise (23 home 23 @way) mentre nelle Conference con 8 squadre , i team giocano cinque o sei volte in una stagione (a rotazione) per un totale di 38 match inter-divisionali e giocheranno le restanti 44 col medesimo criterio sopra citato (22 home 22@way ) dando agli appassionati la possibilità di vedere tutti i team e tutte le superstar della Lega (un po’ come accadeva fino alla stagione 1997-98). C’è già anche una prima bozza per quanto riguarda la corsa alla Stanley Cup (col medesimo ritorno al passato ma s’attende un ulteriore incontro per rendererla più “accattivante”) dove le prime quattro squadre di ogni Conference si qualificheranno per i playoff con sfide fratricide incrociate (prima contro quarta e seconda contro terza) per poi ritrovarsi al terzo turno con le rispettive vincitrici delle Conference stesse.
Inutile sottolineare che la graditissima novità del 2012-13 ha già riscosso un gran numero di consensi (in primis gli stessi proprietari e lega) e perché no anche gli stessi appassionati che già solo nel guardare le nuove sfide ed incroci che si sono venuti a creare fanno già stropicciare gli occhi (ed aumentare esponenzialmente le già lunghe nottate hockeystiche) per questa nuova ed elettrizzante NHL!