L’italo-americana Furlani alle Eagles di Bolzano

Hockeytime.net aveva intervistato Chelsea Furlani lo scorso febbraio. Ci avevano incuriosito le sue origini italiane e colpito le sue capacità, motore di traino della seconda squadra di Vienna e punto di riferimento delle giovani compagne, nemmeno poi tanto più giovani di lei.
Chelsea aveva risposto con entusiasmo alle nostre domande e con grande simpatia. Tutte qualità che una società come l’EVB che lavora sodo con i giovani non poteva lasciarsi scappare. Ed ora ecco Chelsea vestita di biancorosso e, chissà, un giorno di azzurro. (m.d.)

__________________________________

(com. stampa EV Bozen 84) – Alla ricerca di un elemento per puntellare la propria squadra femminile l’EVB ha rivolto lo sguardo verso gli Stati Uniti. Con successo: nella stagione al via Chelsea Furlani vestirà la maglia delle Eagles.

L’austriaca Sabrina Stubner che nella passata stagione ha notevolmente contribuito alla conquista del titolo contro il Real Torino segnando due gol nella finalissima, è in dolce attesa per cui la dirigenza dell’EV Bozen si è vista costetta a muoversi in vista di una stagione importante: il 10° titolo per le Eagles e il passaggio del turno nella Coppa dei Campioni sono due obiettivi da centrare, obiettivi che richiedono una squadra con una certa caratura. Il rinforzo è stato trovato negli Stati Uniti, precisamente nello stato del Vermont.

La prescelta si chiama Chelsea Furlani, nata il 18 maggio 1988 a Burlington, Vermont, alta 1,63 m. La scelta è ricaduta su di lei perché già pratica dell’Europa. Infatti, nella stagione scorsa ha giocato in EWHL e nel campionato austriaco con le Vienna Flyers. Il fanalino di coda del campionato transfrontaliero femminile ha trovato in Chelsea Furlani la propria mattatrice. 18 punti in 12 partite, Chelsea ha contribuito per il 78% allo score totale delle austriache. Prima di approdare alle Flyers, Furlani ha giocato per tre stagioni nella prestigiosa lega universitaria NCAA I con le Vermont Catamounts sfoggiando anche la C del capitano. Nella stagione 2009/10 si è iscritta negli annali dell’università di Vermont realizzando 49 punti in 33 partite. Record assoluto. Le sue doti non sono rimaste nascoste fin da subito: primo anno in NCAA e già eletta MVP. Anche questo è un record. Chelsea Furlani, di chiare origini italiane (il nonno è di Fano nelle Marche), è interessata anche a chiedere la cittadinanza italiana. Per lei si potrebbero quindi aprire anche le porte della Nazionale rosa. La statunitense è laureata in sport e scienze motorie e verrà inserita anche nello staff tecnico dell’EV Bozen.
Chelsea Furlani si è dichiarata molto eccitata a venire a giocare nel paese dei suoi avi. Da fanatica dello snowboard e delle camminate in montagna qual’ è in Alto Adige troverà un paradiso.

freccia dx 2011 L’intervista di hockeytime