NHL Playoff2011: Shane Doan e la maledizione della Postseason

Di Nicola Tosin

Boston Bruins @ Montreal Canadiens 4-2 (2-0; 1-1; 1-1) [Serie : 2-1 per i Canadiens]

Primo periodo gestito egregiamente dalla squadra ospite : concessa la manovra ai padroni di casa e concretezza ai massimi livelli nelle ripartenze, anche in inferiorità numerica.
Le prime due reti arrivano in situazioni di parità numerica appena ristabilita. Al minuto 3:11, 3” dopo il suo ritorno sul ghiaccio dalla panca puniti, David Krejci (Bergeron, Seidenberg) batte Price. La seconda arriva al minuto 14:38 per merito di Nathan Horton (Chara, McQuaid), 26” dopo il ritorno di Bergeron dalla panca puniti. Nel periodo di tempo tra le due reti, un’occasione divorata da parte del giallonero Campbell. Il buon ritmo dei Canadiens viene sigillato in una confezione sottovuoto e la prima frazione si chiude con uno scambio di regali tra Ference e Pouliot (5 minuti cadauno + 2 per carica scorretta al giocatore dei Canadiens).

I Bruins gestiscono male il PP, anzi, rischiano di vedersi raggiungere dai Canadiens in più di un’occasione. La situazione della rete in parità numerica appena ristabilita si ripresenta, sempre a favore dei Bruins, quando Price, 6” dal ritorno sul ghiaccio di Pouliot, commette un errore rinviando contro un avversario il puck e regalando a Rich Peverley (Recchi) un empty net goal bello e buono. Avanti di 3 e con i padroni di casa notevolmente demoralizzati, Boston non spinge sull’acceleratore per mettere una seria ipoteca sul match. Così, al minuto 7:03, Andrei Kostitsyn (Cammalleri, Hamrlik) sigla la prima rete per i canadesi. Carichi per essersi sbloccati, Cammalleri e compagni spingono per un paio di minuti ma senza riuscire a trafiggere Thomas per la seconda volta. La frazione centrale si chiude con le squadre che si annullano a vicenda a suon di azioni divorate.
Ritmo elevatissimo durante la prima fase dell’ultimo periodo, con i padroni di casa che trovano la rete del -1 al minuto 4:08, con un capolavoro di Tomas Plekanec (Cammalleri, Subban). Gli ospiti gestiscono male un’altra superiorità numerica, come nel periodo centrale, e i Canadiens non forniscono segnali di resa. Il ritmo cala fino a 6′ dalla fine, quando torna, all’improvviso, ad essere di un certo livello. Montreal non trova la rete per portare la partita all’OT e deve gettare la spunga, definitivamente, al minuto 19:34, quando Chris Kelly (Recchi, Bergeron) segna l’empty net goal del definitivo 4-2, dopo una magistrale parata di Tim Thomas.
Il fattore campo non fa parte di questa serie.

Detroit Red Wings @ Phoenix Coyotes 4-2 (2-0; 1-1; 1-1) [Serie : 3-0 per i Red Wings]

Statisticamente parlando, potrebbe sembrare la copia perfetta della partita descritta in precedenza. Non è proprio così, vista la sublime organizzazione di Lidstrom e soci.
Il match inizia a ritmi elevatissimi, con un pubblico che carica a mille i propri beniamini. I Red Wings non si fanno condizionare e gettano subito due cubetti di ghiaccio sul pubblico, così per “raffreddare” l’euforia. Al minuto 1:57 con Ruslan Salei (Helm, Kronwall) e 44” dopo con Drew Miller (Kronwall) : 2-0 Motown city.
I Coyotes reagiscono bene, tentando di battere il prima possibile il goalie avversario. Non se ne parla ragazzi, Howard è in serata di grazia e con una serie di miracoli, non fa variare il risultato fino alla sirena di fine prima frazione.
I primi minuti del periodo centrale, sembrano i fratelli gemelli di quello iniziale : ritmo elevato e Coyotes decisi. Il cronometro segna 1’15”, quando il puck colpisce il palo alla destra di Howard. Decisione, decisione, decisione … ma al minuto 2:50, con Valtteri Filppula (Hudler), arriva la 3a rete degli ospiti. A differenza dei Bruins in terra canadese, i Red Wings tentano immediatamente di ampliare il vantaggio ma i padroni di casa trovano la rete in situazione di superiorità numerica, al minuto 11:43, con David Schlemko (Boedker, Turris).
L’ultimo periodo inizia nuovamente male per i padroni di casa : dopo 45”, “grazie” a un errore di impostazione, Johan Franzen (Ericcson) si trova faccia a faccia con Bryzgalov e lo supera con un’esecuzione perfetta. 4-1 e puck al centro. I Coyotes ci provano il giusto, cioè poco, ma trovano la rete che riaccende le speranze al minuto 13:00, sempre in situazione di superiorità numerica, quando un tiro di Ray Whitney (Vrbata, Yandle) viene respinto sulla schiena di Salei da parte di Howard.
Forcing finale sterile, e senza concrentrazione, da parte di Phoenix. I Red Wings intravedono il passaggio del turno.

Altri risultati :

Philadelphia Flyers @ Buffalo Sabres 4-2 (1-1; 2-1; 1-0) [Serie : 2-1 per i Flyers]
Pittsburgh Penguins @ Tampa Bay Lightning 3-2 (2-1; 0-0; 1-1) [Serie : 2-1 per i Penguins]

Tags: