Il generale Lee a cavallo dei Broncos

Il ritorno del Vipiteno in serie A è battezzato dal 27enne Brian Lee. Il difensore nativo di Berrien Springs nel Michigan ha un fisico roccioso dato da 95 kg distribuiti per 188 cm. Nelle ultime due stagioni ha militato con i Coventry Blaze nel campionato inglese lato EIHL vincendo due anni fa il titolo. Lo scorso inverno ha partecipato con i Blaze alla Continental Cup assieme all’ex Fassa Owen Fussey. Precedentemente Lee ha giocato in Francia al Briançon (con Gagné ex Egna) nella sua prima avventura in Europa.
La sua carriera americana passa dall’OHL fino all’AHL per una stagione con i Norfolk Admirals (assieme all’ex Fassa Caudron e al portiere cortinese Adam Munro) ed alcune partite con i Chicago Wolves di Brian Sipotz (Cortina) compare in difesa. Notevole la sua carriera in ECHL con 50 partite in 143 partite e il premio nel 2008 come miglior difensore degli Stockton Thunder, l’anno in cui ha diviso lo spogliatoio con l’altro difensore David Rohlfs del Cortina e Lance Monych attaccante del Pontebba. Promettente giocatore segnalato dagli Erie Otters, Lee è stato draftato nel 2002 al terzo giro (71° totale) da parte degli Anaheim Ducks.

Lee è stato descritto come forte difensore con un tiro potente che sfrutta nelle situazioni di powerplay.

«Brian Lee, con tutta la sua esperienza di 367 partite con i professionisti, sarà d’esempio ai nostri giovani difensori – ha detto il direttore sportivo Egon Gschnitzer sul sito dei Broncos – Con il suo gioco deciso darà sicurezza davanti alla porta di Tragust, come anche nel gioco negli angoli».

Stats su Eliteprospects

Nella foto (britishicehockey.co.uk), Brian Lee in secondo piano con i compagni del Coventry Blaze: l’ex Egna Adam Calder, Russ Cowley e Joe Henry in visita all’ospedale di Coventry e Warwickshire due natali fa.

[table=165,6]