Il 60° Minuto: Gaborik e gli Hurricanes danno una mano ai Rangers

Serata propizia alle squadre in trasferta quella passata: sono infatti soltanto 2 su 10 i match che finiscono col successo delle squadre di casa. Da segnalare il largo successo dei Rangers nel derby contro gli Isles, che assieme alla vittoria esterna di Carolina all’ HSBC Arena permettono alle Blueshirts di mantenere 2 punti di vantaggio proprio sui Sabres. Rimanendo ad est sconfitta interna per gli Habs che al Belle Centre lasciano strada a Ovechkin e compagni.

I Risultati:

Boston Bruins – Columbus Blue Jackets 3-2 SO (0-1; 1-0; 1-1; 0-0 OT; 1-0 SO)
Atlanta Thrashers – New Jersey Devils 2-4 (2-1; 0-1; 0-2)
Washington Capitals
– Montreal Canadiens 4-2 (2-1; 0-1; 2-0)
New York Islanders – New York Rangers 3-6 (0-2; 2-3; 1-1)
Carolina Hurricanes
– Buffalo Sabres 1-0 (1-0; 0-0; 0-0)

Pittsburgh Penguins – Ottawa Senators 5-1 (1-0; 3-1; 1-0)
Philadelphia Flyers
– Florida Panthers 3-2 (1-2; 2-0; 0-0)
Los Angeles Kings
– Nashville Predators 4-2 (1-1; 2-0; 1-1)
San José Sharks
– Dallas Stars 6-3 (0-0; 2-2; 4-1)
Phoenix Coyotes
– Calgary Flames 4-3 (1-1; 1-0; 2-2)

In un momento cruciale per la loro stagione i Rangers ospitano all’ MSG gli Islanders per il derby della grande mela; in evidenza nel match Gaborik e il neo-acquisto Brian McCabe. Venendo alla cronaca, ad aprire il tabellino sono i padroni di casa con Prust (McDonagh-Dubinsky) che in short-hand mette il puck alle spalle di Montoya. Il raddoppio per le Blueshirts arriva nella seconda parte del periodo con la rete in Power Play di Christensen (Zuccarello-Girardi). L’inizio del secondo periodo vede la reazione degli Islanders che nel giro di 4 minuti prima accorciano le distanze con Moulson (Hillen-Tavares) e poi raggiungono il pareggio con Parenteau (Tavares-Moulson). I Rangers tuttavia non si fanno abbattere e vanno a bersaglio in sequenza con Callahan (Anisimov-Staal M.), Gaborik (McCabe) in Power Play ed infine, a 49″ dalla seconda intermission, con McCabe (Prospal-Callahan) ancora con l’uomo in più. La seconda sirena segna la fine del match per Montoya  che nel terzo periodo lascia il posto a Lawson. Tuttavia il cambio di goalie non sembra giovare agli ospiti che incassano il 6-2 ancora da Gaborik (Christensen-Sauer). L’ ultimo sussulto della serata arriva da Tavares (Moulson-Parenteau) che in Power Play realizza la rete del 6-3 finale.

All’ HSBC Arena va in scena una sfida, tutta interna alla Eastern Conference, che è importantissima in chiave Play Off e la prestazione del goalie ospite, Cam Ward, aiuta Carolina a ridurre a 2 soli punti il distacco dai Sabres che attualmente occupano l’ ultimo posto utile per andar a giocare la postseason.L’ unica realizzazione della serata arriva nell’ ultimo minuto del primo periodo, esattamente al 19’17”, dalla stecca di Sutter (Joslin-LaRose). Per Ward alla fine 40 parate e terzo shutout stagionale; anche il collega Miller non se la cava male e mette a segno 32 salvataggi ma non bastano ad evitare ai Sabres la sconfitta.

Diamo infine il consueto sguardo alle “3 Stelle” della serata: terza piazza per Joe Pavelski (San Josè) autore di 4 assist nel 6-3 contro Dallas. Seconda piazza per Marcus Johansson (Washington) autore di 2 reti nella vittoria su Montreal. Primo posto per Cam Ward (Carolina) autore di 40 parate che gli valgono lo shutout nella vittoria contro Buffalo. Da ricordare inoltre le doppiette di Marian Gaborik (NY Rangers), Jeff Carter (Philadelphia), Joe Thornton e Dany Heatley (San José).