La rimonta resta incompiuta

(Com. stampa HC Lugano) – Si è chiusa con una sconfitta di misura per 3-2 contro la formazione ceca del Litvinov la prima uscita del Lugano alle Hockeyades di Le Sentier.

I bianconeri hanno faticato alquanto ad entrare in partita, complici forse gli allenamenti dei giorni scorsi. Piuttosto disordinati e talvolta disattenti hanno subìto l’inizio pimpante degli avversari che si sono così portati sul 2-0 dopo dieci minuti.

Vauclair e compagni hanno poi reagito con una buona attitudine anche se la mancanza di fluidità della manovra ha impedito di mettere veramente sotto pressione il Litvinov. Bella la rete dell’1-2 di Hirschi, sicuramente tra i migliori in pista, così come il 2-3 di Bednar ben imbeccato da Kamber, inframmezzato però dal punto dell’1-3.

Nel terzo tempo il Lugano ha dominato territorialmente, ha beneficiato di due superiorità numeriche ma non è più riuscito a trovare la via della rete, neppure senza portiere.

Lo staff tecnico ha lasciato a riposo quattro elementi che giocheranno venerdì contro la Dynamo Minsk: Nummelin, Rintanen e Niedermayer oltre al giovane Kostner.

La gara ha dimostrato che il lavoro da fare per assimilare il sistema voluto dal coach è ancora parecchio.

Sul piano dei singoli, detto di Hirschi, è piaciuto Kienzle. Il terzetto offensivo più produttivo è stato quello dei tre “artisti” Bednar, Kamber e Romy. Spazio con regolarità a otto difensori e dodici attaccanti.

Torneo Les Hockeyades (Le Sentier)

Lugano-Litvinov 2-3 (0-2, 2-1, 0-0)

Lugano: Conz; J. Vauclair, Kienzle; Schlumpf, Nodari; Blatter, Ulmer; Hirschi, Ronchetti; Domenichelli, Sannitz, Steiner; Romy, Kamber, Bednar; Reuille, Conne, Jörg; Profico, Burki, Grassi

Assenti HCL: Aebischer, Nummelin, Rintanen, Niedermayer, Kostner (rotazione), Murray (inf.)

Reti: 2.40 Maxa (Hujsa, Frolik) 0-1, 10.08 Lukes (Hubl, Cernosek, esp. Hirschi) 0-2, 31.00 Hirschi (Kamber, Romy) 1-2, 34.44 Bojer (Kousalik) 1-3, 36.22 Bednar (Kamber, Romy) 2-3.

Penalità: 5 x 2’ contro il Lugano, 7 x 2’ contro il Litvinov

Tags: ,