Un’hockeista al Grande Fratello: Valeria Molin Pradel

di Marco Depaoli

Perdonateci se in un sito di hockey parliamo di televisione e in particolare del Grande Fratello, popolare reality show televisivo in onda da 12 anni su Canale 5. Questa volta abbiamo un motivo per farlo. Tra i concorrenti della casa quest’anno ci sono due sportivi: un giocatore di rugby e Valeria Molin Pradel, una ragazza che ha il compito di far crollare un po’ di luoghi comuni, sia sulle bionde (benché non sia questo il suo colore naturale) sia, speriamo noi, sull’hockey su ghiaccio specie quello rosa. Valeria infatti è stata tra le giocatrici dei primi anni delle Eagles di Bolzano, quando lo scudetto non era altro che un sogno diventato poi realtà grazie anche alla bolzanina nata nel capoluogo sudtirolese il 13 febbraio 1979. 

Dicembre 1995. Una giovanissima Molin Pradel (a sinistra) assieme alle compagne di squadra Cristina Pilloni, Luana Frasnelli e Karin Bianchini

Prima schierata in attacco e poi in difesa col numero 33, una maglia pesante da portare e Bolzano in quel ruolo, Valeria ha giocato la sua prima stagione in serie A appena 13enne. Siamo nel 1992 e le aquilotte del presidente Pichler sono inserite nel girone orientale dominato dalle agordine pluri campioni Alleghe e Agordo. Sono gli anni di crescita dell’hockey femminile durante i quali è anche possibile vedere in pista, tra le altre, la sciatrice Isolde Kostner. La stagione seguente il ’92/93 la massima serie femminile si unisce e il Bolzano di Molin Pradel è 6° su 8 squadre, davanti a Belluno e Brunico. La dirigenza delle Eagles Ice Team, nella quale è parte attiva papà Loris, fa passi da gigante e nel ’95 il Bolzano è 5°, secondo l’anno successivo e scudettato nel 1997: il primo titolo di 4 consecutivi. La stagione 1997/98 col tricolore sul petto è l’ultima per Valeria, che all’età di soli 19 anni preferisce dedicarsi allo studio, con grande profitto. Ottiene la maturità scientifica e si iscrive a medicina a Verona.
Valeria oggi è alta 170cm per un peso di 56 kg. Il suo punto di forza in serie A era il carattere, tanto da dichiararsi contraria alla regola di tolleranza zero nel femminile per qualsiasi carica in balaustra.

Come tradisce il cognome, Valeria Molin Pradel è originaria di Zoldo (più precisamente Goima), altra culla dell’hockey, famosa in tutto il mondo anche per i gelati. E infatti papà Loris è presidente nazionale dei gelatieri Confartigianato ed è, con mamma Maria Teresa Molin Brosa, titolare della gelateria “Cadore” di Corso Italia a Bolzano. Valeria non è nuova ad avere a che fare con la televisione. A fine 2009 aveva partecipato alla trasmissione «L’Eredità» condotta da Carlo Conti su Rai Uno vincendo la bellezza di 47.500 euro.

________________________________________

freccia dx 2011 Il video dell’ingresso nella casa (da video.mediaset.it)
freccia dx 2011 dalla scheda del Grande Fratello (da grandefratello.mediaset.it)

  • Età: 32
  • Data di nascita: 13 Febbraio 1979
  • Luogo: Bolzano
  • Vive a: Verona / Bolzano
  • Stato civile: nubile
  • Altezza: 170 cm
  • Peso: 56 kg
  • Occhi: verdi
  • Capelli: biondi
  • Segni particolari: 3 piercing: 1 sul naso, 1 sull’orecchio, 1 sull’ombelico. 4 tatuaggi: sul piede dx una frase dei “Queen”: “my soul is painted like the wings of butterfly”, una farfalla, un tribale sul malleolo sx, la lettera “V” sul collo, una luna bianca sulla spalla sx
  • Segno zodiacale: acquario
  • Studi effettuati: maturità scientifica. Studia medicina
  • Lingue conosciute: tedesco, inglese
  • Lavoro: studentessa, nel weekend lavora al Museo Archeologico di Milano
  • Hobby e Sport: pratica pattinaggio e hockey sul ghiaccio. Le sue passioni sono l’enigmistica, i puzzle e la Divina Commedia. Nel tempo libero ama leggere, andare al cinema e a teatro
  • Brillante e sofisticata: Valeria ha trascorso la sua vita a leggere e viaggiare. Tanto brillante da avere un quoziente d’ intelligenza di 160, e per anni è stata socia del Mensa Club che riunisce le persone più intelligenti del mondo.
  • Si definisce: “solare, molto sensibile e generosa, ma anche disordinata e permalosa”.
  • Vive a Verona con la sua coinquilina, ma nel week-end torna a Bolzano dove abitano i suoi genitori, il fratello, il suo cane, due gatti e tantissimi pesci. Gli animali sono una delle sue innumerevoli passioni, in particolare quelli selvatici, per questo ha studiato in America e ha lavorato in un ospedale in Grecia.
  • Di sé racconta: “mi adatto ad ogni situazione, ma sono anche molto suscettibile, se mi fanno arrabbiare non risparmio niente a nessuno”. L’amore per la lettura ha origini lontane: da piccola trascorreva molto tempo a leggere nella cantina-laboratorio della gelateria di famiglia, e anche durante l’adolescenza i libri sono stati la sua “salvezza”. “Ero grassa – racconta – avevo gli occhiali e la forfora, quindi non uscivo di casa. Anche allora mi hanno salvato i libri. Poi hanno inventato lo shampoo antiforfora e le lenti a contatto, così ho iniziato ad uscire e fare molto sport“. E’ allora che Valeria ha conosciuto il suo primo amore, una storia durata 8 anni. In seguito ha avuto una seconda relazione, durata altri 6 anni e finita un anno fa. Oggi è single, ma innamorata: “un’altra persona mi ha rubato il cuore. E’ un amore corrisposto ma impossibile“. Confessa di avere un debole per gli uomini più grandi: “mi piacciono attempati, magri e magari con la pancia e poi mi devono tenere sul piedistallo: voglio essere adorata, altrimenti ne faccio volentieri a meno“.
  • Il suo sogno nel cassetto è diventare chirurgo, il suo motto è “bene o male l’importante è che si parli di me”. Adora il gossip e chiacchierare con le amiche delle loro relazioni. Di giorno Valeria ha un look semplice, di notte: “adoro trasformarmi, indossare tacchi e abiti glitter”.
  • Detesta: “gli ignoranti fieri della loro ignoranza e chi non sa parlare in italiano”.
  • La divertono invece: “i giochi di parole, le burle”.
  • Nella Casa porterebbe l’orso con cui dorme da 31 anni.
  • Partecipa a GF perché: “cerco una via di fuga dal mio amore impossibile”

freccia dx 2011 La partecipazione a “l’Eredità” (da valdizoldo.com)