Penguins e Blackhawks guidano le Conference: l’analisi di tutte le division

EASTERN CONFERENCE

Atlantic, di Emanuele Badessi

Sempre in testa i Penguins che “pareggiano” la settimana con una sconfitta (con gli Sharks) ed una vittoria (con Los Angeles) entrambe agli shutout. Decisivi per la franchigia della Pennsylvania Malkin, autore di 2 reti nel match con S. José, e Chris Kunitz che realizza una rete durante i tempi regolamentari e soprattutto il rigore decisivo contro i Kings. Seconda piazza alle spalle dei Pens sempre appannaggio dei Flyers di Jagr: per loro 2 vittorie, in apertura e chiusura di settimana, intervallate dalla sconfitta nella gara interna all’ Atlantic Division, contro i Devils (match che si decide agli shutout); sugli scudi per Philly Sean Couturier: per il rookie selezionato in estate 2 reti ed 1 assist nelle 2 vittorie. Al terzo posto i Rangers staccano i Devils grazie alle 3 vittorie messe in carnere contro San Josè, Anaheim (agli shutout) e Montréal; decisivo, come gli capita spesso da quando porta la “C” sul petto, Ryan Callahan con 3 reti ed 1 assist. Proprio i Devils occupano la quarta piazza in virtù di 2 vittorie (con Philadelphia agli shutout e Winnipeg all’ overtime) ed una sconfitta (contro i Leafs); per i Devils 3 reti e 2 assit per Henrique. Fanalino di coda rimangono sempre gli Islanders che mettono in carniere una secca sconfitta casalinga contro Winnipeg (3-0 il finale al Nassau Coliseum) ed una prestigiosa affermazione, sempre davanti ai propri tifosi, contro i Capitals di Ovechkin; in evidenza per la franchigia di Long Island PA Parenteau autore di 1 gol e 3 assist.

Classifica: PIT 21, PHI 18, NYR 15, NJD 13, NYI 10

Northeast, di Luca Tommasini

Classifica invariata nella Northeast Division. Continuano a guidarla infatti i Toronto Maple Leafs (9-4-1) con 19 punti: in questa settimana i Leafs hanno centrato due vittorie e altrettante sconfitte. Prima una sconfitta a Ottawa (2-3), poi due W in trasferta, in casa dei Devils (5-3) e a Columbus (4-1), infine una bruttissima sconfitta casalinga contro Boston (7-0). Phil Kessel ancora mattatore sia della sua squadra che della Lega, con 21 punti in 14 partite (10+11).
Dietro troviamo poi i Buffalo Sabres (8-5-0) con 16 punti: nelle tre partite di questa settimana, dopo essere caduti in casa contro Philadelphia (3-2), i Sabres hanno raccolto 4 punti nelle due partite successive, vincendo prima in casa contro i Flames (1-2), poi in Canada a Ottawa (3-2 SO). Thomas Vanek è alla guida della classifica top scorer con 16 punti (8+8).
Alla ruota dei Sabres, con 15 punti ci sono gli Ottawa Senators (7-7-1): settimana decisamente no per i Sens, che pure avevano centro la sesta vittoria consecutiva vincendo domenica contro Toronto. Poi però sono giunte tre sconfitte di fila: a Boston la prima (3-5), in casa contro Montreal la seconda (2-1) e contro Buffalo ai rigori la terza (3-2). Il solito Jason Spezza guida la squadra con 15 punti (6+9).
Con 12 punti ecco i Montreal Canadiens (5-6-2): solo due partite questa settimana per gli Habs, nelle quali hanno raccolto una vittoria a Ottawa e una sconfitta in casa dei Rangers (3-5). L’attacco di Montreal è sempre affidato a Tomas Plekanec, che con 12 punti (4+8) guida le stats dei top scorer.
Infine, con 10 punti ma solo 12 partite giocate, troviamo i Boston Bruins (5-7-0): i campioni in carica sembra stiano iniziando a carburare, grazie alle due vittorie di questa settimana. Il fattore importante è che le due W ottenute sono scaturite da due ottime prestazione, che hanno portato i Bruins a vincere prima in casa contro Ottawa e poi sbancare Toronto con un inequivocabile 7-0, frutto soprattutto dell’hat-trick di Tyler Seguin. E’ proprio il canadese classe 1992 a guidare la sua squadra con 14 punti (7+7).
Classifica: TOR 19; BUF 16; OTT 15; MTL 12; BOS 10

Southeast, di Nicola Tosin
Sono passati 7 giorni e i ruoli sono rimasti invariati.
Settimana tutto sommato positiva per i Washington Capitals. Se tralasciamo la sconfitta della scorsa notte in casa degli Islanders, per 5-3, nella serata di venerdì è arrivata la convincente vittoria, per 5-1, in casa degli Hurricanes. La settimana era iniziata con la vittoria casalinga contro i Ducks all’OT, dopo aver ribaltato un 3-0 iniziale.
La seconda piazza continua a non avere un singolo proprietario. A parimerito, per il secondo fine settimana consecutivo, Florida Panthers e Tampa Bay Lightning. Per i primi, 2 sconfitte casalinghe agli SO, contro i Jets (4-3) e i Blackhawks (3-2). Per LeCavalier & Co, una sconfitta in casa degli Hurricanes (4-2) e una vittoria casalinga per 5-4, all’overtime, contro i ragazzi capitanati da Jonathan Toews.
Quarta piazza per i Carolina Hurricanes. Le uniche partite disputate, ambedue casalinghe, sono state quelle già citate contro le compagini rappresentanti Washington e Tampa. Raccolta punti contro i secondi e disfatta contro i primi.
In ultima posizione troviamo sempre i Winnipeg Jets. Settimana molto positiva per i canadesi, che dopo aver espugnato la dimora dei Panthers in data 31 Ottobre, il 3 Novembre sono riusciti ad espugnare il Nassau Coliseum di New York. Un netto 3-0 ai danni degli Islanders, prima del punto raccolto ieri in casa dei Devils (sconfitta per 3-2 all’OT).
Classifica : WAS 18; FLO 14; TBL 14; CAR 13; WIN 12

_____________________________

WESTERN CONFERENCE

Northwest, di Miki Faella

Per la seconda settimana consecutiva in vetta troviamo gli Edmonton Oilers (8-3-2) che continuano il loro buon momento di forma con Smyth e Nugent-Hopkins sugli scudi (entrambi con 6+6) vincendo tra le mura domestiche contro St.Louis e poi iniziano nel miglior dei modi il loro road trip espugnando lo Staples Center di L.A. contro i Kings col solito eterno Khabibulin (per lui 0.98 GAA a partita 96,3% di parate) a chiudere la saracinesca mentre a Phoenix rallentano ed interrompono la propria striscia vincente. In bello spolvero anche i Minnesota Wild (7-3-3) che beneficiano dello strepitoso apporto del backup Harding (para col 96,5%!) vincendo tutte le partite della settimana. Prima ai prolungamenti a Detroit , poi imbarazzano in casa i Canucks con uno straripante Cullen (guida assieme ai vari Koivu e Co.la truppa con 8pt.) e chiudono i conti con St.Louis stanotte. I Colorado Avalanche (7-5-1) dopo aver perso la testa della division restano sempre un team dai mille volti : se contro i Kings tirano col contagocce e vincono , contro i Coyotes steccano trovando solo una rete a fronte di 40 tiri e se ritrovano invece la via del goal contro gli Stars (Duchene hat-trick e leader con 5+5) , ci pensa Varlamov a raccogliere 7 puck nella sua porta. I Vancouver Canucks (6-7-1) restano lontani parenti della splendida squadra dell’anno passato ; se nel derby canadese contro i Flames vincono e convincono , fanno da contraltare i match contro i Wild ed i Blues a cui non bastano i soliti Sedin (Daniel 5+10 ,Henrik lo segue con una rete in meno) ma con un Rob Luongo ancora al di sotto della sufficienza. Chiudono ancora una una volta la classifica di division i Calgary Flames (5-6-1) che dopo le 5 sberle dei Canucks volano a MoTown per prendersi una bella vittoria (Iginla mattatore e Tanguay a guidare le fiamme con 3+7) mentre a Buffalo non basta un super Karlsson (42 sv!) se l’attacco non gira bene.
Classifica: EDM 18 ; MIN 17 ; COL 15 ; VAN 13 CGY 11

Central, di Giacomo Tomasi

Le posizioni in classifica rimangono inalterate rispetto allo scorso week end. A guidare è Chicago (8-2-3) che, durante questa settimana ha deciso tutte le sue gare almeno agli overtime, totalizzando, grazie ai trascinatori Kane Sharp e Hossa, 5 punti su 6 disponibili; vittorie contro Nashville e Florida, sconfitta con Tampa Bay. Il ruolino di marcia non è male, ma forse sarebbe meno stressante provare a chiudere le partite nei tempi regolamentari.
Serie positiva anche per Nashville che si porta a 16 punti, a 3 dalla vetta. I successi contro Phoenix e San Josè fanno morale, peccato solo per aver perso l’ occasione di fermare la diretta concorrente Chicago. I Predators negli ultimi 5 match hanno realizzato 9 punti, si spera per loro che continuino in questa maniera.
Al terzo posto troviamo Detroit; i Red Wings non vincevano da 6 partite consecutive, l’ ultima gloria risale al 22 ottobre, poi, dopo la pesante sconfitta contro Washington non si sono più ripresi. Il netto successo della scorsa notte contro i Ducks grazie alle reti tutte svedesi, potrebbe essere un segnale verso la rinascita. Ma che l’uomo con più punti e con più goal sia il quarantenne difensore Nicklas Lidström, è un dato che dovrebbe far riflettere molto gli attaccanti in maglia rossa.
La quarta posizione è occupata da St.Louis che si trova a 12 punti. Dallo scorso week end ha vinto una volta sola in 3 confronti; 2 punti a settimana forse sono troppo pochi per rimanere in scia con le altre (soprattutto se i Red Wings cambieranno marcia). Il match di martedì contro Chicago è una buona occasione per provare ad accorciare un po’ la classifica.
Columbus dimostra di tenerci molto a essere ultima in tutte le classifiche, sia in quella di division, sia in quella conference, sia in quella di lega; il distacco dalla penultima è anche abbastanza considerevole. Le 2 vittorie in 14 partite parlano molto chiaro.
Classifica: CHI 19; NSH 16; DET 13; STL 12; CBJ 5

Pacific, di Giuseppe Poli

I Dallas vincono contro Avalanche all’overtime, grazie alla rete realizzata da Eriksson L. in superiorità, l’unica partita disputata questa settimana e mantengono la testa della Division con 18 punti.
Alle sue spalle c’è battaglia per il secondo posto con 4 squadre racchiuse in soli 3 punti.
Al momento il secondo posto è occupato da Phoenix con 16 punti, grazie alle due vittorie, Oilers e Avalanche, e una sola sconfitta Predators.
Terzo posto per la coppia Kings e Sharks a 14 punti.
I Los Angeles questa settimana hanno perso tutte le loro tre partite, Avalanche, Oilers e Penguins. Ottima la prestazione nell’ultima giornata capaci di portare la squadra di Pittsburgh fino ai rigori.
Anche la settimana di San Josè non è stata delle migliori: due sconfitte con Rangers e Predators all’overtime e una sola vittoria contro i Penguins ai rigori grazie al penalty decisivo di Clowe.
Ultimo posto in classifica della Division per i Ducks a 13 punti e tre sconfitte questa settimana con Blue Jackets, Capitals e Red Wings.
Per quanto riguarda la classifica marcatori del girone vede al primo posto Kopitar dei Kings con 16 punti, al secondo Pavelski, Sharks, con 15 punti e al terzo posto Whitney, Coyotes, e Selanne, Ducks, con 14 punti.
Classifica: DAL 18, PHX 16, SJS e LAK 15, ANA 13

(Fonte foto : nhl.com)