Il 60° minuto: il derby californiano ai Kings. Minnesota e Dallas sempre in testa

di Giacomo Tomasi

Minnesota conferma il suo primo posto della division sconfiggendo in casa i Lighting. Il derby californiano se lo aggiudica Los Angeles che supera i suoi avversari di San Josè non solamente nel punteggio ma anche in classifica. Dallas vince in trasferta sul campo di Denver e Nashville ritrova il successo (di misura) a Edmonton.

Tampa Bay – Minnesota 1-3 (0-0; 1-2; 0-1)
Dallas – Colorado 3-1 (1-0; 0-0; 2-1)
Nashville – Edmonton 2-1 (0-1; 1-0; 1-0)
San Josè – Los Angeles 0-2 (0-1; 0-1; 0-0)

San Josè @ Los Angeles 0-2 (0-1; 0-1; 0-0)

Il derby si gioca in un momento in cui la Pacific division ha una classifica molto compatta nelle prime posizioni; San Josè è avanti di appena un punto rispetto ai Kings che giocano coi favori del campo casalingo e del pubblico amico.
In una partita tesa e combattuta come questa è un pasticcio della difesa ospite a spezzare gli equilibri, permettendo a Moreau di portare in vantaggio Los Angeles. Verso la fine del primo tempo gli squali provano a reagire con conclusioni molto pericolose, ma Jonathan Quick oggi dimostra di essere una vera saracinesca.

Nella ripresa arriva il raddoppio dei Kings; un’ azione di pregevole fattura, in 4 contro 4, con bellissimi passaggi fra Mitchell e Gagné, smarca Richards che da distanza ravvicinata deposita il disco in porta.
La terza frazione, pur non essendo caratterizzata da segnature, regala moltissime emozioni; gli Sharks sono alla ricerca del pareggio e Los Angeles vuole chiudere al più presto la partita. Entrambi i portieri si cimentano in ottimi interventi negando la gioia agli attaccanti.
Con 33 parate su altrettanti tiri, il man of the match non può essere altro che Quick.