Ambrì: sarà ancora LNA!

Si è svolta ieri, domenica 15 maggio, a Giornico l’assemblea straordinaria degli azionisti della squadra leventinese. I lavori incominciano con 21 minuti di ritardo vista la grande affluenza degli aventi diritto (circa 800, accompagnati da centinaia di sostenitori assiepati all’esterno della palestra in cui si svolge l’incontro).

Dopo il doveroso ricordo per le vittime di Marrakesh ed un sentito pensiero per Kevin Lotscher (attaccante del Berna investito sabato da un automobilista ubriaco e che ora in coma), prende la parola il presidente Lombardi che ripercorre la passata stagione e gli ultimi 10 anni della squadra ticinese. Il declino incominciato dal 2005 è principalmente attribuito all’aumento dei costi, ai molti infortuni ed ad un importante aumento di budget degli altri club iscritti alla LNA.

E’ quindi il momento di Costantine (che può vantare un 9° posto virtuale durante la sua gestione della squadra) che cerca di dare precise indicazioni su come riuscire a riconquistare i playoff. I principali suggerimenti del coach sono quelli di ingaggiare giocatori svizzeri di talento ed essere pronti a sopperire agli infortuni degli stranieri (si parla di ingaggiare 6 stranieri).

www.rsi.ch

Si passa quindi alla situazione finanziaria. Nella stagione 2010-2011 si è accumulato un deficit di 3,7 milioni di franchi di cui 2 sono stati coperti grazie a donazioni, rimane quindi un deficit residuo di 1,7 miliori che è necessario coprire in tempi brevi.
Ma come? Le possibili soluzioni sono: aumento dei prezzi dei biglietti e delle tessere (+10%), aumento dei prezzi della ristorazione presso lo stadio, riuscire da avere una media di 4000 spettatori per partita, organizzazione di eventi e attività promozionali, ricerca di buoni sponsor elvetici, una raccolta fondi al termine dell’assemblea e durante tutta la stagione, costruzione della nuova Valascia entro 6 anni (anche se questo punto sembrerebbe più una spesa che un “guadagno”, l’idea è quella di una struttura dotata di zone riservate ai VIP, ristoranti, negozi e parcheggio).
Il presidente Lombardi intervistato dalla RSI afferma che il primo obbiettivo è quello di raccogliere 3 milioni di franchi con cui coprire il deficit della scorsa stagione e rilanciare la società per la stagione 2011-2012. Già nel 2002 l’Ambrì si era visto protagonista di una simile raccolta fondi con l’operazione “Aiuta l’Ambrì ad avere un futuro”.

www.rsi.ch

Si passa quindi al punto più importante dell’ordine del giorno:
Scenari futuri :
a) permanenza in LNA
b) retrocessione in LNB
c) dissoluzione della società
Dopo una breve discussione si vota: tutti gli aventi diritto (tranne uno) votano per lo scenario A: l’Ambrì è ancora in LNA.

Ora il CdA della società (confermato per acclamazione) cercherà di organizzare le misure necessarie per recuperare fondi ed intraprendere la nuova stagione; seguirà poi l’assembla generale ordinaria già convocata per il 31 luglio.

Tags: