Il 60° Minuto: Chicago-Tampa nel segno di Sharp e Stamkos

Sei le gare andate in scena nel Friday Night d’oltreoceano; seconda vittoria per Washington con i Caps che espugnano l’ RBC Center di Raleigh con un sonoro 5-1. Continua la risalita degli Habs che infilano la quarta vittoria consecutiva e arrivano a -1 proprio dagli Hurricanes (ma con una partita in meno giocata). Spettacolo e gol nei match di Tampa e Dallas con i Bolts che si aggiudicano la sfida con Chicago all’ overtime nel segno di Stamkos e Dallas che porta a casa i 2 punti nella sfida casalinga contro gli Avalanche (anche qui si decide tutto all’overtime) nonostante l’ hat trick di Duchene.

I Risultati:

Washington@Carolina 5-1 (0-1; 2-0; 3-0)
Calgary@Buffalo 1-2 (0-1; 0-0; 1-1)
Montreal@Ottawa 2-1 (0-0; 2-0; 0-1)
Chicago@Tampa 4-5 OT (0-0; 4-4; 0-0; 0-1 OT)
Vancouver@St.Louis 2-3 (1-1; 0-1; 1-1)

Colorado@Dallas 6-7 OT (2-0; 2-4; 2-2; 0-1 OT)

Chicago@Tampa 4-5 OT (0-0; 4-4; 0-0; 0-1 OT)

Al St. Pete Times Forum succede tutto nel periodo centrale; difatti sia la prima che l’ ultima frazione si chiudono con il tabellino intonso grazie alle prove maiuscole di Emerye Roloson. Soprattutto nella prima frazione a brillare è il goalie canadese di Tampa, capace di fermare tutti e 15 i tiri tentati dai Blackhawks. I secondi 20 minuti sono un concentrato di emozioni con 6 reti in meno di 7 minuti e mezzo; a dare il via alle danze è Stamkos (Malone-Bergeron) che impiega appena 15″ a mettere il disco alle spalle di Emery. La reazione di Chicago arriva immediata con la linea Sharp-Toews-Kane in Power Play con il primo che sfrutta un passaggio di backhand di Toews e trafigge Roloson. I padroni di casa non ci stanno assolutamente e tornano a mettere la freccia con Connolly (St.Louis-Lecavalier); anche in questo caso però la festa non dura molto ed infatti in poco più di 2 minuti e mezzo i Blackhawks prima rimettono il match in equilibrio grazie a Marian Hossa e poi prendono il largo con le reti di Carcillo e ancora Patrick Sharp. I Bolts però non sembrano accusare il colpo ed anzi Stamkos sale in cattedra e tra l’11’45” e il 19’27” (in quest’ultima occasione in Power Play) mette in carniere l’ Hat Trick personale e, cosa più importante, rimette in partita la squadra di casa. Il terzo periodo non vede realizzazioni ne da una parte, ne dall’altra ed a decidere tutto è la rete del solito Lecavalier dopo 4’06” di overtime.