Valpe: confermato Regan; in arrivo Sirianni

.

Svoltosi questa sera alla Scorpions Bay Arena di Torre Pellice la presentazione della nuova stagione Valpe, presentazione col botto, annunciata la permanenza a Torre del più forte portiere mai visto in Valpellice: Kevin Regan per un altro anno. Questo era già un forte motivo di soddisfazione per i tifosi biancorossi, ma poi dalla voce del presidente Marco Cogno sono uscite le parole che hanno lasciato tutti di sasso, primo grande colpo della Valpe 2011-2012, udite udite il top scorer degli ultimi due campionati, Rob Sirianni che aveva firmato il contratto qualche minuto prima.
Prende così forma la nuova Valpe con le conferme degli italiani Runer, Canale, Pozzi, Silva, One Rivoira e l’arrivo del capitano del Real Torino David Stricker.
Capitolo a parte quello del più forte giocatore mai cresciuto a Torre Pellice, Luca Frigo che sta facendo dei provini per rimanere nel Michigan e giocarsi là le sue carte, magari per tornare tra due o tre anni a Torre e fare la differenza.

Sul fronte stranieri sono già stati riconfermati Nikiforuk, Johnson e a furor di popolo Martinelli mentre tra i nuovi arrivi giunge dalla seconda lega tedesca Bendbrige. Si allontano le strade che portano alla riconferma degli Aquinos e Iannone, definitiva separaziona da McDonoung andato in Germania.

____________________________________________

(com. stampa HC Valpellice) – Rob Siranni, attaccante italo canadese di Edmonton, figlio di emigranti calabresi, è nato il 31/10/1983, alto 180 cm pesa 85 kg. Campione NCAA negli anni 2004-2005 e 2005-2006 con la Bemidji State University, al termine degli studi passa in ECHL con gli Utah Grizzlies per poi approdare in AHL prima con Binghamton poi con i Philadelphia Phantoms con i quali mette a segno 25 punti.
Dalla stagione 2009-2010 approda in Italia, con l’obiettivo di giocare in Nazionale, ed inizia a fare la fortuna del Val Pusteria mettendo a segno la pazzesca cifra di 174 punti in sole 93 partite di Regular season e playoff con 72 goal e 102 assist che gli valgono il titolo di Top Scorer per due stagioni consecutive.
Vinta l’anno scorso la Coppa Italia con i Lupi e dopo l’ennesima stagione da protagonista ha dovuto tuttavia saltare le sfide di semifinale con la Valpe e quelle decisive in finale contro la Valpe a causa della frattura di una vertebra lombare.
Dopo un periodo di immobilità e di rieducazione Rob ha esibito i certificati medici di piena idoneità agonistica ed ha firmato per questa sua terza avventura nel massimo torneo italiano, la prima in Piemonte.
Ala destra naturale ma giocatore completo, Sirianni è l’ideale “uomo squadra” in pista e nello spogliatoio in grado di dispensare preziosi assist e di finalizzare il gioco offensivo della squadra senza mai privilegiare giocate individuali al gioco corale.
Strepitoso gestore del powerplay abbina una classe tecnica superiore che abbina ad un pragmatismo che ne fanno un leader naturale ed imprescindibile nel gioco della squadra che ama iniziare e molto spesso concludere con media di circa due punti a partita!

(com. stampa HC Valpellice) – Kevin “Mr. President” Regan, il fenomeno di South Boston, è stato l’indubbio grande protagonista della scorsa stagione; giunto in Valle dalla prestigiosa AHL dove militava nei Providence Bruins, farm team dei fenomenali (campioni?) nhler Boston Bruins, era tuttavia reduce da un doppio intervento chirurgico che rendeva un incognita il suo rendimento fisico ed una scommessa anche rischiosa per la Società.
Kevin invece non ha avuto problemi fisici, fatta salva una brutta botta ad un ginocchio, ed anzi ha saputo crescere di rendimento partita dopo partita sino a disputare un eccezionale playoff dove, specie nelle sfide di Collalbo contro il Renon, ha di fatto eretto un muro davanti ai dischi scagliati dagli attaccanti altoatesini permettendo alla Valpe di trovare lo storico accesso alle semifinali.
Campione in USHL, miglior giocatore in NCAA, Kevin è stato, a detta degli esperti, il miglior portiere del Campionato nonché il miglior giocatore della Valpe per i propri tifosi chiudendo i playoff alla fantastica media di 94,1% di parate e di 2,73 reti subite a partita dopo una regular season in cui è stato il portiere più bersagliato ed in cui ha effettuato ben 1327 salvataggi pari al 91,4%.
Timido e poco loquace fuori pista, atleta e professionista eccezionale e con una forte personalità e mentalità vincente in pista e nello spogliatoio, Kevin sarà anche per la prossima stagione il pilastro di una squadra costruita già dall’anno scorso nell’ottica della continuità come le conferme di Nikiforuk, Martinelli e Trevor Johnson testimoniano.

[table=163,6]