Sfida intensa col Caldaro ma a gioire sono le linci

(com. stampa HC Pergine) – Il Pergine Solarplus vince la sua seconda partita casalinga di fila, dimostrando di essere una squadra dalle mille risorse e che non si da mai per vinta. Bisogna ammettere, tuttavia, che il risultato finale non rende onore alla prestazione del Caldaro Rothoblaas, che nei primi quaranta minuti di gioco aveva giocato alla pari con i padroni di casa. Grazie a questo successo le linci consolidano il sesto posto in classifica, salendo a quota venticinque punti.
 
La gara prendo subito una piega positiva per Bertoldi e compagni: il Pergine Solarplus, infatti, passa in vantaggio con Fabrizio Fontanive, che s’avvia dalla linea rossa e batte Hopfgartner dopo soli sei secondi di gioco. Gli ospiti, seppur colpiti a freddo, rispondono immediatamente,  impegnando Commisso con un paio di conclusioni ravvicinate. Gara avvincente, con gli ospiti che pareggiano al sesto minuto con Hilden, abile ad evitare il portiere ed a depositare il disco in fondo alla gabbia. Le due squadre si fronteggiano a viso aperto, così allo scadere del primo parziale il Caldaro passa in vantaggio con un bolide scagliato da Glira.

 
Secondo tempo a ritmo elevato: al quinto minuto i due portieri si mettono in mostra, respingendo una botta di Barnes ed un tiro di capitan Ambach. Commisso nuovamente chiamato in causa poco dopo, quando intercetta una conclusione di Nichols. Col passare dei minuti i padroni di casa aumentano la pressione: al nono splendido scambio tra Braxenholm e De Toni, ma il numero nove perde l’attimo per concludere. Poco dopo è Piva a mancare l’ultimo tocco davanti alla gabbia altoatesina, mentre risolve d’istinto al tredicesimo Hopfgartner sul tiro di Moren. Il pareggio, nell’aria da qualche minuto, arriva con un’azione personale del canadese Barnes, che aggira la porta e buca il goalie bianconero. La gioia perginese dura poco però perché il Caldaro Rothoblaas trova la terza rete con Ambach, servito da Glira.
 
I ragazzi di Liberatore sfruttano nuovamente una partenza sprint per riequilibrare l’incontro: bastano solamente sedici secondi a De Toni per buttare il disco in fondo al sacco da distanza ravvicinata. Al sesto Commisso conferma la propria bravura, salvando la gabbia dalle conclusioni di Hilden e Gius. Il Pergine Solarplus si porta in vantaggio al tredicesimo con Piva, appostato sul secondo palo. Cinque minuti dopo Mantovani scappa in contropiede, ma da il gambale di Hopfgartner devia il disco. L’attaccante biancorosso si fa perdonare poco dopo, siglando la quinta rete dei padroni di casa, al termine di una prolungata azione nei pressi della gabbia altoatesina. Il Caldaro tenta il tutto per tutto, togliendo il portiere, ma arriva la sesta marcatura perginese con Barnes, che tira dalla propria linea blu nella porta avversaria rimasta sguarnita.
 
Ora il calendario prevede l’insidiosa trasferta in casa del Gardena, una partita dove le linci dovranno confermare le due vittorie casalinghe con un’altra prestazione super.

HC Pergine Solarplus – Caldaro Rothoblaas 6-3 (1-2, 1-1, 4-0)
Marcatori: 1:0 Fabrizio Fontanive (0.06), 1:1 Antti Hilden (6.45), 1:2 Daniel Glira (18.47), 2:2 Troy Barnes (34.33), 2:3 Armin Ambach (35.58), 3:3 Lino De Toni (40.16), 4:3 Stefano Piva (52.53), 5:3 Davide Mantovani (58.26), 6:3 Troy Barnes (59.24)
HC Pergine Solarplus: Thomas Commisso (Daniele Facchinetti); Troy Barnes, Per Braxenholm, Giulio Bosetti, Fabio Rigoni, Lorenzo Casetti; Pontus Morén, Michele Bertoldi, Andrea Bertoldi, Lino De Toni, Fabrizio Fontanive, Andrea Costantino, Alessandro De Polo, Davide Mantovani, Stefano Piva, Riccardo Tombolato, Alberto Virzi, Andrea Meneghini. Allenatore: Marco Liberatore
Caldaro Rothoblaas: Hannes Hopfgartner (Massimo Camin); Donald Nichols, Ladislav Benysek, Leonhard Rainer, Felix Oberrauch, Markus Siller, Lukas Schweigkofler, Daniel Glira, Danny Eliscassis; Armin Ambach, Raphael Andergassen, Antti Hilden, Alex Frei, Braian Belcastro, Patrick Gius, Manuel Gamper, Michael Felderer, Thomas Waldthaler, Alex Obermair. Allenatore: Cory Laylin