Ambrì: le parole del presidente Lombardi

Pubblichiamo il discorso che il presidente Lombardi ha tenuto alla presentazione della squadra domenica 31 luglio:

“Giocatori e collaboratori dell’HC Ambrì Piotta, azionisti, sostenitori, partner e sponsor, abbonati delle tribune, tifosi della curva e del rettilineo, Gioventù Bianco Blu e amici dei Fan Club HCAP, ospiti e rappresentanti dei media che accompagnate da anni la magnifica avventura BB, amici ticinesi, svizzeri ed esteri, chers amis qui nous avez rejoint de la Romandie, liebe Freundinnen und Freunde aus der deutschen Schweiz, questa non è una presentazione come le altre. Oggi ci riuniamo dopo alcuni mesi fra i più tormentati della storia dell’Ambrì, ed ho parecchie cose importanti da dirvi, fra cui non meno di cinque buone notizie.

Nello sport come nella vita, bisogna talvolta arrivare fino all’orlo del precipizio per rendersi conto che è il momento di cambiare per non precipitare. A noi – a tutti noi, giocatori e staff sportivo, dirigenti e collaboratori, pubblico della curva e delle tribune – è successo esattamente questo, sabato 9 aprile 2011 qui alla Valascia, alla quinta partita dello spareggio contro il Visp. L’urlo liberatorio della pista ed il folle festeggiamento seguente (neanche avessimo vinto il campionato…) erano l’espressione di una tensione talmente forte e accumulata da troppo tempo, che doveva trovare finalmente sbocco.

Amici biancoblù, da quella esplosione di energia e di passione dobbiamo ripartire per costruire il futuro dell’Ambrì e preparargli un degno 75.mo anniversario!

Questa fortissima energia popolare dev’essere incanalata solo e unicamente come energia positiva, che non ci fa litigare fra di noi per attribuirci colpe o meriti, ma che ci spinge a capire cosa abbiamo sbagliato e dove possiamo migliorare, ma soprattutto che ci dà gli strumenti per reagire insieme e ripartire tutti quanti più forti e determinati che mai, con un cambiamento di mentalità e di attitudine che deve coinvolgere tutti, e che è ancor più importante delle questioni economiche.

Questo ha capito l’Assemblea straordinaria dei nostri azionisti lo scorso 15 maggio, al termine di una stagione catastrofica non solo sul piano sportivo ma anche su quello finanziario. Le tre vie possibili erano chiare:

– o rinnovare e rilanciare il nostro impegno per restare a combattere con dignità e per cercare nuove soddisfazioni in LNA;
– o rassegnarci all’inesorabile declino e alla retrocessione in LNB;
– o ancora decidere subito la dissoluzione della Società anonima, accontentandoci semmai di proseguire l’attività amatoriale in Prima Lega quale semplice associazione.

Mi dispiace che qualcuno abbia voluto vedere in quell’ordine del giorno una semplice provocazione o peggio ancora un tentativo di manipolazione. I fatti nudi e crudi, che qualunque revisore o osservatore neutro potrà confermare, erano e rimangono quelli, e conducono all’unica conclusione logica: in mancanza di un magnate esterno che piova dal cielo – esigendo probabilmente qualcosa, come sta a dimostrare la problematica avventura del Neuchâtel Xamax in campo calcistico – l’HC Ambrì Piotta ha solo questa alternativa: o reagire con le proprie forze, o accettare il declino e a termine probabilmente la liquidazione.

Amiche ed amici BB!

Voi sapete che alla quasi unanimità gli ottocento presenti all’Assemblea di Giornico hanno deciso per il primo scenario, quello della permanenza in LNA e di un vigoroso rilancio del nostro club alla vigilia dei suoi 75 anni. Fuori dalla sala altre centinaia di giovani bianco blu ci chiedevano con forza di non arrenderci, di non lasciar morire l’Ambrì.

Ebbene, non ci siamo arresi! Come vostro presidente sono cosciente del peso di questa decisione, che ci impegna tutti alo massimo delle nostre forze, ma sono fiero di questa reazione di orgoglio e di volontà: la vittoria del 15 maggio è per il futuro dell’Ambrì almeno altrettanto importante di quella del 9 aprile!

Non basta però decidere delle cose, bisogna anche farle. Per questo abbiamo tutti trepidato alcune settimane, non sapendo se l’entusiasmo dell’assemblea si sarebbe tramutato in sostegno concreto e soprattutto rapido, entro la fatidica data del 31 luglio, per permetterci di firmare i documenti richiesti dalla Lega nazionale onde confermare la nostra licenza di gioco per la prossima stagione.

Popolo bianco bl! Questa è la prima buona notizia che oggi voglio darvi: questa mattina il Consiglio d’Amministrazione ha costatato che il primo obiettivo dell’azione decisa dall’Assemblea è stato raggiunto: sommando le donazioni ricevute, gli abbandoni di crediti e le promesse vincolanti per la prossima stagione, abbiamo raggiunto il milione e mezzo che ci eravamo prefissi entro fine luglio. Possiamo quindi firmare i papiri della Lega e accingerci a disputare la stagione 2011-12 in LNA. L’Ambrì ha voluto salvarsi, L’AMBRÌ È’ SALVO !

È un risultato notevole, se pensiamo a tutto quanto già abbiamo chiesto alla nostra gente in questi due anni: ora, in sole dieci settimane non meno di ventimila persone hanno partecipato all’azione di salvataggio, chi per polizza, chi in contanti, chi per SMS, chi rinunciando a un credito che vantava verso il Club, chi impegnandosi in modo vincolante ad un contributo nei prossimi mesi. Ventimila persone: è un numero enorme, che dimostra più di qualunque altro ragionamento l’importanza dell’Ambrì e il vero e profondo attaccamento della gente a questa realtà. A tutti i nostri ventimila sostenitori, che hanno capito lo spirito della valle e ci hanno dato una mano importante in questo momento difficile, un GRAZIE grandissimo e calorosissimo, a tutti un applauso veramente meritato!

Naturalmente l’azione continua: il 15 maggio ci siamo fissati un obbiettivo di tre milioni, per garantire anche il futuro dell’Ambrì. Per raggiungerlo abbiamo tempo fino al termine della prossima stagione, per cui vi chiedo sin d’ora di far buon viso alle richieste e alle proposte che vi arriveranno nei prossimi mesi. E già che ci siamo, vi chiedo di non dimenticare ogni tanto di mandare un SMS al numero 339, con il testo HCAP, uno spazio e una cifra fra 1 e 100, che sono i franchi che siete disposti a versare. Fatelo anche oggi, fatelo regolarmente tutto l’anno, soprattutto fatelo fare ad amici e conoscenti ogni volta che vi capita di parlare di Ambrì, perché l’azione continua! Grazie anche di questo.

C’è una seconda buona notizia che vi voglio dare oggi in anteprima, perché apparirà solo martedì sul Foglio ufficiale: si tratta del secondo aumento di capitale, che abbiamo chiuso avendo raccolto 700 mila franchi di nuovo capitale. È’ un buon risultato, che va ad aggiungersi a quello della raccolta fondi, e che ci dà ancor più sicurezza per il futuro. Il CdA proporrà comunque alla prossima Assemblea ordinaria un terzo aumento, per completare la manovra e raggiungere finalmente gli obbiettivi che ci eravamo prefissi fin dall’inizio. Per intanto, un altro GRAZIE sentito a tutti coloro che hanno partecipato a questo secondo aumento, e un GRAZIE particolare a quegli azionisti storici dell’HCAP che hanno nuovamente aumentato la loro partecipazione.

Amiche ed amici bianco blu, non siamo qui per parlare solo di soldi. Lo potremo fare con più calma all’assemblea ordinaria convocata per il 24 agosto prossimo. Oggi siamo qui per parlare anche di sport, e fra qualche minuto toccherà ai nostri giocatori risvegliare il vostro entusiasmo. A me tocca solo aggiungere due altre grandissime buone notizie sportive alle due che già vi ho dato sul piano finanziario.
La terza buona notizia del giorno riguarda infatti direttamente la nostra squadra: molti non ci volevano credere, ma abbiamo voluto dar seguito alla richiesta del nostro allenatore Kevin Constantine, che chiedeva un minimo di sicurezza di fronte all’esperienza drammatica degli infortuni che hanno distrutto il nostro ultimo campionato. Ebbene sì, l’Ambrì comincerà la stagione con cinque stranieri!
È una scelta ponderata, compatibile con le finanze del Club grazie agli accordi che abbiamo raggiunto con i giocatori interessati, ma necessaria per non trovarci in debito di ossigeno fin dall’inizio. I nomi ve li lascerò scoprire fra qualche minuto.

Intanto parliamo della quarta buona notizia di oggi. Probabilmente nessuno se l’aspetta, sarà dunque una vera sorpresa. Tutti avete capito che il nostro obiettivo sportivo è la costruzione di una squadra nuova sul medio lungo periodo, con la massima integrazione dei nostri giovani, sull’esempio fenomenale di Inti Pestoni e Gregory Hofmann. Per farlo ci vuole un uomo che condivide i nostri valori, un allenatore e formatore di grande esperienza, un head coach che sia un vero leader. Quest’uomo esiste, l’Ambrì ha la fortuna di averlo incontro, si chiama Kevin Constantine.
Ebbene, il regalo che oggi ha voluto farci Kevin è davvero grande ed è LA sorpresa del giorno: abbiamo firmato questa mattina il prolungamento del suo contratto. Kevin Constantine sarà bianco blu per i prossimi tre anni, fino ad aprile 2014. Grazie Kevin, sei un grande e con te l’Ambrì andrà lontano!

Concludo, cari amici, sostenitori, tifosi e giovani: la quinta buona notizia dell’Ambrì siete VOI! Voi che non avete abbandonato la maglia negli anni difficili, voi che ci siete stati nel bisogno, voi che siete qui oggi a gettare le basi per il 75.mo anniversario della nostra squadra, voi che avete accettato in Assemblea anche gli aumenti delle tariffe che ci permetteranno già da quest’anno di finanziare l’Ambrì con meno patemi d’animo. non tutto è perfetto, potremo ancora migliorare molte cose.
Ma quello che conta è quel cambio di mentalità che abbiamo deciso in Assemblea e che sentiamo già in queste settimane: basta disfattismo e mugugni, spazio alle critiche solo se costruttive, e soprattutto largo al pensiero positivo. In questi mesi di crisi l’abbiamo capito fino in fondo: l’Ambrì ha un futuro perché il futuro siamo noi, tutti noi, senza divisioni ma uniti per un solo obbiettivo: dimostrare che l’Ambrì non morirà mai!”

Fonte: www.hacp.ch

Tags: